Con il Covid esplode il "trading on line". E per imparare nascono i corsi di finanza

Iscrizioni in forte aumento. Il caso di Trading Room Roma

Con il Covid esplode il "trading on line". E per imparare nascono i corsi di finanza

Il «caso GameStop» ha fatto sognare piccoli risparmiatori e micro investitori. Già un anno fa, con il primo lockdown, gli italiani si erano avvicinati al trading on line, rapiti da piattaforme come Robinhood o Etoro. Ma, negli ultimi mesi, più che una moda investire è diventata una speranza per alleggerire gli effetti della crisi economica scatenata dal Covid e i neofiti più lungimiranti si stanno affidano agli esperti per imparare.

Trading Room Roma, divenuta negli ultimi anni punto di riferimento per traders e investitori nella capitale, da settembre a oggi ha visto raddoppiare le richieste di iscrizione ai corsi. «Dopo i minimi di marzo 2020 i mercati sono saliti e chi ha iniziato a operare e investire ha guadagnato - racconta l'analista finanziario Guido Gennaccari, che ha fondato Trading Room Roma nel 2008 -. C'è molta curiosità e voglia di imparare a fare trading, ma questo non è un gioco dai facili guadagni. Più che un corso, noi offriamo un percorso, che alla fine porta i nostri iscritti all'indipendenza nelle scelte finanziarie e offre loro gli strumenti e le capacità per gestire i propri risparmi in autonomia».

Trading Room Roma nasce come punto di riferimento per i traders professionisti, che volevano condividere esperienze e conoscenze. Poi ha iniziato ad accogliere anche i principianti, con lo scopo di insegnare loro a curare gli interessi personalmente. Tra gli iscritti, che sono di tutte le età, dai 16 fino ai 90 anni, ci sono molti imprenditori in difficoltà o ristoratori che cercano una via d'uscita ai mancati ricavi e quindi al crollo dei profitti di questi mesi.

«I corsi sono teorici e pratici, personalizzati e partono dai 400 euro a salire - racconta l'analista finanziario Antonio Suppa, responsabile della sala trading - educhiamo alla finanza perché per investire serve competenza. E questa si acquista nel tempo con un percorso formativo serio, attraverso l'analisi tecnica e la conoscenza dei mercati finanziari. Alla fine i nostri traders sono in grado di creare e gestire autonomamente un portafoglio di investimenti e, se sono bravi, realizzare una rendita secondaria». È una palestra per micro investitori (i cosiddetti prop traders) che poi mettono in pratica quello che hanno imparato. «E se poi vogliono restare nella Trading Room Roma - concludono Gennaccari e Suppa - sono i benvenuti».

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento