Domani al Valle «Serata d’attore» per salvare l’Eti

Artisti, spettatori, esponenti della cultura e della politica si ritrovano domani dalle ore 20 al teatro Valle per dare il loro sostegno ai lavoratori dell’Ente teatrale italiano soppresso dal Decreto Legge 31 maggio 2010, n.78. Sergio Castellitto, Roberto Andò, Marco Baliani, Mariano Rigillo intervengono alla serata insieme con Alessandro Haber, Maurizio Scaparro, Giuliana Lojodice, Anna Bonaiuto, Pino Strabioli, Marco Bellocchio, Pamela Villoresi, Giancarlo Cauteruccio, Fausto Paravidino, Arturo Cirillo, Emanuela Giordano, Paolo Ferrari, Spiro Scimone, Francesco Sframeli e tanti altri, portando con le loro parole e la loro presenza «la testimonianza dell’indispensabile ruolo civile e sociale del teatro e della cultura, e la necessità -come recita un comunicato diffuso dall’Eti - di evitare la chiusura dell’Ente teatrale italiano, un’altra azione di destrutturazione dello spettacolo dal vivo in Italia, che vive già un momento di difficoltà e incertezza». «La soppressione dell’Ente -continua ancora la nota- andrebbe inoltre a spezzare una rete di relazioni progettuali, a livello nazionale e internazionale, già in essere, impoverendo ulteriormente il sistema del teatro e della danza, con un danno economico e d’immagine, e mettendo a rischio il futuro dei 145 lavoratori dell’ente che appartengono al comparto dei lavoratori dello spettacolo, difficilmente riassorbibili da una pubblica amministrazione». Nel frattempo la sottoscrizione attivata sul sito www.enteteatrale.it ha raccolto più di 6.300 adesioni, mentre ha superato i 7300 iscritti il gruppo facebook «Sosteniamo l’Ente teatrale italiano, sosteniamo la cultura».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti