Il mistero sulla frase del Papa cancellata all'ultimo momento

Il Papa ieri avrebbe dovuto prendere posizione su Hong Kong. Ma quella frase non è mai stata pronunciata. "Giallo" geopolitico tra le mura leonine

Il Papa ha evitato di leggere una parte di discorso che avrebbe riguardato da vicino la situazione di Hong Kong. Questo, in sintesi, è il retroscena che circola in queste ore. La fonte che ha raccontato il tutto è Stilum Curiae, il blog gestito dal vaticanista Marco Tosatti. Il non detto di questa vicenda è chiaro: Jorge Mario Bergoglio, che è il pontefice che ha contratto un "accordo provvisorio" della durata biennale con la Repubblica popolare cinese, avrebbe scelto da che parte stare, e cioè non contro il "dragone". Ma non esiste una conferma del fatto che il Santo Padre avesse previsto di prendere posizione in merito a quello che sta accadendo nel territorio autonomo.

Il vescovo di Roma è per il multilateralismo diplomatico. E il cosiddetto "fronte tradizionale" ha spesso attaccato il pontefice argentino per la linea sulla Cina. I tradizionalisti ritengono che la Santa Sede non si sarebbe dovuta accordare con Xi Jinping. Il patto prevede però che il Papa sia riconosciuto quale autorità religiosa legittima. E Francesco, in questi primi due anni, ha potuto anche nominare vescovi ed istituire nuove diocesi. La questione è insomma molto discussa. Una delle tante che divide la Chiesa cattolica ai giiorni nostri. Tra i contrari all'"accordo provvisorio", vale la pena citare il cardinale Joseph Zen, ex arcivescovo di Hong Kong. Quella del cardinale Zen è una vera e propria battaglia, con più di qualche accento sull'incompatibilità tra la dottrina cristiano-cattolica e l'ideologia comunista. Zen pensa che la Chiesa cattolica, più che stringere patti, dovrebbe confidare nella caduta del comunismo, per poter recitare in seguito un ruolo nella ricostruzione cinese. In Santa Sede, invece, hanno un'altra visione. Ma cosa avrebbe dovuto dire papa Francesco secondo il blog sopracitato?

Il blog di Marco Tosatti ha riportato un virgolettato che vale la pena citare per intero: "In questi ultimi tempi, ho seguito con particolare attenzione e non senza preoccupazione lo sviluppo della complessa situazione a Hong Kong, e desidero manifestare anzitutto la mia cordiale vicinanza a tutti gli abitanti di quel territorio. Nell’attuale contesto, le tematiche trattate sono indubbiamente delicate e toccano la vita di tutti; perciò è comprensibile che ci sia una marcata sensibilità al riguardo. Auspico pertanto che tutte le persone coinvolte sappiano affrontare i vari problemi con spirito di lungimirante saggezza e di autentico dialogo. Ciò esige coraggio, umiltà, non violenza e rispetto della dignità e dei diritti di tutti. Formulo, poi, il voto che la vita sociale, e specialmente quella religiosa, si esprimano in piena e vera libertà, come d’altronde lo prevedono vari documenti internazionali. Accompagno con la mia costante preghiera tutta la comunità cattolica e le persone di buona volontà di Hong Kong, affinché possano costruire insieme una società prospera e armoniosa". Parole che non sono state proferite durante la giornata di ieri.

Non esistono dubbi sul fatto che il Vaticano, attraverso il pontificato dell'ex arcivescovo di Buenos Aires, abbia fatto dei passi in avanti in direzione della pacificazione tra i cattolici e la Cina. La base cattolica - anche quella italiana - non è tutta concorde sulla bontà dell'operazione. Dopo due anni, le parti avevano previsto di aggiornarsi sul reale funzionamento dell'"accordo provvisorio". Ma la pandemia non ha consentito alla Santa Sede ed alla Cina di poter verificare come siano andate le cose. Circola una voce secondo cui il patto sarà tacitamente prolungato al fine di una verifica effettiva. L'interpretazione del perché Bergoglio abbia optato per saltare quel passaggio può variare, ma i conservatori sostengono che Jorge Mario Bergoglio non abbia voluto infastidire l'esecutivo cinese. Per quanto dalla Santa Sede - giusto rimarcarlo - non siano arrivate comunicazioni ufficiali sul fatto che quel virgolettato dovesse far parte del discorso domenicale del Santo Padre.

