La Valle d’Aosta ha i numeri per passare in zona bianca

I dati consentirebbero alla regione di entrare nella sospirata fascia bianca. Meno di 50 casi ogni 100mila abitanti, Rt a 0,77 e solo 8 ospedalizzati

La Valle d’Aosta potrebbe essere la prima regione a riuscire a entrare nella tanto sognata zona bianca. Dalla sua parte i numeri. Se ciò dovesse davvero avvenire riaprirebbe tutto in men che non si dica, piste da sci comprese. E poi bar e ristoranti senza limitazioni, così come palestre, piscine, cinema e perfino i teatri.

La Valle d'Aosta sogna la zona bianca

La Valle d’Aosta avrebbe infatti tutti i parametri nei livelli richiesti e questo vorrebbe dire uscire dall’incubo del lockdown e delle autocertificazioni e cercare di tornare a una vita quasi normale. Praticamente un’isola felice, per il momento l’unica in tutta Italia. Proprio mentre altre regioni temono di tornare arancioni, se non addirittura rosse, come l’Abruzzo. Ma le cifre parlano chiaro: per la terza settimana consecutiva, la piccola regione segna meno di 50 casi ogni 100mila abitanti, con un valore dell’Rt tra i più bassi del paese, a 0,77 e solo 8 pazienti ricoverati in ospedale. Soprattutto il numero di positivi consente di tenere sotto controllo la diffusione del virus e di dare un certo respiro alle strutture ospedaliere e al sistema sanitario. Su otto pazienti ricoverati in ospedale, sono 2 quelli che si trovano nel reparto di terapia intensiva. Buone notizie anche per la campagna vaccinale. Infatti, secondo i dati della Fondazione Gimbe, in Valle d’Aosta già il 3,13% dei cittadini risulta essere già protetto dal virus, secondi solo alla provincia autonoma di Bolzano.

Cosa vorrebbe dire

Con queste cifre la Valle d'Aosta potrebbe davvero sperare di finire in zona bianca, abbandonando qualsiasi colore. Ricordiamo tra l’altro che questa fascia era stata istituita solo lo scorso gennaio, creata per valorizzare e, in un certo senso dare un premio, alle regioni dove la diffusione del Covid sembra essere sotto controllo. Da una parte un modo per far tornare la popolazione a una vita quasi normale, dall’altra per cercare di far ripartire l’economia e realtà ormai chiuse da mesi. Come per esempio i cinema, i teatri, le palestre e le piscine. Entrare nella sognata zona bianca vuol dire infatti abbandonare d’un colpo tutti i divieti, togliere i lucchetti alle saracinesche e poter finalmente andare al bar o al ristorante anche dopo le 18.

Parlando di Valle d’Aosta poi tornerebbe anche lo sci, uno dei motori trainanti della regione. Anche se, per il momento, potrebbero usufruirne solo i residenti. Meglio di niente comunque. E c’è già chi sogna di passare la giornata sui campi da sci, per poi fermarsi in paese a bere un aperitivo prima di una cena al ristorante. In vigore resterebbero solo le norme principali: l’uso delle mascherine sia al chiuso che all’aperto, il distanziamento tra le persone e l’obbligo di igienizzare le mani. Ancora presto però per cantare vittoria e tirare fuori gli sci dalla cantina, la decisione ultima spetta al ministro della Salute Roberto Speranza, che terrà conto anche di altri parametri.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 18/02/2021 - 14:16

E per sfregio hanno chiuso gli impianti sciistici.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 18/02/2021 - 14:31

Ohibò! Ma come? Una regione ricca di impianti sciistici,che a detta degli "esperti" sarebbe rischiosa,ha i numeri per la zona bianca? Qui qualcuno deve andare a casa ...

ulio1974

Gio, 18/02/2021 - 14:34

Leonida55 14:16: si fa presto a riaprirli: basta premere un pulsante e far ripartire le funivie e skilift. più problematica, invece, la chiusura improvvisata (dopo aver promesso l'apertura).

Albius50

Gio, 18/02/2021 - 15:24

Ma il titolo dell'articolo è già una barzelletta, x dire quello che avete dichiarato bisognerebbe chiudere tutta la REGIONE con i reticolati, per non far entrare nessuno, l' OASI si mantiene se non viene inquinata da nessuno agente esterno.

fabioerre64

Gio, 18/02/2021 - 16:04

Tutta Italia dovrebbe essere zona bianca.

jaguar

Gio, 18/02/2021 - 16:47

Forse quelli del Cts per zona bianca intendono una regione coperta di neve, e la Valle d'Aosta lo è.