Visite come film porno: la Procura indaga (ancora) sul chirurgo di Parma smascherato da "Le Iene"

Aperto un nuovo fascicolo sul medico, già sotto processo per violenza sessuale aggravata, che molestava le pazienti durante le sue visite

Visite come film porno: la Procura indaga (ancora) sul chirurgo di Parma smascherato da "Le Iene"

La Procura di Parma torna a indagare su Gianfranco De Lorenzis, il chirurgo già sotto processo per violenza sessuale aggravata, che trasformava le sue visite alle pazienti in veri e propri film porno.

A metterlo sotto torchio, oltre alla magistratura, ci hanno pensato anche Le Iene, che grazie a Giulio Golia, una complice e le telecamere nascoste, hanno filmato il modus operandi del medico durante un controllo.

E così, anche grazie ai servizi della trasmissione Mediaset, la procura parmense ha aperto un nuovo fascicolo a carico di De Lorenzis, al quale è stato sequestrato lo studio nelle ultime ore: gli inquirenti hanno preso possesso del cellulare, del computer e delle cartelle cliniche delle sue pazienti.

La testimonianza di una vittima, raccolta propria da Le Iene, è scioccante. Una donna, infatti, ha raccontato: "Sono stata penetrata da lui. Forse la colpa è mia che tornavo da lui […] Me lo sono ritrovato a leccarmi le parti intime. Mi ha detto di stare in silenzio perché nell’ufficio accanto c'era la moglie e io sarei passata per la rovina famiglie […] Mi ha preso per i capelli e mi ha messo il pene in bocca. Ho vomitato. Gli ho chiesto perché lo faceva. E lui diceva che era colpa mia. Mi sento tuttora sporca".

Commenti