L'ira tedesca contro Draghi. Ma la Bce: "Berlino ci guadagna"

La Bundesbank: "È rischioso acquistare i titoli di Stato". Ma la Bce lo zittisce: "La Germania ci guadagnerà"

Angela Merkel e il presidente della Deutsche Bundesbank Jens Weidmann

All'indomani dell'annuncio del quantitative easing, le distanze tra i sostenitori della mossa di Mario Draghi e i suoi detrattori non si colmano. I tedeschi, in particolare, manifestano di non aver digerito l’operazione. Peccato che la Germania avrà solo da guadagnerci: realizzerà, infatti, un quarto del monetary income complessivo.

La cancelliera Angela Merkel da Firenze, dove ha incontrato il premier Matteo Renzi, sottolinea che "la decisione della Bce non deve frenare il fervore per le riforme e questo vale per tutti e non solo per l’Italia". Al contrario, tutti i governi europei dovranno lavorare in modo ancora più determinato per sgombrare le barriere alla crescita. Ancora più diretto il ministro dell’Economia tedesco Wolfgang Schaeuble. "Mi sembra di capire - ha detto a Davos - che anche il presidente della Bce, Mario Draghi, non crede che la crescita dipenda dall’operazione" del quantitative easing. Pone l’accento sulla rischiosità del quantitative easing anche il presidente della Bundesbank Jens Weidmann: "Non è uno strumento come gli altri - dice - e porta con sè rischi, in particolare quello che non si facciano solide politiche fiscali". In realtà, come stabilisce il trattato della Bce, gli acquisti di bond lanciati con il quantitative easing della Bce produrranno "redditi da operazioni monetarie" che verranno girati alle banche centrali nazionali e potrebbero persino aiutare i bilanci pubblici. E la Germania non avrà che da guadagnarci: realizzerà, come spiega una fonte bancaria, un quarto del monetary income complessivo.

Sul fronte opposto gli italiani e i francesi. Il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco assicura che il quantitative easing sarà "efficace per entità e durata". "C’è stata unanimità nel riconoscere questo strumento come utile e c’è stata una maggioranza molto ampia sul fatto di usarlo adesso - mette in chiaro - molti sono stati a favore, altri non hanno obiettato". Il programma, che inizierà a marzo, ha un avvio "sufficientemente veloce" ed è open ended cioè senza limiti di tempo. "Per cui - spiega Visco - se vedremo difficoltà nel raggiungimento del nostro target dovremo continuare". In pratica, il piano di acquisti potrà essere prolungato oltre il settembre 2016, per raggiungere il target di un’inflazione vicina al 2%. In questo caso, spiega il Governatore, "senza mai pre-impegnarci, valuteremo cosa fare. Il nostro obiettivo a medio termine è arrivare vicino al 2% e siamo molto lontani da questo target". Tuttavia per Visco la politica monetaria da sola non è sufficiente. "Da qui in avanti - ha detto - bisogna lavorare per essere sempre più uniti dal punto di vista fiscale e politico". Sulla stessa lunghezza d’onda Renzi: "Le decisioni di ieri sono un passo in avanti importante, ma non decisivo: guai a pensare che per uscire dalla situazione di stagnazione, di deflazione, possa bastare una sola misura".

Commenti
Ritratto di Alberto43

Anonimo (non verificato)

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 23/01/2015 - 18:30

oh.... i tedeschi ai greci hanno imposto, ora subiscono :-)

angelomaria

Ven, 23/01/2015 - 18:30

I SOLITI FURBON!!!!

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Ven, 23/01/2015 - 18:37

Se continuiamo ad importare cianfrusaglie e tarocchi da paesi dove il costo della mano d'opera è al livello dell'età della pietra grazie allo sfruttamento e alla schiavitù di intere comunità abbiamo voglia a sperare nel quantitative easing o altre diavolerie del genere!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 23/01/2015 - 19:01

hahahaha E' la Germania che ci guadagna perché questa mossa porterà i singoli stati a riprendersi i propri debiti sovrani... quando sarà completato ciò, la Germania uscirà dall'euro in un'Europa in macerie. L'EURO E' FINITO. USA e Sion hanno devastato l'Europa. Terzo mondo.

