Lo sfogo dell'infermiera su Conte: "Ci considera eroi? Ci dia le mascherine"

Gli infermieri in prima linea contro il coronavirus. La paura di infettarsi. I dispositivi di protezione che scarseggiano: "Un mese d'inferno"

"Di mascherine ce ne consegnano una a testa, per tutto il turno. Quando arrivi in ospedale trovi quelle di tipo FFP2 dentro una busta, una per ogni operatore presente. La indossi e poi non puoi più cambiarla". La voce di Emma è stanca, ma decisa. Da giorni è tra i tanti infermieri che combattono in prima linea il coronavirus. Assiste i pazienti, li aiuta quando necessitano del "casco" con ventilazione assistita, controlla i valori di saturazione, la temperatura, cerca di sostenerli come può nella loro "solitudine mai vista prima". Emma sa che il suo lavoro, insieme a quello dei medici, è essenziale per il Paese. "So di rischiare", dice, "ma non mi tiro indietro". Quello che proprio non le va giù, è la retorica di chi ne decanta il coraggio senza fornire sostegno adeguato: "Lo dico anche al premier Conte. Mi considera un eroe? Allora mi dia le armi per combattere questa battaglia".

Emma - il nome è di fantasia per garantirle l'anonimato - lavora al Policlinico Tor Vergata di Roma, una struttura "sovvertita" interamente per essere trasformata nel "Polo Covid" del Lazio. Per ora, spiega, "ci sono 36 letti nel reparto di malattie infettive dedicate al coronavirus, 20 in pneumologia più altri 14 posti in terapia intensiva". L’obiettivo è quello di arrivare quasi a duecento, ma chi lavora all’interno spera che l'aumento dei ricoveri vada di pari passo con una migliore organizzazione. "Non possono mandarci con i sassi contro i carri armati. Qui è il caos. Se vogliamo fermare il virus, devono fornirci protocolli chiari, farci formazione, aggiornare le disposizioni ormai superare e garantire mascherine in maggiore quantità".

Anche perché, altrimenti, il rischio è che gli "eroi" si trasformino in untori. "Lavoriamo a contatto con gli infetti. Se sbagliamo una semplice manovra, anche solo a toglierci i guanti, rischiamo il contagio. Una mia collega di Pronto Soccorso se l’è beccato, forse broncoaspirando un paziente: quando tutto è cominciato, si usavano solo mascherine chirurgiche non filtranti". I dati ad oggi parlano di 6.205 sanitari positivi al coronavirus, il 9% del totale nazionale, una potenziale autostrada di diffusione per il virus. "Siamo costretti a lavorare finché non arrivano i sintomi. Ma questo non significa che non possiamo trasmettere la malattia". Di mascherine FFP3, le più efficaci, non se ne vede l'ombra da inizio marzo. Quelle disponibili sono contate. E l’elastico che le tiene attorno al viso "è attaccato con due spillette". "La cosa più grave - insiste Emma - è che secondo le disposizioni dobbiamo riutilizzare la stessa mascherina anche se siamo costretti a toglierla per qualche minuto". Magari serve soffiare il naso, prendere un caffè, mangiare qualcosa. "La tolgo facendo attenzione a non toccare la parte frontale con le mani, la appoggio da qualche parte e poi la rimetto". Alla fine la indossa anche per "otto o dieci ore di fila", sebbene le indicazioni dell’Iss dicano che le filtranti possono essere utilizzate "fino a quattro ore al massimo" e che sono, "per certificazione", prodotti "monouso". L’obiettivo dichiarato è quello di non sprecare un bene ormai diventato prezioso. Il policlinico, ha spiegato il commissario straordinario in una nota, ha l'obbligo di "attenersi alle raccomandazioni regionali" sulla razionalizzazione dei Dpi. L'emergenza però è tale che, in questo momento, pensare al risparmio delle mascherine suona stonato.