Un discorso che alcuni giornalisti avrebbero però avuto modo di leggere in anteprima, nonostante l'embargo. La lettura degli "anti-bergogliani" è chiara: Francesco ha preferito il politicamente corretto. Per tutti gli altri, questa storia può rimanere sul piano del "giallo Vaticano".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Calmapiatta

Lun, 06/07/2020 - 11:51

La pavidità della Chiesa Cattolica, che tace sulle stragi, quotidiane, di cattolici, e cristiani in genere, nel mondo. Che si rifiuta di condannare le politiche di sfruttamento dell'Africa, per parlare solo di accoglienza,argomento visto con favore dalle elite economico/ finanziarie. Questa Chiesa è schiava del Mondo e non rappresenta più nulla se non se stessa.

Abit

Lun, 06/07/2020 - 12:11

Un peccato davvero. Tuttavia, viste le prese di posizione verso gli "illegali" che continuamente sbarcano sulle nostre coste, una parola per Hong Kong avrebbe potuta essere detta "proteggendo" la Chiesa Cinese di obbedienza vaticana!!

GINO_59

Lun, 06/07/2020 - 12:24

Forse qualche "vescovo" cinese di nomina statale gli avrà suggerito "prudenza".

DRAGONI

Lun, 06/07/2020 - 12:26

I MARTIRI NON "APPARTENGONO" O MEGLIO NON SONO GRADITI ALLA CHIESA ATTUALE QUANDO SONO IN GIOCO INTERESSI TERRENI OVVERO UN CONNESSO MERCATO DI CENTINAIA DI MILIONI DI CONSUMATORI ANCHE SE COMUNISTI!!

giancristi

Lun, 06/07/2020 - 12:31

Si occupino della salvezza delle anime e lascino da parte la politica!

maria angela gobbi

Lun, 06/07/2020 - 12:38

Come accadde a PioXII,EugenioPacelli:denunciare Hitler e mettere in pericolo la Chiesa?e i Cristiani? Il dilemma di un GRANDE Papa,e oggi si ripete,,,,

antonmessina

Lun, 06/07/2020 - 12:41

santo padre????????? ma che dite? siete blasfemi !

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 06/07/2020 - 12:52

i comunisti, che "una volta" erano atei, adesso hanno scoperto di essere cattolici, e guarda caso, soltanto con il papa progressista.... :-)

Ritratto di PollaroliTarcisio

PollaroliTarcisio

Lun, 06/07/2020 - 12:59

Che macchietta.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 06/07/2020 - 13:09

NON SI ERA MAI VISTO UN PAPA NEOLIBERISTA EX GESUITA, MANCAVA NEL CAMPIONARIO STORICO. QUELLO CHE CONTA DAVVERO E' LA FEDE, TUTTE LE CHIESE E RELIGIONI SONO SOLTANTO BUSINESS E POTERE TEMPORALE.

cbastiani

Lun, 06/07/2020 - 13:26

Jorge Bergoglio non ha mai preso posizione sul Venezuela, che per ovvie ragioni dovrebbe essergli piú vicina, non si puó sperare che lo faccia con Xi Jin Ping. Pavido o simpatizzante?

ziobeppe1951

Lun, 06/07/2020 - 13:31

C’è sempre qualcuno al di sopra di lui

highlander01

Lun, 06/07/2020 - 13:48

Essendo giunto Gesù nella regione di Cesarèa di Filippo,chiese ai suoi discepoli:«La gente chi dice che sia il Figlio dell’uomo?».Risposero: «Alcuni Giovanni il Battista,altri Elia,altri Geremia o qualcuno dei profeti».Disse loro:«Voi chi dite che io sia?».Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo,il Figlio del Dio vivente».E Gesù:«Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l’hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli.E io ti dico:Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa».Matteo 16:13-20 Segue seconda parte..

highlander01

Lun, 06/07/2020 - 13:49

Il Nuovo Testamento non fa mai apparire Pietro come il capo della cristianità,e l’apostolo non crede di essere il successore di Gesù alla testa della Chiesa.Il suo Maestro,ch’egli servirà fino al martirio,ha dato a lui e a tutti i discepoli un consiglio che non dimenticherà mai:«Ma voi non vi fate chiamar “Maestro”; perché uno solo è il vostro maestro,e voi siete tutti fratelli. E non chiamate alcuno sulla terra vostro padre,perché uno solo è il Padre vostro,quello che è ne’ cieli.E non vi fate chiamar guide,perché una sola è la vostra guida,il Cristo:ma il maggior fra voi sia vostro servitore.Chiunque s’innalzerà sarà abbassato,e chiunque si abbasserà sarà innalzato»Matteo23;8-12 MEDITATE....

traianus2

Lun, 06/07/2020 - 13:54

Non ci sono dubbi chi appoggia questo tizio vestiti di bianco, sicuramente i suoi amici comunisti. Fortunatamente qualche astuto consigliere lo ha fatto desistere dal pronunciare frasi che avrebbero sconvolto ancora di più la comunità cattolica del mondo e della Cina in particolare. Dovremmo tifare per il vescovo Joseph Zen, che possa sostituire quanto prima questo tizio argentino.

