Vibo Valentia, cinese picchia figlio di 7 mesi. Arrestato

L'aggressione al piccolo sarebbe nata al termine di un litigio con la moglie. A fare le spese della follia dell'uomo è stata anche la coniuge

Vibo Valentia, cinese picchia figlio di 7 mesi. Arrestato

Un cinese di 29 anni, da tempo regolarmente residente in Italia, è stato arrestato ieri sera dai carabinieri di Vibo Valentia con l'accusa di aver picchiato il figlioletto di appena 7 mesi.

L'uomo, che gestisce un negozio di abbigliamento insieme alla moglie, ha litigato furiosamente con quest'ultima per cause ancora ignote agli inquirenti: al termine del furioso litigio, avvenuto all'interno della loro attività, si è scagliato contro il piccino che era in braccio alla mamma ed ha iniziato a picchiarlo, colpendo con la sua furia anche la donna. Sono stati i clienti del negozio a chiamare immeditamente i carabinieri, i quali arrivati in un lampo sul luogo della segnalazione hanno colto in flagranza di reato lo straniero, ancora intento a percuotere il figlio.

Il cinese è stato arrestato con l'accusa di maltrattamenti in famiglia e condotto presso il carcere di Vibo Valentia, mentre il bimbo è stato portato in ospedale insieme alla mamma: fortunatamente le sue condizioni non sono gravi, ha riportato delle contusioni alle gambe ed ai glutei e secondo i medici ne avrà per una settimana.

Commenti