Lo zio di Pamela: "Se cancellano i decreti sicurezza vado in Parlamento con le foto del suo corpo martoriato"

Il gesto choc annunciato dallo zio di Pamela Mastropietro "per ricordare a chi vuole cancellare i decreti sicurezza gli effetti catastrofici dell’immigrazione irregolare"

Lo zio di Pamela: "Se cancellano i decreti sicurezza vado in Parlamento con le foto del suo corpo martoriato"

Tra quelli che rabbrividiscono al pensiero di un esecutivo giallorosso ci sono anche i familiari di Pamela Mastropietro, la diciottenne abusata ed uccisa a Macerata il 30 gennaio dello scorso anno. Ritenuto responsabile di uno degli omicidi più barbari della storia del nostro Paese, il pusher nigeriano Innocent Oseghale, è stato condannato in primo grado all’ergastolo. Una vittoria per la famiglia della vittima e per suo zio Marco Valerio Verni che ha assunto anche il ruolo di difensore nel processo. Tuttavia in questi giorni di trattative febbrili sono montate rabbia e preoccupazione.

È lo stesso Verni a raccontare a Libero di esser pronto ad un “gesto estremo” qualora l’intesa tra i giallorossi dovesse comportare la rottamazione dei decreti sicurezza. Lo zio di Pamela è disposto a “portare fin sotto al Parlamento e al Quirinale le gigantografie del corpo martoriato” di sua nipote. A quale scopo? “Per ricordare a chi di dovere gli effetti catastrofici dell’immigrazione irregolare”. Effetti che hanno reso il corpo della povera Pamela irriconoscibile, tanto da spingere il presidente della Corte d’Assise di Macerata a decidere che l’udienza nella quale sono state mostrate le immagini dello scempio avvenisse a porte chiuse.

Ecco, adesso Verni minaccia di esibirle “per ricordare a chi di dovere gli effetti catastrofici dell’immigrazione irregolare”. Un gesto doloroso che, secondo lo zio di Pamela, è necessario a squarciare il velo di ipocrisia: “Ogni giorno siamo bombardati da immagini strappalacrime di barconi carichi di migranti che la sinistra vorrebbe accogliere senza preoccuparsi delle conseguenze. La stessa sinistra che è rimasta in silenzio quando Pamela è stata violentata ed uccisa con ferocia inaudita”. E le accuse di razzismo non lo spaventano. “Quasi tutte le persone entrate a vario titolo nel fascicolo di Pamela – spiega – sono richiedenti asilo che sopravvivono spacciando droga ai nostri ragazzi”.

Oseghale, approdato alle nostre coste da naufrago, non fa eccezione. Senza contare che, come ricorda l’avvocato Verni, sul suo conto pesa anche il sospetto che sia affiliato alla mafia nigeriana. Nasce da queste considerazioni l’idea di un’azione così dura che, però, rischia di trasformare il corpo di Pamela in terreno di scontro politico. Anche stavolta la replica di Verni è tranchant: “La questione purtroppo si è politicizzata sin da subito e non certo per volere della famiglia, dalla sinistra istituzionale non è arrivato nessun sostegno, mentre da destra è stato acceso un faro. Il problema però dovrebbe esser trasversale perché questa non è una battaglia contro qualcuno ma per il bene di tutti”.