Frodi creditizie, in Italia valgono 135 milioni di euro

Nell'ultimo anno sono stati registrati 27mila casi. La Campania al primo posto. Cresce l'incidenza tra gli over 60

In Italia nell'ultimo anno sono stati 27mila i casi di frodi creditizie con un danno stimato di oltre 135 milioni di euro.

I dati riguardano il 2018 e sono contenuti nel report dell'Osservatorio CRIF - Mister credit sui furti di identità e le frodi creditizie. Dalla lettura dei numeri quello che emerge è la crescita di questo reato tra gli over 60, con un +14,7% mentre risultano raddoppiate le frodi riguardanti un importo tra i 3mila e i 5mila euro che passano dal 9,3% del 2017 al 19,6% del 2018.

Nello specifico il 22,5% dei casi riguarda un importo tra i 1500 e i 3mila euro, in crescita del 33% rispetto al 2017 mentre si mantengono stabile frodi con importi superiori ai 20mila euro. Cresce l'incidenza sugli over 60, mentre cala nella fascia di età tra i 31 e i 40 anni mentre la fascia maggiormente colpita dal fenomeno è quella tra i 41 e i 50 anni.

A livello geografico, invece, la Campania è la prima regione in questa particolare classifica, seguita dalla Calabria (che passa dall'ottavo al secondo posto) che supera la Sicilia, che scende in quarta posizione.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.