Nicola48ino

Lun, 06/07/2020 - 14:02

France' li cinesi stanno facendo quello che i tuoi predecessori facevano in tutto il mondo. Per questo eviti di parlare della vendita delle poltrone al governo cinese. Le poltrone :nomine di vescovi in cambio di nente. I cinesi sono comunisti e dei comunisti non bisogna mai e poi mai fidarsi, basta guardare in casa nostra.

INGVDI

Lun, 06/07/2020 - 14:04

Che senso ha dar credito alla chiesa bergogliana che si occupa di tutto fuorché di religione? Che senso ha considerare Jorge Mario Bergoglio vicaro di Cristo, quando lui stesso non crede al Cristo vero Dio e vero Uomo?

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Lun, 06/07/2020 - 15:02

Ne approfitto per mettere a confronto la loquacità di Bergoglio e del suo cerchio magico per le navi che dovevano aspettare il via libera ai tempi di Salvini e il mutismo sulla vicenda della Ocean Viking. Sembra impossibile ma così è.

lonesomewolf

Lun, 06/07/2020 - 15:20

@Highlander01 - Dimentichi una cosa, non so se volutamente, perche' e' la chiave del discorso. Gesu' disse anche "Tu sei Pietro e su questa pietra edifichero' la mia Chiesa". Ora potete davvero meditare...

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Lun, 06/07/2020 - 15:48

Vero campione di ipocrisia.

Happy1937

Lun, 06/07/2020 - 15:49

Non ci sarebbe da stupirsi , ha appoggiato perfino un sanguinario come Maduro.

giovanni235

Lun, 06/07/2020 - 16:00

E' solo questione di pusillanimità.Mi aspettavo anche che Francesco intercedesse violentemente,come faceva con Salvini,per chiedere subito lo sbarco (non a casa sua) dei 180 clandestini della Ocean Viching,invece niente.Probabilmente non ne sapeva niente o stava come una delle tre scimmiette:quella con le zampe sugli occhi.

kallen1

Lun, 06/07/2020 - 16:14

Il nostro Papa è, forse, un seguace dei 5S ecco perchè non "disturba" la Cina....

bruco52

Lun, 06/07/2020 - 17:20

il cardinale Joseph Zen parla della "incompatibilità tra la dottrina cristiano-cattolica e l'ideologia comunista..." lo dica anche a quei cattolici adulti che condividono con i comunisti il governo di questo Paese, tipo Prodi, Franceschini, Bindi e compagnia cantando....

Homunculus

Lun, 06/07/2020 - 17:30

E' come quando si è divincolato (con astiosità) dalla presa della cristiana cinese in Piazza San Pietro che gli voleva porre la questione dei cristiani cinesi: non toccatelo sulla Cina, evidentemente per Bergoglio è una questione molto sensibile...

Maura S.

Lun, 06/07/2020 - 17:59

lonesomewol, per continuare gli insegnamenti di Cristo, che questo nuovo papa pare se li sia dimenticati. Bisogna aggiungere che Cristo disse anche " il mio regno non è di questo mondo" e aggiunse, "date a Cesare quello che è di Cesare a Dio quello che è di Dio " Ormai la chiesa non è che un partito e i suoi alti prelati simili ai governanti di un paese sono assuefatti alle delizie di questo mondo hanno dimenticato quello celeste. Questo è quanto, purtoppo.

sparviero51

Lun, 06/07/2020 - 18:18

PRATICAMENTE CON CICCIO E GIGGINO SIAMO ROVINATI !!!

barnaby

Lun, 06/07/2020 - 19:48

Questo signore è stato messo sul trono di S.Pietro da quelle élite globaliste e finanziarie che tendono al possesso del mondo attraverso satanici disegni di sostituzioni etniche anti-umane. Non meravigliamoci se Bergoglio non ha mai preso posizione sulle persecuzioni dei cristiani in Africa e in Asia, mentre non perde occasione per agevolare l'immigrazione selvaggia in Italia e in Europa. E' questo il suo compito e lo esegue fedelmente.