"Volete lavorare? Studiate poco". È polemica su Confindustria

In una lettera alle famiglie il consiglio degli industriali: "A noi servono più operai"

"Volete lavorare? Studiate poco". È polemica su Confindustria

È polemica a Cuneo su una lettera firmata da Mauro Gola, presidente della sezione locale di Confindustria che, senza troppo girarci attorno, consiglia alle famiglie e ai ragazzi di lasciar perdere i "pezzi di carta" che non fanno altro che dare il titolo di "dottore", ma poco altro in termini pratici.

Al posto di scegliere un lungo perso universitario, suggerisce Golam, meglio dedicarsi a professioni di cui c'è un bisogno reale: operai specializzati, addetti agli impianti e ai macchinari per esempio. Un consiglio che arriva in una lettera aperta ai genitori alle prese con l'iscrizione dei figli alle scuole superiori e che ha suscitato più di una polemica.

Si dà "più importanza ad aspetti emotivi e ideali piuttosto che all’esame obiettivo della realtà", sostiene Gola, che incoraggi invece i giovai a scegliere altre destinazioni per il proprio futuro. "Qualsiasi percorso scolastico individuerete, avrete fatto una buona scelta - dice - ma è nostro dovere, come imprenditori, segnalarvi le esigenze delle nostre imprese".

Commenti