Ritratto di Ausonio

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Ven, 23/01/2015 - 19:06

L'Europa? Sempre di più questione di soldi!!!!!! Shalòm e Forza Italia

Gianca59

Ven, 23/01/2015 - 19:12

Hanno ragione I tedeschi: darli all' Italia sono soldi buttati via, la lobby, le mafie e I politici li attndono con ansia per far contenti pochi a scapito di tutti.

Giovy99

Ven, 23/01/2015 - 19:14

Chi ci perde saremo noi con gli interessi....occorre riportare la moneta sotto il controllo dei singoli STATI NAZIONALI...altro che BCE S.p.a. e UE!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 23/01/2015 - 19:32

Giovy: per favore me lo spieghi quando mai in Europa, Italia in primis, la moneta è stata sotto il controllo degli Stati nazionali?

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 23/01/2015 - 19:44

qualcuno ci spieghi la "dinamica" dell'egida tetesca sulla Ue..non abbiamo capito bene o ci e' sfuggito "qualcosa" siamo passati da una Ue paritaria...poi all'unificazione TRUFFA tetesca...e poi all'euro spiegare please..

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Ven, 23/01/2015 - 20:03

L'IRA tedesca contro Draghi? Trattasi di refuso ... era la LIRA quella di lontana memoria ... senza apostrofo!

badboy

Ven, 23/01/2015 - 20:46

La Germania e i paesi sani dell'Europa non hanno bisogno di queste valanghe di soldi, perciò non ci guadagneranno molto perchè non venderanno titoli di stato alla BCE. Perderanno invece perchè devono assumersi sempre piú responsabilitá per i debiti di stati falliti come l'Italia e la Grecia. La Francia deve ancora decidere che strada prendere. Perderanno però anche gli italiani bravi e corretti perchè verranno anche in futuro governati da corrotti e incapaci e spremuti da fannulloni e ladri. Alla fine ci sarà un Europa rovinata perché con Draghi si è imposto il menefreghismo mediterraneo...

badboy

Ven, 23/01/2015 - 20:46

La Germania e i paesi sani dell'Europa non hanno bisogno di queste valanghe di soldi, perciò non ci guadagneranno molto perchè non venderanno titoli di stato alla BCE. Perderanno invece perchè devono assumersi sempre piú responsabilitá per i debiti di stati falliti come l'Italia e la Grecia. La Francia deve ancora decidere che strada prendere. Perderanno però anche gli italiani bravi e corretti perchè verranno anche in futuro governati da corrotti e incapaci e spremuti da fannulloni e ladri. Alla fine ci sarà un Europa rovinata perché con Draghi si è imposto il menefreghismo mediterraneo...

Ritratto di pinox

pinox

Ven, 23/01/2015 - 22:44

questa sarebbe un europa unita?.....sono anni che boccheggiamo economicamente a causa della folle politica dell'austerità, e non solo noi italiani, viene preso un provvedimento che potrebbe aiutarci e subito i tedeschi si incazzano??.....ma quale europa unita, quale unione di popoli?....qui ogniuno cerca di tirare l'acqua al proprio mulino e se il vicino sta per morire di sete chissenefrega.....questa è l'europa, mai stata unita, e non lo sarà di certo per questa idiozia della moneta unica per stati ed economie diverse. l'egoismo tedesco è sempre quello della storia degli ultimi 100 anni, sono sempre loro.... solo gli idioti potevano fare un unione monetaria con loro, gli inglesi no di certo!!!!

iononhovotatorenzi

Ven, 23/01/2015 - 23:05

Il QE ha gia' fatto danni: aumento medio del 10% del valore azionario delle banche (valutazione oltre la realtà) valore dei BTP oltre ogni buonsenso ma farà ricchi i grandi fondi che li hanno gia' acquistati qualche anno fa'. l'attuale differenza tra bund e BTP non rispecchia la differenza tra le due economie...dovrebbe essere oltre i 350....vedrete il tempo di fare raccolta di questa scelta BCE che tutto crollerà

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 23/01/2015 - 23:22

Come mai tra tutti e VENTOTTO STATI che compongono l'Unione Europea si sentono solo le ciance della Germania? MA CHI SI CREDONO STI CRUCCHI? I PADRONI DELL'EUROPA?

