Cimbri: "Rc familiare favorisce i ricchi"

«Risparmia chi ha più auto e moto. Le compagnie alzeranno i premi»

Cimbri: "Rc familiare favorisce i ricchi"

È ai nastri di partenza, lunedì prossimo, la cosiddetta Rc familiare. Il numero più ampio di persone che potranno beneficiare della nuova norma sono quelle famiglie che possiedono almeno un'auto e un motoveicolo. L'Rc auto familiare prevede infatti che per assicurare il veicolo a due ruote (o viceversa) i componenti della famiglia potranno usare la classe di merito più favorevole tra quelle maturate da un membro qualsiasi del nucleo. E dunque per assicurare la moto di un neo motorizzato si potrà usare la classe 1, se il padre o la madre sono in questa classe di merito. E la differenza è di tutto rispetto visto che la classe 1 per moto è di 138 euro mentre la classe di entrata, la 14 è pari a 484 euro (tariffe a Milano). Un emendamento appena introdotto però stabilisce che in caso di un sinistro con indennizzo da oltre 5mila euro provocato da un conducente con classe di merito più favorevole ma su un veicolo «di diversa tipologia», per esempio una moto o uno scooter, rispetto a quello da cui discende la classe più bassa, alla prima scadenza della polizza, sul veicolo coinvolto nel sinistro la classe potrà peggiorare fino a 5 punti, rispetto ai 2 regolamentari.

Sul tema ha parlato ieri Carlo Cimbri, ad di Unipol, leader nei «danni» bocciando la nuova legge perché penalizzerà chi ha solo un'auto, avvantaggiando le famiglie più ricche che hanno più auto e moto. Per Cimbri inoltre le compagnie aumenteranno i prezzi per fare in modo che l'operazione per loro sia a costo zero. «La riforma - ha detto - ha aspetti iniqui e non meritocratici». Da notare che Unipol, la compagnia delle coop rosse da sempre vicine al Pd, così assume una posizione critica verso il governo giallorosso.

Secondo una ricerca di Facile.it sono 3 milioni le famiglie che potranno usufruire della nuova norma. L'attuale sistema consente comunque già ai membri di una famiglia di utilizzare la classe di merito più favorevole per assicurare un'altra auto ma solo se il veicolo entra per la prima volta in possesso della famiglia mentre ora si potrà fare anche in caso di rinnovo.