Scatta già l'addio al contante Cosa accade con 10 operazioni

Conte accelera sull'operazione cashback: rimborso del 10 per cento su una spesa di 1500 euro. Cosa cambia

Il piano per disincentivare l'utilizzo del contante studiato dal governo, il tanto citato "cashless" così caro a Giuseppe Conte ed al governo giallorosso, è pronto a partire.

Tutto avrà inizio con una fase di sperimentazione la quale, di certo non casualmente visto che si tratta del periodo in cui gli italiani aprono maggiormente il portafogli (anche se quest'anno con la crisi economica consequenziale alla pandemia Covid ed al lockdown imposto dall'alto saranno meno numerosi quelli a farlo), coinciderà col mese di dicembre incluso ovviamente Natale.

Le nuove norme del cosiddetto "cashback", ovvero la promozione dell'uso del pagamento digitale ed ovviamente tracciabile, incentivata da dei rimborsi premio, entreranno in pieno regime nel prossimo 2021. Saranno proprio i regali sotto l'albero ad aprire la via a questo nuovo strumento del governo Conte ed i frutti per i coloro che aderiranno all'iniziativa del pagamento digitale tracciabile si dovrebbero vedere con precisione dal mese di febbraio.

Alcune delle linee sulle quali si muoverà il "cashback" derivano dallo studio della bozza del decreto promosso dal ministero dell'Economia e delle Finanze di cui ha preso visione Public Policy. Stando a ciò che si può da esse evincere, già nella fase sperimentale si potranno testare le condizioni previste per il resto dell'anno prossimo. Già durante il periodo di Natale, quindi, si potrà puntare ad ottenere il rimborso del 10% del totale delle spese effettuate con pagamento digitale tracciabile, ma si dovranno rispettare determinate condizioni per potervi accedere. Innanzi tutto un numero di transazioni con carta di credito pari a 10 o superiore e poi ovviamente un tetto di spesa che non superi i 1500 euro complessivi. Tutto questo, se si dovesse aver diritto al massimale previsto, potrebbe comportare un rimborso fino a 150 euro che, per quanto concerne questa fase sperimentale dicembrina, saranno riaccreditati sul conto corrente del contribuente entro il mese di febbraio.

Come fare per accedere al concorso a premi? Si, perché in effetti dati i super premi previsti per i cittadini che realizzeranno il maggior numero di transazioni digitali appare come tale. Innanzitutto i primi requisiti richiesti sono il raggiungimento della maggiore età e la residenza in Italia, in secondo luogo sarà necessario scaricare l'App Io, cioè l'applicazione mobile gratuita promossa dal Dipartimento per la trasformazione digitale con lo scopo di rendere fruibili i servizi della Pubblica amministrazione su un'unica piattaforma. Al momento della registrazione bisognerà inoltre fornire il codice fiscale, gli estremi di una carta di credito e un Iban, dati necessari per il rimborso "cashback" direttamente sul conto corrente.

I rimborsi dovrebbero arrivare ogni 6 mesi (a luglio per il 2021 ed a gennaio e luglio per il 2022) e, come anticipato, saranno distribuiti anche due cosiddetti "super premi" da 1500 euro per i primi 100mila contribuenti che aderiranno al programma totalizzando il numero più alto di transazioni digitali.

Per partecipare bisognerà essere costanti con il cashless: saranno infatti richieste almeno 50 transazioni ogni 6 mesi, con un rimborso massimo di 150 euro (e 1500 euro di tetto massimo). L'adesione al "concorsone" è volontaria e si potrà abbandonare in ogni momento, pena la perdita dei punti accumulati. Per limitare i furbetti, inoltre, il Mef ha previsto l'impossibilità di far rientrare nell'annovero dei pagamenti da conteggiare quelli frazionati di uno stesso bene di consumo.

È lo stesso Giuseppe Conte ad introdurre con grande entusiasmo la sua "creatura": "Il piano Italia cashless partirà già da dicembre per un sistema più digitale e trasparente con vantaggi sia per i consumatori che per i commercianti", ha esordito il sedicente avvocato del popolo in conferenza stampa, come riportato da AdnKronos. Un sistema che "consentirà a tutti gli acquirenti che acquistano con carte e app rimborsi sino al 10%, con un super cashback fino a 3mila euro per chi userà la carta e con la lotteria degli scontrini". Insomma un nuovo gratta e vinci, ma nessuna paura per chi vorrà continuare ad utilizzare il contante, almeno nelle intenzioni, dato che tutto è stato studiato"senza svantaggiare chi, per ragioni personali, resta legato all'uso del contante".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