Pitocco

Sab, 24/01/2015 - 01:57

Non solo i tedeschi ci guadagneranno, ma il rischio di questa manovra assassina sarà scaricata sulle banche centrali, il che vuol dire che il costo della manovra è a carico di tutti gli italiani. Sappiate inoltre che i valori tendenti della manovra per l'Italia saranno di circa 110 miliardi. Inoltre se andate sul sito della BCE NON c'è l'obbligo delle banche a dare denaro all'economia reale, quindi la realtà è molto peggio di quanto qualche scribacchino scrive sui quotidiani!

mifra77

Sab, 24/01/2015 - 08:24

Certo la Germania che mantiene il cappio al collo dei paesi indebitati ed appena qualcuno si agita, stringe a strozzare, rischia di perdere l'egemonia conquistata e perdere così una grossa fetta di guadagno. I tassi usurai e gli spread a telecomando potrebbero perdere efficacia. Purtroppo però rimaniamo nelle grinfie delle stesse banche che ci hanno portato in rovina e di una politica allo sbando; a noi non rimarrà che la tassazione sempre più opprimente!

Ritratto di rapax

rapax

Sab, 24/01/2015 - 15:54

i paesi "sani" come la germania??? ah ah ah..i paesi truffa e bari come la germania UNITA coi soldi di tutti!! ladra

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 25/01/2015 - 12:19

rapax, saluta la vostra anzi nostra divina madre Merkel senza di lei saremmo alla fine.Come voi.

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 25/01/2015 - 15:03

trier...aridatece i soldi della riunificazione LADRONI!!!

badboy

Dom, 25/01/2015 - 15:14

rapax: l'Italia dimostra di essere uno dei paesi piú truffatori al mondo. Fare debiti senza scrupoli per decenni significa mancanza di responsabilitá sia verso la propria società che verso il futuro dei propri figli. E poi pretendere con veemenza che altre societá che invece sono solide ed oneste si assumino tutta la responsabilitá ed il rischio del proprio fallimento e di un futuro che ovviamente in Italia nessuno ha voglia ci cambiare. Ma quanto farabutto bisogna essere per non vergognarsi del proprio carattere...

badboy

Dom, 25/01/2015 - 15:14

rapax: l'Italia dimostra di essere uno dei paesi piú truffatori al mondo. Fare debiti senza scrupoli per decenni significa mancanza di responsabilitá sia verso la propria società che verso il futuro dei propri figli. E poi pretendere con veemenza che altre societá che invece sono solide ed oneste si assumino tutta la responsabilitá ed il rischio del proprio fallimento e di un futuro che ovviamente in Italia nessuno ha voglia ci cambiare. Ma quanto farabutto bisogna essere per non vergognarsi del proprio carattere...

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 25/01/2015 - 16:23

badboy LASCI STARE IL CASO ITALIANO(altro paio di maniche..) parliamo dei LADRI TEDESCHI lei sa come si e' riunificata la germania?? NON COI SOLDI SUOI ma sopratutto con debiti stratosferici e coi soldi di TUTTI i paesi fondatori.. quest'ora se avesse usato soldi SUOI starebbe con le pezze al cxxo, e secondo stima di analisti di fine anni 80 sarebbe scesa a QUARTA economia europea(in quanto economicamente per la germania ovest si ritenne sciagurata una evventuale riunificazione accollandosi un paese distrutto del blocco soviet) ma guarda caso si trovarono i soldi da "altre" parti!! anche con imposizione USA..

