Premio Cinque terre a Fausto Biloslavo tra gli applausi dei vip

Tanti i volti noti che hanno partecipato alla serata dedicata al Premio giornalistico Cinque terre, quest'anno consegnato a Fausto Biloslavo

Premio Cinque terre a Fausto Biloslavo tra gli applausi dei vip accorsi a Monterosso

Ricco parterre nella splendida cornice di Monterosso, uno dei gioielli delle Cinque Terre in Liguria, dove pochi giorni fa si è tenuta la serata per il Premio giornalistico Cinque Terre fondato da Arrigo Petacco. A ricevere l'ambito riconoscimento, nella prestigiosa azienda agricola Buranco, è stato Fausto Biloslavo, fotoreporter di guerra freelance di fama mondiale, che da anni collabora anche con il Giornale, ilGiornale.it e InsideOver.com, raccontando i principali eventi dai fronti caldi del pianeta.

Tanti i volti noti durante l'evento, a cominciare dal padrone di casa, il senatore Luigi Grillo. Presenti anche i giornalisti Paolo Ardito de Il Secolo XIX, Roberta Della Maggesa de La Nazione e Stefano Zurlo de il Giornale. Il moderatore della serata, incentrata sul dibattito politico nazionale ed estero e sull’evoluzione del mondo dell’informazione, è stato Andrea Camaiora. Tra il pubblico, ad applaudire Fausto Biloslavo e gli altri giornalisti, non sono voluti mancare il sindaco di Monterosso, Emanuele Moggia, e il presidente della Provincia della Spezia, Pierluigi Peracchini, in rappresentanza delle istituzioni locali. Hanno presenziato anche il comandante della Marina Militare dell’Alto Tirreno, l'ammiraglio Giorgio Lazio, l’ex europarlamentare Vito Bonsignore e il presidente della commissione Bilancio di Regione Lombardia, e già assessore alla Salute, Giulio Gallera.

"Mi travestirei da afgano perché in abito elegante o con una giacca da fotografo sarei un obiettivo. Cercherei subito il contatto con i talebani, non prima di essermi fatto crescere la barba", ha detto nel corso della serata di Monterosso Fausto Biloslavo, ipotizzando un suo ritorno in Afghanistan, che potrebbe essere il suo ultimo lavoro come fotoreporter di gerra. La dedizione al lavoro e la qualità dei suoi servizi sono stati tra i motivi che hanno portato la giuria del Premio giornalistico Cinque Terre, presieduta da Maurizio Belpietro, a consegnare il premio a Fausto Biloslavo.

Fausto Biloslavo è un profondo conoscitore dell'Afghanistan e durante l'evento ha cercato di raccontare al pubblico presente la realtà afghana, da lui vissuta da vicino durante i suoi reportage. Il fotografo ha trascorso anche 7 mesi rinchiuso in una prigione del Paese mediorientale, che lui ricorda come "una sorta di catacomba moderna". Era il 1987 e fu il presidente della Repubblica Francesco Cossiga a impegnarsi per la sua liberazione. Ora, Fausto Biloslavo si dice pronto per tornare in Afghanistan e raccontare ancora una volta il Paese nel corso di uno dei suoi tanti sconvolgimenti ma non sarà facile per lui raggiungerlo, ora che i talebani hanno ripreso il controllo e l'Afghanistan è sotto minaccia terroristica.

Commenti