CICERONE24

Lun, 19/10/2020 - 18:37

Come se non ci fossero cose più urgenti ed importanti per gli italiani. Buffoni.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 19/10/2020 - 18:43

alla fine non conviene. sono pochissimi ormai quelli che si possono permettere spese superiori a mille euro con carte di credito, figurarsi oltre! inoltre, i contanti servono eccome! ad esempio per pagare i parcometri, per prendere i carrelli della spesa ai supermercati, per comprare giornali, ecc..... piccole cose, apparentemente semplici, che diventeranno impossibili senza i contanti o peggio usando la carta di credito! e se uno vuole spendere gli unici 2 euro sul conto corrente che fa dal benzinaio? avrà il coraggio di chiederlo? o quello gli riderà in faccia? :-) insomma.... era meglio che non avessero mai fatto questo scempio fiscale!!

Surfer67

Lun, 19/10/2020 - 18:47

Praticamente potrei recuperare il 10% su benzina... tabacchi... spesa ecc e l eccedente spenderlo in nero risparmiando almeno l iva? Complimenti siete dei geni!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Lun, 19/10/2020 - 18:49

e ai primi 100 anche una pentola in omaggio!!

necken

Lun, 19/10/2020 - 18:59

1500 euro al semestre sono una cifra possibilissima un po meno le 50 transazioni che andrebbero ridotte, spero valga anche per il bancomat comunque prospettiva interessante

baio57

Lun, 19/10/2020 - 19:06

Come diceva il compianto Guido Angeli...provare per credere...Oppure Mastrota con le pentole,paghi uno prendi due...

Ilsabbatico

Lun, 19/10/2020 - 19:10

Ma non hanno proprio niente da fare ???

tormalinaner

Lun, 19/10/2020 - 19:11

Non capisco la logica della decisione se pago con la carta, forse risparmio il 10% fino a € 1.500 se pago in nero risparmio il 22% dell'iva illimitatamente. Penso che per evirtare l'evasione vada abbassata l'Iva drasticamente è una tassa sui nostri consumi che riduce il potere di acquisto dello stipendio.

zen39

Lun, 19/10/2020 - 19:19

A prescindere dal fatto che poco mi importa se tolgono l'uso del contanti (sono anni che non ne faccio più uso) quello che ormai sospetto da quando al governo ci sono i comunisti è che ogni cosa che decidano venga fatta per punire sempre qualcuno che loro immaginano portatore di chi sa quali e quante azioni dannose per lo Stato. Come si sa la punizione colpisce la maggioranza delle persone normali che si comportano il maniera del tutto leale senza sotterfugi mentre i veri delinquenti brucano altrove. Come fu per il reddito di cittadinza così credo poco ai presunti premi di chi usa le carte e di mezzo ci sia qualche trabocchetto per ottenere un maggior numero di persone da controllare. Il controllo ecco il vero scopo di tutte le azioni degli stati da qualche decennio come se la Cina ci avesse contagiato oltre che col virus "animale" anche con quello "psicopatico" dei suoi governanti. Infatti il suo controllo avviene per "privilegi" e dopo per punizioni.

fabrizio de Paoli

Lun, 19/10/2020 - 19:23

Se permetteremo l'abolizione del contante sarà l'apoteosi della schiavitù totale. Non si potrà più comprare o vendere nulla senza il permesso del padrone, ed ogni volta che avrai il permesso lui deciderà la percentuale che gli devi.

cgf

Lun, 19/10/2020 - 19:30

non riuscirà ad andare fino in fondo per mancanza di… fondi.

rigampi1951

Lun, 19/10/2020 - 19:30

Una visita medica privata, per non aspettare i tempi della sanità italiana, se costa 150 euro con fattura e 120 in nero chi è quel fesso che si fa fare la fattura? Meditate pidioti, meditate

eugubensis

Lun, 19/10/2020 - 19:33

Forse alla verifica pratica sarà una idea sballata, vedremo. In ogni caso quelli che già davvero si preoccupano sono i bottegai furbetti che a milioni dichiarano poco più di una badante e meno di un operaio.

Gianni000

Lun, 19/10/2020 - 19:42

Il regime avanza, Fornire IBAN e carta di credito ad una accozzaglia di informatici di stato che neppure sono capaci di far funzionare le app (vedi INPS, IMMUNI, Agenzie varie, SPID digitale e via dicendo)

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 19/10/2020 - 19:49

ITALIANI POPOLO SEMPRE PIU' BUE !! VI TRATTANO COME BAMBINI CON IL GIOCHINO A PREMI INVECE DI DIMINUIRE IVA E TASSE

ted

Lun, 19/10/2020 - 19:54

Tasse al 60%,rimborso al 10%: fate un po' voi...