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 25/01/2015 - 16:31

badboy se lei moralmente e intellettualmente(al netto delle nostre croniche magagne) da il cuculo alla germania sono affari suoi..se vuol fare il tetesco idem, e' chiaro conosciamo tutti le colpe e tante dello Stato LADRO italico, ma non mi faccia bere la questione della "virtuosa" e "onesta" crucchia solo i fessi ci possono cascare o gli intellettualmente proni all'estero..i tedeschi hanno debiti stratosferici con le banche Usa..dalla fine della seconda guerra mondiale fino alla riunificazione, FATTA CON SOLDI USA e soldi degli ALTRI PAESI ue..oltre che coi loro ovv, l'escamotage e' stato ritenere la GERMANIA OVEST equiparata alla germania "UNITA" sono due paesi e situazioni DIVERSE, andava riconsiderato TUTTO il sistema Ue e recuperare i soldi della riunificazione..invece abbiamo ubbidito ai piani dell'establishiment finanziario USA che a prevedeva il CAPOBASTONE della crucchia "riunificata"

Pitocco

Dom, 25/01/2015 - 17:47

Ecco un esempio di interesse nazionale: campanilismi e critiche al vetriolo da parte di tutti contro tutti. Ma dove volete che andiamo se per un articolino del genere ci si scontro per un mozzicone di sigaretta stracciata?

badboy

Dom, 25/01/2015 - 18:31

rapax: Io non parlo solo della Germania, ma di tutti i paesi onesti che per caso si trovano tutti al nord delle Alpi. Parlando della Germania Lei ovviamente non conosce i fatti e probabilmente si informa qui dal Giornale, che da anni agita contro Europa e Germania a livelli etico-professionali molto discutibili. La Germania dell'Est l'hanno ricostruita completamente con i propri soldi. Negli anni 90 hanno introdotto il "Soli", una tassa extra per tutti i residenti ovest a favore della ricostruzione dell'est (un pó come le nostre sovvenzioni per il sud, ma con risultati assai diversi). In totale si tratta di centinaia di miliardi pagati dalla tasca del singolo cittadino, e tutti lo hanno accettato. E lo stato ha investito altre centinaia di miliardi per le infrastrutture. ... segue ...

badboy

Dom, 25/01/2015 - 18:35

rapax: Hanno agevolato aziende che investivano nell'est, con il risultato che oggi si trovano tante aziende altamente tecnologiche, che hanno creato centinaia di migliaia di posti di lavoro che prima non c'erano. Porsche e BMW a Lipsia producono i loro nuovi modelli. La DHL, le vecchie poste germaniche, ad oggi sono il piú grande corriere del mondo (privatizzato negli anni 90, vorrei vedere le poste italiane...) a Lipsia hanno creato il piú grande centro logistico d'Europa, forse del mondo etc. In pochi anni dovevano risanare un paese molto piú fallito del nostro mezzogiorno (ma meno criminale) e cambiare i loro risparmi (marco dell'est) con cambio 1:1 in marco ovest anche se il valore reale era 1:10. E di risparmi ne avevano perchè non c'era niente da comprare, non sapevano come spenderli. Ironia della storia: con i primi marchi ovest si sono rifatti gli appartamenti e poi un viaggio in Italia, una bella parte di quiei soldi regalati sono finiti qui da noi...

badboy

Dom, 25/01/2015 - 18:35

rapax: Ripeto: la riunificazione se la sono pagata interamente dalla propria tasca e non hanno chiesto aiuto a nessuno. La Germania non é il paradiso, ma le cose che dicono le fanno, un concetto che qui in Italia non esiste. Se vuole sapere di piú Le consiglio di prendere la macchina e farsi un bel giro per la Germania dell'Est, naturalmente d'estate, è veramente bella. Vada a vedere con i propri occhi, si trovi alcuni amici, si guardi le vecchie foto e si faccia raccontare le loro storie...