Enel, Trenitalia, Eni, Terna. Piano privatizzazioni in ritardo

Il governo ha promesso privatizzazioni per 12 miliardi nel 2014. Ma fino a oggi non abbiamo incassato un euro

Il governo ha promesso privatizzazioni per 12 miliardi nel 2014, per altri dodici nel 2015, e ancora dodici nel 2016. Si va dalla cessione di Enav (fino al 49%) a quella di Poste (fino al 40%), passando per Terna, Enel e Eni: tutto da attuare entro dicembre. Ma al momento regna solo la lentezza. Come ricorda La Stampa, il decreto è dovuto passare dal consiglio dei ministri, dal parere delle Commissioni parlamentari di Camera e Senato, ripassare una seconda volta da Palazzo Chigi. Ora il Tesoro ha nominato gli advisor per la vendita ma l'assemblea che dovrebbe nominare il nuovo consiglio di amministrazione è già stata rinviata tre volte. Ci sono altre priorità, evidentemente.

Fatto sta che dei dodici miliardi promessi quest'anno non abbiamo ancora incassato un euro. E Bruxelles ci tiene d'occhio. L'unica privatizzazione a buon punto è quella di Fincantieri, ma non c'è da gioire. Perché l'accoglienza tiepida degli investitori ha costretto il ministero guidato da Padoan a ridurre di un terzo l'offerta di azioni per il mercato. Sono in ritardo anche le vendite degli immobili, come le caserme. In settimana è prevista una riunione per accelerare i tempi. Ma di tempo ne è rimasto poco.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 29/06/2014 - 11:30

Mi sembra di capire che siamo preoccupati del fatto che i gioielli di famiglia stiano ancora in cassaforte...

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 29/06/2014 - 12:40

Quale fiducia possono dare , quando le loro promesse, non saranno mai mantenute ??? Per un imprenditore un investimento, è una cosa seria, NON È COME QUEI FANFARONI CHE CI GOVERNANO, ESSI INVESTONO CON DANARO PUBBLICO, FREGANDOSENE DELLE CONSEGUENZE, TANTO SE SBAGLIANO VERRANNO PROMOSSI CON AUMENTO DI STIPENDIO.

Massimo Bocci

Dom, 29/06/2014 - 13:15

Stanno aspettando i soliti amici degli amici (I LADRI!!!) del mortazza e C. che ora sapranno come impiegare la ricapitalizzazione MPS, che volete ci voglio i PICCIOLI DEGLI ITALIANI BUE, e fare il COMUNISTA-CATTO,(LADRO!!!) COSTA ASSAI.................. AL BUE ITALICO.

luna serra

Dom, 29/06/2014 - 14:32

non sono un esperto ma per me l'energia elettrica -Acqua -Gas e Benzina dovrebbero essere Pubblica e non PRIVATA , dovrebbe essere solamente Governate da GENTE ONESTA ma purtroppo in Italia sembra che sia impossibile che esistano Manager Onesti sono quasi tutti indagati