A Tor Vergata peraltro parte del personale "è stato preso dalla chirurgia e gli è stato affidato un intero reparto infettivo Covid". Mica semplice, per chi non è abituato a lavorare coi virus. Va bene seguire le solite norme igieniche, ma per questo nemico serve una formazione minima e adeguata. "Quando sono iniziati ad arrivare i ventilatori - spiega Emma - venivano inviate le fotografie sul gruppo WhatsApp per spiegare come montarlo". Lo stesso dicasi per la vestizione con l'ormai nota tuta idrorepellente: "La formazione sa come ce l'hanno fatta? Hanno spiegato come indossare gli abiti agli infermieri del primo turno, poi è stato un passaparola. Io spero di seguire le procedure correttamente, ma come faccio ad esserne sicura?".

L'insicurezza sul lavoro si traduce in paura. Soprattutto quando si smonta dal turno e si torna a casa col timore di portare con sé l'infezione, magari rischiando di trasmetterla a parenti, pazienti o vicini. "Ho passato un mese d'inferno. Mi sedevo al tavolo e piangevo da sola. Siamo schiacciati da responsabilità enormi verso la collettività". Emma non vede i genitori da un mese, dorme da sola, si sveste appena torna a casa, lava tutti i vestiti e si fa una doccia nella speranza di lasciare il virus fuori dalla porta. Lontano da figlio e marito. Quando le hanno raccontato dell'infermiera che a Monza si è suicidata, le è venuta "la pelle d’oca", perché in quel gesto vede la sofferenza di tanti colleghi che "soffrono di crisi depressive". È per questo che si rivolge al governo, chiedendo strumenti di lavoro adeguati. "Il mio è uno sfogo, più che una denuncia. Ma a tacere non ce la facevo più".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di filospinato

filospinato

Ven, 27/03/2020 - 13:41

Attenzione... perché se vi manda davvero le mascherine ritornate allo status di semplici infermieri e medici.

maxfan74

Ven, 27/03/2020 - 13:46

Nessun politico potrà mai capire cosa state facendo, un conto è lavorare in un ufficio con l'odore di un buon caffè, un conto e lavorare in sala di terapia intensiva con l'odore della morte.

Robdx

Ven, 27/03/2020 - 13:47

Le mascherine fatevele da voi come diceva il commentatore Maurizio magold con stoffa e carta stagnola.Che spasso certi commenti...io senza una maschera 3M ed occhiali di protezione col cavolo che mi muovo

giudiziodivino

Ven, 27/03/2020 - 13:50

forse più che a Conte dovrebbe chiederlo al suo presidente di regione. Sono le Regioni che dovevano avere stock sufficienti o perlomeno sapere come avrebbero potuto averne. Questa è la Sanità regionalizzata, spesso in mano a delinquenti con colletto bianco (pensiamo solo agli scandali di Formigoni o ai fatti del san donato). La nostra sanità ha dimenticato la sua natura territoriale: abbiamo centri di eccellenza per curare la persona, ma non abbiamo strutture per curare la comunità.I medici di famiglia sono stati mandati allo sbaraglio. Si è taciuto il collasso avvenuto ormai qualche settimane fa degli ospedali lombardi. Nessuna procedura o insieme di protocolli da parte delle regioni per gestire l'epidemia. E' bene ripensare tutto il nostro ssn sotto la gestione centrale dello Stato.

roberto5201

Ven, 27/03/2020 - 13:50

Concordo pienamente e solidarieta' a medici e infermieri, pero' ci sono tanti altri addetti che non vengono mai citati e molto piu' precari delle sopracitate categoria, addetti pulizie, portantini.etc.etc. e per esperienza personale, a chi non va' bene cosi' e stato detto che non c'e' problema a 'dimettersi',

necken

Ven, 27/03/2020 - 13:52

Capisco lo sfogo perche il problema dell emergenza sono proprio il ns personale sanitario che si trova impreparato e mezzi scarsi ed insufficienti; tuttavia mi domando ma gli amministatori delle ASL, Comsip che cosa hanno fatto nel frattempo

Antenna54

Ven, 27/03/2020 - 13:53

In Veneto manco viste le mascherine di Zaia, si devono essere femate a bere un prosecco da qualche parte. Nelle farmacie è peggio del terno al lotto trovarle.

Jon

Ven, 27/03/2020 - 13:55

Ok..filos!! La noi inviamo 500.000 tamponi agli Usa da Aviano, quando ne siamo senza.. E dagli Usa ci mandano militari e bombe..!!

