Woody Allen si difende: "Accuse false e scandalose"

L'agente e l'avvocato del regista rispondono alle accuse di molestie sessuali lanciate dalla figlia adottiva Dylan Farrow

Woody Allen non ci sta, e spedisce al mittente le accuse di molestie su minori. Le insinuazioni della figlia adottiva, Dylan Farrow, che aveva spedito una lettera aperta al New York Times in cui accusava il regista di abusi sessuali che avrebbe subito in tenera età, sono "false e scandalose". A parlare è l'agente del regista, Leslee Dart, che ha replicato alle accuse della Farrow definendole prive di ogni fondamento. Anche l'avvocato di Allen, Elkan Abramowitz, si è espresso sulla vicenda: "È tragico che una storia inventata da un'amante vendicativa torni a galla dopo 20 anni e dopo che le autorità indipendenti l'hanno esaminata e respinta. La responsabilità della sofferenza di Dylan non è né di Allen né della stessa Dylan".

Bisogna ricordare come già nel 1992 Woody Allen fosse stato accusato di fatti analoghi, ma l'inchiesta che ne nacque si rivelò inconcludente e contro il regista non venne formulata nessuna accusa formale. Sui fatti di questi giorni è intervenuta invece anche Cate Blanchett, protagonista dell'ultimo film di Allen, "Blue Jasmine" e citata da Dylan Farrow nella lettera al quotidiano newyorkese: secondo quanto riporta The Guardian, l'attrice australiana ha detto che si tratta di "una situazione dolorosa per la famiglia. Gli auguro di trovare una soluzione e un po' di pace".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

berserker2

Lun, 03/02/2014 - 13:59

Ma suuuu, state a guardà il capello!!!! E' un Grande Artista! Un Maestro! Come roman polanskj.

agosvac

Lun, 03/02/2014 - 14:06

La pedofilia è sicuramente abominevole. Non l'ho mai capita e non riuscirò mai a capire che gusto ci possa essere in un sesso non condiviso. Infatti una bambina o un bambino in tenera età in certe cose non provano neanche piacere, solo dolore. Detto questo mi sembra strano che una persona come Woody Allen , ammesso che abbia queste tendenze, possa cercare il proprio piacere trasgressivo nelle mura della propria casa correndo questo enorme rischio di essere scoperto e denunciato! Queste sono cose che farebbe un cretino, non una persona intelligente come Allen.

Ritratto di Giuseppe.EFC

Giuseppe.EFC

Lun, 03/02/2014 - 14:06

Trattandosi di Woody Allen, di cui sappiamo le vicende, (l'ultima che ricordo trattava di una relazione con la figlia adottiva, ma magari mi sbaglio) non ho capito se è falsa (e scandalosa) la parte i cui lei dice che "Per quanto mi ricordo mio padre mi ha sempre fatto cose che non mi piacevano" oppure l'accusa nel complesso. Ma in realtà non mi interessa: quelli come lui a Hollywood sono intoccabili. Politicamente dalla parte giusta, e amici che politicamente sono dalla parte giusta - e che molto opportunamente, guardano dall'altra parte e fingono di non sapere né vedere. Dio non voglia che gli articoli dei giornali facciano pubblicià negativa al film!

Albaba19

Lun, 03/02/2014 - 14:19

sono cose personali e la vita privata non deve essere confusa con quella pubblica........mm....mi sembra di aver già risentito questa frase.

vince50

Lun, 03/02/2014 - 15:11

Dire che l'accusa è gravissima è dir poco,non lo so io non c'ero,in ogni caso ormai è sputtanato colpevole o meno che sia.

biricc

Lun, 03/02/2014 - 15:26

Agosvac, Allen mica è intelligente è solo furbo e poi i suoi film fanno da vomitare infatti piacciono solo a quelli che fanno finta di capirli.

Ritratto di atlantide23

atlantide23

Lun, 03/02/2014 - 19:07

oggi i miei commenti non piacciono alla redazione....

Ritratto di atlantide23

atlantide23

Lun, 03/02/2014 - 20:06

ho capito: non posso scrivere ebreo....

Ritratto di stock47

stock47

Lun, 03/02/2014 - 20:46

Non dico che le accuse siano false ma non dico nemmeno che le accuse sono vere. Indicare qualcuno come pedofilo non vuol dire che chi accusa sia un santo e chi viene accusato un verme, senza nemmeno sapere cosa dice e se contro ribatte. Tra l'altro questa storia, nata nel mondo del cinema e con una figlia che ha ormai 28 anni, puzza più di ricatto per soldi, che di offesa della propria infanzia.

Ritratto di Senior

Senior

Mar, 04/02/2014 - 09:24

Credo di aver sentito la stessa cosa decine di anni or sono. Anche allora ci fu uno scintillio di offesa maestà, poi il tempo che si dice sia galantuomo, facilitò un matrimonio tra gli stessi interpreti e le acque si calmarono. Che vogliamo rispolverare i famosi "corsi e ricorsi della storia"? senior