E il principe Emanuele Filiberto manda tutti a letto con il suo pigiama

Emanuele Filiberto di Savoia è un bel principe al punto che potrebbe uscire di casa anche con un regale pigiama e andare all'edicola a comprare il giornale con quell'aria «pigiamosa» di chi si è appena svegliato. Per questo nella collezione che da tre stagioni disegna con la competenza dell'imprenditore Enzo Fusco, la Prince Tees, il capo di punta è la divisa della notte. «Da una piccola collezione di sei pezzi siamo passati a una proposta di quasi cinquanta modelli» spiega Emanuele in total black con giacca smoking, jeans black denim di Jacob Cohen. «Tutto è cominciato con una T-shirt in un materiale speciale che combina cotone e cashmere» racconta parlando dell'innovativo tessuto. Perfetto per realizzare un pigiama h24, lussuoso ma vivibile come una nuova proposta di activewear. «Ho scelto una stampa che ricorda l'acchiappasogni indo-americano per propiziare sogni belli e scacciare quelli cattivi» racconta affermando che il suo sogno più bello è far crescere bene le sue bambine. Ma quello che intriga di più nella presentazione della collezione (ieri a Pitti) è vedere come un pigiama possa trasformarsi in veicolo di comunicazione internazionale per una clientela raffinata che ama l'artigianalità italiana e la cura dei dettagli. Nulla da eccepire, in effetti: in blu per l'uomo e in rosso per la donna, i pigiami riprendono gli stilemi delle classiche giacche e pantaloni per la notte ma sono divertenti e lussuosi. Una buona premessa per pensare, nel futuro, a un total look. LuSer

Commenti