LLG

Ven, 27/03/2020 - 13:57

Come al solito, in Italia ci si affida all'eroismo dei singoli invece di pianificare accuratamente le esigenze. Il premier Conte si è impegnato: "Siamo prontissimi", ha detto. Ora scopriamo che ha mentito alla Nazione, forse inconsapevolmente... ma per un politico anche l'inconsapevolezza è una colpa grave. Se non ha il polso della situazione, non può governare in modo efficiente. E i risultati si vedono: siamo diventati il Lazzaretto del mondo - e sicuramente non per colpa del personale medico, preparatissimo e volenteroso.

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Ven, 27/03/2020 - 13:57

Quindi adesso andate a scovare infermieri arrabbiati in momenti di sconforto per tirare fango su Conte? Bene ottimo giornalismo, proprio quello che ci serve adesso!

jaguar

Ven, 27/03/2020 - 13:59

Se ascoltiamo il governo e la protezione civile in Italia arrivano milioni di mascherine al giorno, poi nessuno sa dove finiscono, c'entra qualcosa la burocrazia?

killkoms

Ven, 27/03/2020 - 14:00

Il paese della burocrazia!come notiziato dal giornale,un imprenditore avrebbe 1,5 milioni di mascherine ma non glie le comprano!

Ritratto di rr

rr

Ven, 27/03/2020 - 14:03

Come spendere il budget sanitario è di competenza regionale quindi se mancano le mascherine bisogna chiederne conto ai dirigenti regionali. Si vede che non la consideravano una spesa utile...

Ritratto di moshe

moshe

Ven, 27/03/2020 - 14:05

Conte, come tutti i falliti avvocati di ufficio, sanno solo fare una cosa, parlare per giustificare la loro presenza ...

dagoleo

Ven, 27/03/2020 - 14:05

Conte dovrebbe finirla di sparare cavolate facili e comode da dire da dietro una scrivania. procuri maschere e DPI invece di sparare minchiate. gli eroi veri salveranno anche il suo inutile c..o solo se rimangono in vita e delle sue dichiarazioni di eroismo o delle sue medaglie non sanno che farsene.

dagoleo

Ven, 27/03/2020 - 14:08

se vi compra e vi manda le mascherine l'eroe lo diventa lui con cazzalino. voi siete eroi solo se lavorate senza e rimanete sani ed in vita. le regole del videogioco contesco/casilinesco sono queste.

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 27/03/2020 - 14:08

Conte e il suo governo, sono una vera rappresentanza del comunismo all`italiana, """TROPPE CHIACCHERE, POCHI FATTI E LA GENTE MUORE"""!!!

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Ven, 27/03/2020 - 14:13

Tra l'altro come se Conte o Salvini potessero far apparire magicamente le mascherine, una merce presa d'assalto in tutto il mondo, e che molte imprese stanno producendo riconvertendo gli impianti in una corsa contro il tempo, mentre questo Govreno si sta adoperando in modo egregio per ottenere aiuti da Russia, Cina e altri paesi...ma voi usate toni ridicoi, quasi come se ci fossero montagne di mascherine nascoste magari nelle sedi del PD...roba da asilio Mariuccia!

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Ven, 27/03/2020 - 14:14

Asilo* Mariuccia! Se anche ci fosse Salvini al potere assoluto la situazione non cambierebbe di una virgola peche' le mascherine non si trovano sul mercato per nessuno a prescindere dal colore politico.

steluc

Ven, 27/03/2020 - 14:14

Abolite le asl, vera origine dei guai! Hanno abolito posti letto, chiudendo interi distretti e concentrando in poche strutture, è aumentato i posti poltrona per burocrati strapagati! Poiché il Ssn ,ci dissero, è il migliore del mondo, non si può toccare, invece gran mangiatoia di politica, ecco cosa è.Conte? Troppa roba per un avvocato del foro di Foggia, con un cv incerto e orfano di voti...

lawless

Ven, 27/03/2020 - 14:16

ma i milioni di mascherine arrivate dove sono andate a finire! Lamorgese indaghi e il ministro della sanità lo dica agli italiani, in particolare a quanti sono giornalmente a contatto con gli ammalati che si ammalano a loro volta e che addirittura ci rimettono la vita. Se un governo non riesce a gestire neanche ciò di cui DISPONE diventa lecito pensare o che non è all'altezza del compito o che l'intrallazzo è di casa. E' sconvolgente vedere il personale sanitario immolarsi per le inefficienze di burocrati e di incapaci quaquaraqua

Ritratto di ..coviDEL.pd.

