Gli effetti del governo Renzi. 73 miliardi di tasse in più nel triennio

L'allarme di Confcommercio: "Un circolo vizioso. La fiscalità aumenta e i servizi no". Possibile una nuova stangata

Gli effetti del governo Renzi. 73 miliardi di tasse in più nel triennio

Una crescita che vale il 115,4% in tre anni, dal 2011 al 2014, e che ha portato la tassazione sugli immobili in Italia a 31,88 miliardi di euro. Lo annunciano Confcommercio e Cer (Centro Europa Ricerche) in un rapporto sulla finanza pubblica e le tasse locali. Ma anche un 14,7% in più dal 2013 al 2014 e nessun tipo di riduzione quest'anno.

Le imposte in più, per scendere nel dettaglio, arriveranno dall'estensione della reverse change alla grande distribuzione e dalle clausole di salvaguardia nella Legge di stabilità, se dovessero scattare. Allora la tassazione salirà di 73 miliardi di euro nel prossimo triennio.

Un fatto di fronte a cui il presidente di Confommercio lancia l'allarme, mettendo in chiaro che siamo entrati in un "circolo vizioso che porta all'aumento della fiscalità", ma che nel frattempo "non migliora i servizi". Nel giro di un ventennio gli italiani hanno visto un raddoppio anche sulle tasse locali, che se prima rappresentavano il 2,9% del Prodotto interno lordo ora sono al 6,5%.

La Confcommercio parla anche di "segnali di risveglio economico", ma chiarisce che non è il momento dei facili ottimismi. Senza "politiche di sostegno alla domanda interna" e una riduzione della pressione fiscale, su famiglie e imprese, non si sosterrà l'inversione di tendenza.

Commenti

Grazie per il tuo commento