Fiera Milano. nasce Gee, il salone dedicato ad ascensori e scale mobili

Global Elevator Exhibition, dedicato alla mobilità orizzontale e verticale, debutterà in Fiera Milano dal 15 al 17 novembre 2023 in contemporanea con Made expo, Sicurezza e Smart Building Expo. Luca Palermo: "Evento di respiro internazionale per accompagnare le aziende nello sviluppo della città smart". In Italia il comparto vale 2,3 miliardi ed è secondo per export nel mondo dopo la Cina

Fiera Milano. nasce Gee, il salone dedicato ad ascensori e scale mobili

Si chiama GEE-Global Elevator Exhibition la nuova manifestazione internazionale dedicata alla mobilità orizzontale e verticale che debutterà in Fiera Milano a Rho dal 15 al 17 novembre 2023 in contemporanea con Made expo, Sicurezza e Smart Building Expo. Obiettivo: proporsi come un hub europeo di incontro per l’industria degli ascensori, scale mobili, tappeti mobili e componenti, rappresentando e promuovendo la sicurezza, la qualità e gli standard tecnici più elevati raggiunti dalle aziende di in settore importante dell’Italia dove il comparto vale 2,3 miliardi di euro ed è in evoluzione continua sia tecnologica che sul fronte della sostenibilità tenendo conto che un ascensore “intelligente” consente un risparmio di energia fino al 50%.

“Il settore chiede un appuntamento di respiro internazionale in grado di accompagnare le aziende nello sviluppo della città smart che si sta concretizzando in questi anni - spiega Luca Palermo, amministratore delegato e direttore generale di Fiera Milano -. È significativo partire da Milano, città cosmopolita e hub di connessioni, per raccontare questo progresso attraverso una manifestazione che punta a diventare riferimento per l’Italia e l’Europa e guarda a questo settore come parte di un sistema complesso. È per questo che la manifestazione sarà affiancata da altri eventi in una logica di filiera allargata che mette al centro la smart city e i nuovi modelli tecnologici che porta con sé".

“Le fiere richiedono un grande lavoro di organizzazione. Occorre tempo per realizzare un contesto idoneo alla massimizzazione degli scambi a livello internazionale e a Fiera Milano si concentreranno le migliori produzioni del comparto degli elevatori: una grande vetrina per le nostre imprese - ha detto il ministro per lo Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti intervenendo alla presentazione con un video messaggio -. È un settore di grande importanza, che impiega 23mila addetti e oltre 1500 imprese impegnate a investire in materiali, ricerca, innovazione e nuove tecnologie per realizzare impianti sicuri, all’avanguardia, esteticamente perfetti. In questo comparto è in atto una evoluzione profonda che si esprime nell’esecuzione degli edifici intelligenti dove, sfruttando anche l’IT, si realizzano strutture funzionali ed efficienti in termini di risparmio energetico”.

Dopo aver sottolineato che l’Italia è seconda al mondo dopo la Cina per produzione ed esportazione, il ministro ha ricordato l’attenzione e l’impegno del governo e delle istituzioni impegnati a “promuovere strumenti a favore del risparmio energetico la riduzione dei consumi e della tutela della sicurezza”. Per questo è importante che “le imprese continuino a investire in formazione, innovazione e ricerca, leve di una crescita intelligente da perseguire anche utilizzando le risorse del Piano di ripresa e resilienza”. Occasione da non perdere “perché abbiamo davvero l’opportunità di modernizzare il Paese in una epoca in cui bellezza è sinonimo di funzionalità e sostenibilità, la base di partenza per portare il Paese sempre più in alto”, ha concluso Giorgetti.

Secondo i dati 2021di ELA - European Lift Association, in Europa ci sono 6,4 milioni di ascensori (142.000 nuovi ascensori nel 2021), le scale mobili sono oltre 157.000 con più di 3.000 nuove installazioni nel 2021 mentre entre in Italia il settore Ascensori e Scale Mobili vale 2,3 miliardi e vede il nostro Paese secondo per export nel mondo dopo la Cina con il 42% del fatturato derivante da vendite all’estero. Ed è il secondo Paese al mondo in termini di ascensori, con quasi 1.000.000 di impianti che ogni giorno effettuano quasi 100 milioni di corse.
Oltre il 70% degli ascensori in servizio nel nostro Paese, è però in funzione da più di venti anni e quasi il 50% da oltre trenta (Fonte ANIE-Assoascensori) e modernizzazione e sostituzione sono visti sempre più come una necessità nell’ottica dello sviluppo delle smart city, evoluzione che è sempre di più una relatà concreta in molte città come ad esempio a Milano. Per questo GEE si presenta come una vetrina senza precedenti per uno dei comparti più sensibili ai mutamenti in atto e più interessanti per il rinnovamento urbano e il risparmio delle spese energetiche. Un ascensore efficiente consuma, infatti, il 27% in meno di energia, ma un impianto realizzato con materiali ultraleggeri, dotato di elettronica intelligente che lo mette in stand by se inutilizzato e sistemi che recuperano l’energia in frenata, permette un risparmio del 50%.

Per affrontare il tema della sicurezza degli impianti, esistono organismi di certificazione che si pongono al fianco delle aziende del settore con diverse attività: certificazioni per esportare prodotti all’estero, azioni di verifica e controllo secondo le norme come la recente EN 10411 che sta spingendo tutto il settore a evolversi e a rinnovarsi, e occasioni di formazione sulla normativa del comparto. La manifestazione vuole contribuire a portare la mobilità urbana e l’accessibilità verso un futuro sostenibile dove il progresso del settore si inserisce perfettamente nello sviluppo dei centri abitati. GEE si rivolge a un pubblico di architetti, progettisti, imprese di costruzioni, professionisti del real estate e della manutenzione, facility manager e amministratori di condominio, distributori e installatori di queste tecnologie.

GEE si terrà in contemporanea con MADE expo, leader in Italia per il settore delle costruzioni, Sicurezza, biennale internazionale di security & fire e Smart Building Expo, la manifestazione della home and building automation e dell’integrazione tecnologica, ampliando una sinergia che si è già dimostrata vincente nel 2021, offrendo un’ulteriore opportunità all’integrazione tra sistemi che caratterizza lo sviluppo tecnologico intorno all’edificio e alla città connessi.

Commenti