Varese, li accusarono di abusi sessuali sui figli: genitori assolti in formula piena

Ad avviare un'indagine erano stati gli operatori di una comunità, cui erano giunte delle segnalazioni dalla maestra di uno dei due fratelli. Da quel momento, i genitori sono stati allontanati dai bambini, nati con gravi malformazioni

Sono stati assolti, con furmula piena, da accusa gravissime: violenza sessuale e maltrattamenti sui due figli, quando erano ancora dei bambini. La sentenza è stata emessa dal tribunale di Monza in queste ore e chiude una vicenda molto dolorosa iniziata sei anni fa, quando una denucnia degli operatori di una comunità per minori della provincia di Varese aveva dato avvio all'indagine. Secondo quanto riportato da Repubblica, da allora, a una coppia era stato vietato di vedere i propri figli, affidati poi alla struttura per minori di Varese da cui era partito tutto.

L'accusa

In base a quanto ricostruito, i due figli sarebbero nati (entrambi) con una grave malformazione che, nel tempo, li avrebbe costretti a diversi interventi chirurgici e molti controlli sanitari. Il loro stato di salute, poi, avrebe avuto un peso anche sulla loro condizione psicologica. Secondo l'accusa, poi, da quando i fratelli avevano 2 e 8 anni e da quando vivevano in provincia di Monza, sarebbero stati costretti a subire violenza sessuale da parte di padre e madre e ad assistere ai rapporti sessuali tra i due genitori.

L'inchiesta

L'inchiesta era stata avviata nel 2014, dopo una relazione delle operatrici della comunità, le quali avrebbero raccolto le confidenze dei bambini. La difesa avrebbe ritenuto quelle presunte testimonianze prive di fondamento, tesi successivamente accolta anche dai giudici del tribunale di Monza. I due fratelli erano stati collocati nella struttura per decisione del tribunale per i Minorenni di Milano, dopo un periodo di supervisione da parte dei servizi sociali brianzoli, a seguito di una segnalazione di una maestra della scuola frequentata da uno dei due, il quale avrebbe raccontato di essere stato costretto a dormire in macchina da suo padre (episodio che, però, non sarebbe mai stato confermato).

La decisione dopo la segnalazione

Dopo la segnalazione, in virtù della sindrome debilitante di cui i bambini soffrivano, il tribunale per i Minorenni aveva rilevato serie difficoltà nei genitori ad assistere entrambi. In base a quanto emerso dagli atti, durante il dibattimento, le difese avevano presentato relazioni e consulenze psicologiche e urologiche, che avrebbero confutato la tesi dell'accusa. E, nelle ultime ore, la perizia del tribunale di Monza ne avrebbe confermato l'esito.

"Nessun abuso"

A chiedere l'assoluzione della coppia, anche se con formula dubitativa, è stata la stessa procura. I giudici, invece, hanno sposato la tesi della difesa, accogliendo la richiesta di assoluzione con formula piena. L'avvocato del padre, Maurizio Bono, nelle ultime ore, ha voluto commentare la sentenza: "I bambini, in virtù della loro grave patologia, erano costantemente sottoposti a controlli medici. Le perizie mediche hanno categoricamente escluso gli avvenuti abusi e maltrattamenti, oltre a stigmatizzare come la malattia aveva influenzato anche la capacità di racconto e di percezione dei minori".

L'ipotesi di un esposto

E siccome le accuse hanno riguardato anche uno zio, la cui posizione è stata stralciata, e una delle nonne, deceduta nel frattempo, i legali stanno valutando se fare un esposto contro gli operatori della comunità: "Hanno accusato un'intera famiglia di aver violentato e costretto a riti satanici i bambini. Ora valuteremo il da farsi".​

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Mur

Ven, 10/01/2020 - 20:03

I Minori risiedevano in Provincia di Varese..i genitori sono stati assolti dal tribunale di Monza...Tutte zone ad amministrazione Leghista, eppure sicuramente nessuno in Parlamento indosserà una maglietta con la scritta: ParlatecidiVarese!...L'unica mossa astuta della redazione è di mettere subito in evidenza un articolo sull'avvocato di Foti..tanto per mischiare le acque...Tutto pur di non ammettere che gli assistenti sociali, ovunque, a prescindere dal colore politico dell'amministrazione, possono sbagliare e se sbagliano vanno sanzionati!

Ritratto di SAGITT33

SAGITT33

Ven, 10/01/2020 - 20:08

Finalmente chi ha sbagliato finisce in galera?

ItaliaSvegliati

Ven, 10/01/2020 - 20:13

E i PDIOTI TACCIONO VERO? Ma non vi vergognate? Credo di no....

silvano45

Ven, 10/01/2020 - 21:03

Il 50% delle cause finiscono con assoluzioni dopo anni di inutile e incivile tortura per persone e famiglie ma la rincorsa ad aprire fascicoli spesso solo per visibilità ma inutili continua.Tutti pagano per i loro errori tranne i magistrati. Troppa visibilità su giornali e tv un uso eccesivo della porta girevole tra la politica e unica categoria a rispondere raramente delle loro azioni ed essere intoccabili questa è la democrazia questa è la costituzione?

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Ven, 10/01/2020 - 21:16

Assistenti sociali,psicologi, psicoterapeuti e strizzacervelli vari, categorie pericolose e perniciose, più danni della grandine!

Ritratto di Lucio Flaiano

Lucio Flaiano

Ven, 10/01/2020 - 21:17

Lucio Flaiano. Comunità, non comunistà...

Ritratto di Paper_

Paper_

Ven, 10/01/2020 - 21:38

I o il giudice che ha emesso questa condanna scommetto che non ha nemmeno una tirata di orecchie. In casi simili condannare i giudici a 6 anni a zappare la terra. Troppo comodo emettere sentenze ingiuste e poi non pagare dazio

Michele Calò

Ven, 10/01/2020 - 22:00

Girano troppi soldi tra case-famiglia, orfanotrofi, servizi sociali, adozioni, avvocati e tribunali. E ora di rivoluzionare il sistema mafioso che arricchisce i soliti noti aiutando economicamente le famiglie naturali e non distruggendo i legami famigliari.

ptck135

Ven, 10/01/2020 - 22:09

Si ripete la stessa situazione di un paese noto in cui gli assistenti sociali vedevano gli asini che volavano?

obiettore

Ven, 10/01/2020 - 22:45

Mur....Non faccia finta di non sapere come lavorano e chi sono certi assistenti sociali... Sono nell'ambiente, conosco i polli.

Mur

Sab, 11/01/2020 - 10:13

"obiettore"..commento veramente ridicolo! Da un anno la Lega e il M5* hanno ripetuto #parlatecidibibbiano...hanno continuamente associato il PD ad accuse, mai provate al momento, di un disegno perverso di sottrazione dei minori per affidarli a coppie inadeguate, omosessuali, ..e ogni volta l'uno legame era il fatto che Bibbiano avesse un sindaco PD..ora un caso analogo che però è già giunto a giudizio con sindaco e amministrazione Lega viene prontamente rimosso dalla I pagina..ma naturalmente lei insinua che gli assistenti sociali sono tutti di matrice sinistrorsa..tutto pur di non ammettere che chiunque può sbagliare e che la campagna contro il sindaco di Bibbiano è stata una vergogna..perchè non erano i bambini che interessavano ma la propaganda politica