Violenze nel “Cara” di Borgo Mezzanone

È alta la tensione nel centro di accoglienza per i richiedenti asilo in provincia di Foggia

Nel Cara (il centro di accoglienza richiedenti asilo, ndr) di Borgo Mezzanone, un piccolo paese in provincia di Foggia, si stanno registrando negli ultimi giorni moltissime tensioni tra immigrati.
Il centro ospita oltre mille profughi di origine africana ormai ai ferri corti tra loro e con altri immigrati esterni alla struttura.
Sei giorni fa un giovane ivoriano, dopo essere stato ricoverato in prognosi riservata, è stato arrestato per tentato omicidio di un nigeriano. Lunedì sera, c’è stato l’accoltellamento alle mani e alla gamba di un giovane del Togo ed il ferimento di altri due nigeriani. Ancora, martedì pomeriggio, arriva la denuncia di aggressione da parte di due ospiti della struttura aggrediti verbalmente e fisicamente da altri due extracomunitari clandestini, che vivono all’esterno del Cara. Il centro sorge in un’ex pista di atterraggio, utilizzata soprattutto durante la Seconda Guerra mondiale e che oggi torna in vita, sotto altre vesti e in una “guerra” diversa. Ci vivono circa 500 clandestini in media e la tensione è sempre più alta. Molto spesso arrivano a colpirsi con coltelli o bastoni, ma non solo. Secondo fonti di stampa, infatti, negli episodi di violenza è stato versato anche gasolio sugli occhi delle vittime. Crudeltà inaudite che, nonostante l’intervento delle forze dell’ordine, sembrano inarrestabili con buona pace di tutti i discorsi su accoglienza e integrazione.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

killkoms

Ven, 22/04/2016 - 17:42

i "doni " di franceschiello!

Aegnor

Sab, 23/04/2016 - 11:41

Teniamoceli stretti questi doni e impariamo il più possibile dalle loro usanze onde elevarci spiritualmente e culturalmente