Vicini perseguitati per briciole sul balcone: 3 anni a stalker condominiali

Condanna a tre anni di carcere per una coppia di Monza: avevano perseguitato i vicini di casa che avevano fatto cadere delle briciole sul balcone

Vicini perseguitati per briciole sul balcone: 3 anni a stalker condominiali

Avevano fatto cadere delle briciole di cracker sul balcone dei vicini di casa. Per questo una famiglia (una coppia govane e due figli) è stata perseguitata con quello che si è rivelato un vero e proprio "stalking condominiale" durato un anno e mezzo.

I cavi della luce tagliati in piena notte, investimenti fuori dai box, scritte oscene sulla porta, insulti ai bambini. Un'odissea che - racconta La Stampa - aveva portato la famiglia a evitare "uscire nei week end" e "di invitare amici a casa". Fino a quando i perseguitati non si sono decisi a denunciare il tutto in questura. Non prima di aver acquistato un'altra casa e cambiare residenza.

E a fine febbraio la sentenza: il tribunale ha condannato la coppia formata da un 49enne e un 45enne a versare 7500 euro di risarcimento immediato e a scontare tre anni di carcere senza condizionale, né attenuanti generiche per "atti persecutori che hanno causato un perdurante e grave stato di ansia e paura nelle vite" dei vicini. A questo si aggiungerà la causa civile che potrebbe quantificare altri danni.

Commenti