..coviDEL.pd.

Ven, 27/03/2020 - 14:19

POCHE MASCHERINE E POCHI TAMPONI, NIENTE FARMACI AVIGAN, REMDESVIR SCARSA ORGANIZZAZIONE TROPPI MORTI, un ruolino di marcia da PAESE DEL TERZO MONDO

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 27/03/2020 - 14:23

carissima infermiera il nostro premier non ha tempo per le vostre lamentele, a lui interessa mettersi in mostra su Facebook e stilare un decreto inutile a settimana.

Nick2

Ven, 27/03/2020 - 14:24

Con la delibera del 31 gennaio scorso, il Consiglio dei Ministri ha dichiarato, testuali parole: "Stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivati da agenti virali trasmissibili". La sanità è competenza delle regioni. E' giusto che queste si prendano i meriti quando lavorano bene, ma si devono anche assumere le responsabilità quando sbagliano. Era compito delle regioni approvvigionare di mascherine ed altre protezioni il personale sanitario. All’inizio di febbraio se ne trovavano finché se ne volevano. In Lombardia, Fontana e Gallera, non Conte sono si responsabili della morte di decine di medici di base, medici ospedalieri e infermieri.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Ven, 27/03/2020 - 14:26

^(*@*)^ Suvvia medici infermieri ed infermiere avete stancato , sempre a chiedere mascherine, sono poche bastano appena per lor signori politici, loro amici ed amici di amici, per i grandi papaveri italici , specialmente quelli che non hanno mai fatto niente di buono per l’Italia ma che ci sono costati un’immensità, per il papa che l’hanno obbligato perfino a fare il tampone che lui sicuramente per generosità non voleva fare, i principi della chiesa, grandi prelati e giù giù in modo capillare. A FRONTE DI QUESTE PRIORITÀ CARI DOTTORI , INFERMIERE ED INFERMIERI SMETTETELA DI CONTINUARE A FARE RICHIESTE PER RISOLVERE I VOSTRI PROBEMI SECONDARI VISTO CHE SICURAMENTE SONO PRIMARI QUELLI ELENCATI PRIMA.

investigator13

Ven, 27/03/2020 - 14:27

la Protezione civile che ci sta a fare, solo a chiedere soldi, poi non si sa che fine fanno? E' compito della Protezione Civile distribuire a operatori sanitari ciò che occorre per affrontare l'epidemia faccia a faccia con la peste, non solo mascherine ma scafandri per coprirsi a dovere contro il coronavirus, al popolo mascherine guanti e quant'altro per non contagiarsi. La Protezione Civile è un organo istituzionale che fa capo al Governo. Borrelli deve solo pretendere l'aiuto del governo per operare in tempi stretti superare l'emergenza con i mezzi necessari e distruirli alla popolazione.

maurizio-macold

Ven, 27/03/2020 - 14:34

@ ROBDX (13:47). Egregio signore (si fa per dire), io non ho la fortuna di avere disponibilita' di mascherine 3M ed occhiali di protezione adeguati ed ho fatto di necessita' virtu' perche' quando vado a fare la spesa cerco di proteggermi in qualche modo. Lei e' piu' fortunato di me ad avere dispositivo allo stato dell'arte, e deride il mio post definendolo uno spasso. Cosa dirle: risus abundat in ore stultorum.

StefanoOdoacre

Ven, 27/03/2020 - 14:36

un anima scellerata che si autopromosse co te scrisse: "ConteRaffaelloM... Ven, 27/03/2020 - 13:57 Quindi adesso andate a scovare infermieri arrabbiati in momenti di sconforto per tirare fango su Conte? Bene ottimo giornalismo, proprio quello che ci serve adesso!" Caro "conte" Mascetti ci vedrei bene te ad aver a che fare 8-12h al giorno con piscio,sangue,mxxxa,catarro e pus senza nemmeno avere i presidi sanitari adeguati per evitare l'infezione... Questa infermiera ha ragione... I nostri governanti hanno fallito facendo passare l'infezione ed ora la "colpa" DEVE ESSERE: 1)dei positivi che non si trovano(piaccia o non piaccia siamo quasi tutti positivi ma W la caccia alle streghe) 2)di "presunti ignoti" che hanno permesso che non ci fossero mascherine ,camici e guanti (son sempre i nostri politici che stornano la colpa su "ignoti")...

istituto

Ven, 27/03/2020 - 14:38

Cara infermiera, le mascherine dovete chiederle al Governatore rosso della Toscana che ha stanziato 80.000 euro per appoggiare un consultorio transgender lgbt. Per quelli e non per gli ospedali i soldi pubblici ci sono. SINISTRA SENZA VERGOGNA.

Ritratto di WSilvioW

WSilvioW

Ven, 27/03/2020 - 14:51

Ma amisci legaioli! Ma come, prima certuni rivendicano le competenze regionali, la Sanita' alle regioni, l'Istruzione alle regioni, la gestione delle bocciofile alle regioni... poi mancano le mascherine, i ventilatori, i guanti e la colpa e' del governo comunista del povero Conte, che se ci fosse stato il Capitone avrebbe mandato tutti a laura' il 27 febbraio col Coronavirus, (una semplice influenza), come da apposito filmato. Amisci legaioli, vogliamo affidarci al Capitone, o seguire la leadership dei legaioli d'oltreoceano? Il Trump (un Capitone d'America) vorrebbe che i legaioli americani ritornassero al lavoro a Pasqua, in premio l'ovetto al Coronavirus per tutti. Paese che vai legaioli che trovi.

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Ven, 27/03/2020 - 15:11

lawless Ven, 27/03/2020 - 14:16: i milioni di mascherine arrivate vengono usate molto velocemente in quanto vanno cambiate spesso e abbiamo decine di migliaia di medici e infermieri al lavoro, per cui se ne usano milioni al giorno.

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Ven, 27/03/2020 - 15:14

Per la precisione ci sono 647.048 dipendenti del SSN per cui anche solo usando 1 mascherina a testsa vediamo il fabbisogno incredibile che di certo Salvini non potrebbe magicamente colmare.

Nick2

Ven, 27/03/2020 - 15:25

Istituto, ti tiri la zappa sui piedi. Il coronavirus ha numeri da incubo in Lombardia...

timoty martin

Ven, 27/03/2020 - 15:28

Bravo! Conte ed altri politici: poche chiacchiere, bisogna agire meglio, più rapidamente. I ritardi, le incertezze, le mancanze, i disordini, sono frutti di tanti sistemi amministrativi mal funzionanti, di incapacità organizzative, di intoppi burocratici. Sveglia, ci sono tante vite da salvare.

ilguastafeste

Ven, 27/03/2020 - 15:31

Per me non sono eroi, stanno facendo il loro lavoro. I medici che lavorano nei reparti infettivi ci sono sempre stati e nessuno li ha mai considerati eroi. Certo vanno aiutati, ma non sono eroi.

StefanoOdoacre

Ven, 27/03/2020 - 16:09

timoty tiidame te scrisse: "timoty martin Ven, 27/03/2020 - 15:28 Bravo! Conte ed altri politici: poche chiacchiere, bisogna agire meglio, più rapidamente. I ritardi, le incertezze, le mancanze, i disordini, sono frutti di tanti sistemi amministrativi mal funzionanti, di incapacità organizzative, di intoppi burocratici." Come volevasi dimostrare: la colpa e' dei "soliti ignoti"...

Robdx

Ven, 27/03/2020 - 18:02

Maurizio magold che dire ognuno della propria salute fa ciò che vuole ma il suo messaggio dimostra ancora una volta che sarebbe meglio studiare ed informarsi perché il fai da te è pericoloso per lei ma soprattutto per gli altri.Le ripeto studi si documenti prima di parlare ed in questo caso di agire

florio

Ven, 27/03/2020 - 18:35

@maurizio-macold, quando le cose non si sanno, e si parla per ideologia, molto meglio tacere e passare da stupidi che aprire bocca e togliere ogni dubbio!