Zurigo, negano una borsa a Oprah Winfrey. "Per lei è troppo cara"

La star della tv americana maltrattata a Zurigo. C'è chi lancia accuse di razzismo. Scuse dalla boutique

Zurigo, negano una borsa a Oprah Winfrey. "Per lei è troppo cara"

Un malinteso difficile da spiegare, che solleva pure qualche velata accusa di razzismo, rivolta a una commessa di Trois Pommes, boutique di Zurigo, che ha risevata un trattamento se non altro poco cortese alla star della tv americana Oprah Winfrey.

La conduttrice televisiva, di colore, si trovava nella città svizzera su invito di Tina Turner, per partecipare al suo matrimonio. Durante un pomeriggio di shopping era entrata nella botique Trois Pommes, chiedendo alla commessa di poter vedere una borsa che si trovava in vetrina. E ricevendo in cambio dalla ragazza, italiana, un: "È troppo costosa per lei. Non se la può permettere".

Una rispostaccia. Dettata dal fatto che la ragazza non aveva riconosciuto la Winfrey - ma non è evidentemente qui il problema - ma anche da un malcelato filo di razzismo. E che ha lasciato di stucco la conduttrice, che dopo avere tentato di convincere la commessa a mostrarle la borsa - raccontano i tabloid americani - si è limitata a a dire: "Probabilmente ha ragione". E ha lasciare il negozio.

La borsa che la star della tv americana aveva addocchiato era effettivamente un oggetto non a buon mercato (38mila dollari). Ma considerando che la rivista Forbes stima in circa 77 milioni la fortuna che la Winfrey si è costruita negli anni, niente che non potesse permettersi. Né un oggetto che una donna non si possa permettere solo perché considerata un cliente di "serie b".

Rapide le scuse dell'ufficio del Turismo svizzero, che "dispiaciuto per l'accaduto" ha criticiato l'atteggiamento della commessa.

La titolare del negozio, Trudie Goetz, che per coincidenza era presente come la Winfrey al matrimonio di Tina Turner, ha parlato di uno spiacevole "malinteso", spiegando che la donna che lavora nella sua boutique aveva comunque mostrato molti altri oggetti alla conduttrice, prima della borsa. Ha poi assicurato di formare i propri dipendenti "per trattare i clienti nel modo migliore" e spiegato che "la dipendente è italiana" e non parla molto bene l'inglese.

Commenti