I tre errori fatali sulla bolletta: ecco quello che non va fatto

Fate attenzione agli errori più comuni che potete trovare in bolletta

Oramai, grazie alla propria pagina riservata sul sito della società che fornisce l'utenza, è davvero difficile che il consumatore non si accorga di qualche errore sulla propria bolletta.

Comunque vada è sempre meglio fare attenzione soprattutto a quelli che sono gli “sbagli” più comuni che possono essere presenti sulle fatture per i consumi.

Il primo tra questi è sicuramente quello di una divergenza in bolletta tra la somma da pagare e quella dovuta. In questo caso bisogna essere bravi a saper leggere il documento - come descritto in un precedente articolo de IlGiornale.It - per comprendere, ad esempio, se si tratti di un’effettiva richiesta errata dovuto ad uno sbaglio nei calcoli o se, ad esempio, sono state addebitati dei conguagli che vanno verificato e conteggiati con attenzione.

Altro errore comune è quello della richiesta di pagamento di una bolletta già pagata. In questo caso è davvero utilissimo avere una propria pagina personale sul sito della società fornitrice perché, attraverso l'area riservata, sarà possibile dimostrare immediatamente, e senza contestazione, l'effettivo pagamento fatto. Negli altri casi, invece, occorre avere conservato, nel faldone "bollette" sulla libreria, la bolletta pagata per un periodo di tempo descritto sempre in un precedente articolo de IlGiornale.It.

Nei casi peggiori, quando il consumatore non riesce a trovare la pezza giustificativa del pagamento effettuato, la situazione si potrebbe complicare arrivando sino alle vie legali qualora si decidesse di non pagare l'importo richiesto. Quindi è sempre bene conservare i documenti contabili in formato cartaceo o digitale.

Ultimo errore è quello dell'addebito in bolletta di servizi non usati e non richiesti. In questo caso occorre prontamente contattare il servizio clienti e spiegare la situazione. Nella buona parte dei casi la società fornitrice provvederà a modificare la fattura ma, nei casi più difficili, invece, sarà necessario procedere con una rettifica attraverso un reclamo da effettuare traminte raccomandata A/R.

Secondo quanto stabilito dall'Arera (Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente) nel momento in cui il cliente ritenga inesatta la somma richiesta per la sua fornitura, ha il iritto di contestarla e richiedere un ulteriore verifica e poi una rettifica e un rimborso.

Logicamente è consigliabile fare questo nel momento in cui si è abbastanza sicuri di essere nella ragione, altrimenti si rischia di incappare in lungaggini burocratiche che potrebbero, nel tempo, diventare delle vere e proprie rogne.

La risposta alla richiesta di rettifica deve arrivare entro 40 giorni di calendario dalla data in cui il venditore ha ricevuto la richiesta. Nel caso in cui questo termine sia superato il cliente non acquisisce automaticamente il diritto al risarcimento ma bisogna rivolgersi all’Arera per l’avvio di un procedimento finalizzato a sanzioni amministrative nei confronti della parte inadempiente.

Per maggiori informazioni sulla rettifica bolletta luce clicca qui per il sito Arera

Per maggiori informazioni sulla rettifica bolletta gas clicca qui per il sito Arera

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Massimo Bernieri

Mar, 23/02/2021 - 10:37

Certo che bisogna conservare tutte le bollette anche stampandole per vedere se ti chiedono un bimestre già pagato.Poi costi in più forse nel mercato libero dove assieme alla bolletta offrono altro.Con servizio a maggior tutela solo spese gestione linea e contatore accise varie e canone Tv che sono ben evidenziate.

peter46

Mar, 23/02/2021 - 11:54

Stefano Damiano...se bisogna tenere tutte le bollette per anni e anni(la 'prescrizione' è stata diminuita solo per i reati non penali, non vale per gli errori della pa,vero?) come mai in alto a dx(che l'abbiano messo apposta in alto a dx x indicare uno dei 'pregi' dei cdx?)viene stampato in ogni bolletta "Grazie:i tuoi pagamenti precedenti risultano REGOLARI".Per prenderci in giro forse?E per farle scrivere n'articolo siffatto invece di scriverne uno,ma TUTTI I GIORNI, contro sta bolletta a me consegnata dove a fronte di 0(zero) consumo viene imposto di pagare spese energia,spesa di trasporto(forse il parcheggio del camion trasportatore davanti casa qualora decidessi di accendere la luce?) e la gestione del contatore e l'IVA sul niente consumato?E quel 'ladro di sogni' degli stellati che gli hanno dato il voto s'è anche permesso di affermare che la bolletta è diminuita.

Massimo Bernieri

Mar, 23/02/2021 - 13:40

peter46.Quando era solo ENEL distributore energia elettrica,i costi di distribuzione,contatore che aveva installato ENEL,erano compresi nel costo energia elettrica e se c'era un bimestre con consumo 0 non c'era nessun costo.Ora con il mercato libero,i contatori rimangono di proprietà ENEL come le liee bassa tensione mentre elettrodotti alta tensione sono di TERNA e pertanto i costi sono evidenziati come una volta il canone telefono dove si pagava anche se non si telefonava perchè comunque il gestore doveva mantenere in funzione la linea.Ora i gestori che vendono energia perchè produttori o altro,devono trasportarla e pagano ENEL e TERNA per il servizio e ti addebitano i costi anche con consumo 0 come chi ha ENEL per servizio a maggior tutela ha questi costi evidenziati.Quanto alle offerte,nessuno regala nulla.Ti possono far pagare energia elettrica un pò meno ma i costi linea accise varie non hanno sconti.

peter46

Mar, 23/02/2021 - 18:27

Massimo Bernieri...grazie.Ora incaricherò me cugggino Pepè se riesce,che ci sa fare col computer,a tradurre in 'bombole' anche l'elettricità come il gas che appunto compro in bombola e non pago bolletta x trasporto, montaggio,e contatore.Se ci riuscirà ci faremo proprio ricchi...e senza altre vocali o consonanti da aggiungere.Grazie ancora...NB:Ma di quel "Grazie.i pagamenti precedenti risultano regolari",cosa mi dici?E' na presa in giro s/za valore legale o No?

Massimo Bernieri

Mar, 23/02/2021 - 18:41

peter46.Per i pagamenti dove scritto che risultano regolari,non saprei se ha valore comunque meglio tenere bollette per 5 anni e energia elettrica per 10 anni perchè c'è il canone Tv che è una TASSA e le ricevute di tasse vanno tenute 10 anni.