Consob, Giuseppe Vegas: "No a un'austerità senza speranza"

Il presidente Vegas chiede di puntare sulla ripresa dell'economia reale. Il pericolo spread? Non è più il nemico principale. Se non riparte l'economia produttiva non si va da nessuna parte

Consob, Giuseppe Vegas: "No a un'austerità senza speranza"

Il nemico da sconfiggere non è più lo stesso. "Non è più fuori di noi e dentro gli inafferrabili mercati". Si è spostato invece su un terreno più quotidiano, "nelle imprese che chiudono e nel lavoro che manca". A dirlo è Giuseppe Vegas, presidente della Consob, che parlando alla Borsa milanese definisce chiuso il problema del "contagio" derivante dallo spread.

Se il problema principale non è più il differenziale Btp/Bund, c'è però da prestare attenzione a "un'austerità senza speranza", che può facilmente "diventare il detonatore di una crisi generalizzata". Il presidente della Consob sottolinea la necessità di puntare su "economia reale" e "maggiore concorrenza e produttività". Invita poi a non cantare vittoria perché la tregua, "in questo quadro di incertezza" è molto "fragile".

"I rimedi congiunturali non sono sufficienti", aggiunge Vegas. "Bisogna mettere l'economia produttiva in grado di ripartire". L'Italia "ha tutti i requisiti per poter partecipare da protagonista alla crescita dell'Europa". E un passo necessario da compiere è quello verso il risparmio: senza è impossibili realizzare investimenti "per lo sviluppo economico" e "offrire un futuro alle giovani generazioni".

Più poteri per la Consob

Nel suo discorso annuale, Vegas chiede anche maggiori poteri per la Consob, per poter meglio difendere il mercato e nel caso "attivare misure cautelari" contro gli stessi membri dei Cda, ma anche per favorire, con "benefici o esenzioni di pena", chi collabora.

Tobin Tax? Un rischio

Il presidente della Consob dice la sua anche sulla tobin tax, sottolineando come una scelta di questo tipo, pur con i vari correttivi introdotti, possa portare a un "rischio di 'spiazzamento', forse anche irreversibile, sui mercati, in termini di delocalizzazioni di importanti comparti dell'industria finanziaria nazionale e di penalizzazione per l'operatività in strumenti derivati.

Non demonizzare la finanza

"Può tornare a svolgere un ruolo propulsivo". La finanza - dice Vegas - non va "demonizzata", ma non si deve neppure "enfatizzare" il suo ruolo. Ripristinare il legame tra economia e libertà economica, "crescita e finanza", sta "ora al legislatore e alle istituzioni".

Caricamento...

Commenti

Caricamento...