Donadoni: «Ancora Quagliarella L’under Criscito cresce bene»

Il ct della Nazionale, a Genova per ricevere il premio Gambaro, vede rossoblucerchiato

Fabio Quagliarella e l'azzurro. «Un sogno», aveva commentato l'attaccante della Sampdoria accorso in Campania, lunedì scorso, per assistere al derby Juve Stabia-Cavese. La squadra della sua città, Castellammare, lo ha accolto come un eroe e il blucerchiato ha ricevuto una vera e propria standing ovation prima del match di serie C1. Qui Quagliarella ha parlato della sua avventura con la maglia della Nazionale. Avventura che sembra appena cominciata: «Continuare a giocare in Nazionale è un sogno perché ritengo sia un punto di partenza e non un punto di arrivo, ma devo migliorare ancora per convincere sempre più Donadoni nelle sue scelte».
E il ct della Nazionale, ieri a Genova per ricevere il premio «Gambaro» per il torneo internazionale giovanile organizzato come ogni anno dalla società Baiardo, ha immediatamente risposto alle speranze dell'attaccante sampdoriano: «Fabio - ha detto Donadoni - deve continuare a fare bene come ha fatto fino ad ora. Se proseguirà su questa strada avrà certamente altre chance».
Facile ottenere la Nazionale giocando in una squadra come la Sampdoria? «Perché no? - commenta il ct della Nazionale - Anzi credo che a volte giocare in un grande club possa rappresentare uno svantaggio, visto che potrebbe esserci meno spazio a causa di una concorrenza più agguerrita». Come dire, per Donadoni l'Inter può anche aspettare. E intanto arriva anche una battuta sulla squadra allenata da Walter Novellino: «Credo che Quagliarella alla Sampdoria possa trovare stimoli comunque importanti visto che il campionato dei blucechiati non è ancora finito: un piazzamento per la zona Uefa non è irraggiungibile».
Il ct della Nazionale ricorda il Genoa, nella sua volata, e spunta il nome anche del difensore rossoblù Mimmo Criscito: «Guardo spesso anche la serie B - continua il commissario tecnico azzurro - e per Criscito è già importante essere inserito nel giro dell'Under, ovviamente dovrà continuare a crescere ma ha tutte le carte in regola per fare bene». Benefico, secondo Donadoni, anche il ritorno in serie A della Juventus: «Una Juve in serie A darebbe più interesse, e sarebbe uno stimolo e un incentivo per tutti», mentre sul Genoa preferisce glissare: «Sono stato troppo poco al Genoa per poter dare un giudizio approfondito, certamente sta facendo un ottimo campionato, soprattutto quest'anno con una cadetteria così competitiva».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti