Età, assegni, uscita e finestre Ecco il decreto per le pensioni

Tra il 10 e il 12 gennaio dovrebbe arrivare il testo che ribalta il sistema previdenziale. Ecco cosa cambia: tutte le novità

Età, assegni, uscita e finestre Ecco il decreto per le pensioni

Arriva il maxidecreto sulle pensioni legato alla manovra. Tra il 10 e il 12 gennaio di fatto dovrebbe arrivare il testo che andrà a stravolgere l'attuale sistema previdenziale. Il prvvedimento toccherà quota 100, lo stop all'aumneto dell'aspettativa di vita per le pensioni anticipate e come anticipato già nelle scorse settimane la proroga dell'Ape social e opzione donna. Inoltre il decreto andrà a rivisitare anche l'ossatura dell'Inps con l'introduzione del Consiglio di Amministrazione e l'eliminazione del presidente unico. Il testo di fatto è principalmente basato sull'introduzione di Quota 100. Per andare via, come ricorda il Sole 24 Ore, servono 62 anni e 38 anni di contributi.

Lo stanziamento è di 4,7 miliardi di euro, per poi andare a 8 nel 2020 e 7 nel 2021. La platea interessata è di 315mila lavoratori. Il governo stima una adesione all'85 per cento. I primi assegni di quota 100 potrebbero arrivare già in primavera con un sistema a finestre che vede l'uscita tre mesi dopo la maturazione dei requisiti e sei mesi dopo per i dipendenti pubblici. Mantenuta anche l'opzione donna che permette alle lavoratrici di andare via prima con un ricalcolo contributivo. Confermato anche l'Ape social per tutti i lavoratori con 63 anni di età in difficoltà come ad esempio disoccupazione oppure un'invalidità. Dall'1 gennaio va ricordato che scatteranno i nuovi parametri per l'uscita dal lavoro con un aumento di 5 mesi (67 anni) sia per la pensione di vecchiaia che per quella anticipata (43 anni e tre mesi). Ma il decerto del governo dovrebbe invece annullare le modifche riportando i requisiti a 66 anni e sette mesi e a 42 anni e 10 mesi di contributi. Infine nel testo non sarà prsente l'abbassamento a 2 volte il trattamento minimo per la soglia d'accesso alla pensione anticipata contributiva.

Commenti