I conti correnti in pericolo ​Dall'1 gennaio rischio "blocco"

Le nuove regole dell'Eba mettono a rischio i correntisti. Basta un mancato pagamento da 100 euro per finire all'inferno

Una vera e propria mazzata sui conti correnti. Dall'1 gennaio cambia di fatto tutto e chi risulterà moroso passerà le pene dell'inferno col proprio conto. A segnalare cosa cambia è uno studio di Unimpresa che mette in guardia tutti i correntisti da quello che potrebbe accadere da gennaio. Dal prossimo gennaio cambiano le regole per la gestione dei conti "in rosso": gli addebiti automatici non saranno più consentiti, infatti, se i clienti non avranno sufficienti disponibilità liquide sui loro depositi bancari. C'è il rischio, pertanto, di un improvviso stop ai pagamenti di utenze, stipendi, contributi previdenziali, rate di finanziamenti. A dettare il nuovo corso per i correntisti è il nuovo regolamento messo sul campo dall'Eba, l'autorità bancaria europea. Bastano solo tre mesi di mancati pagamenti per una cifra minima di soli 100 euro per far scattare l'allamre rosso che può portare al blocco dei Rid. Infatti l'istituto di credito dovrà segnalare il cliente alla centrale rischi e di classificare tutta la sua esposizione come "crediti malati". Il nuovo quadro regolatorio, che non è stato sufficientemente spiegato dalle banche, è preoccupante.

Non saranno più possibili nemmeno piccoli sconfinamenti e questo vuol dire, per molti artigiani, commercianti, piccoli imprenditori e anche per molte famiglie, non poter più usufruire di quelle piccole forme di flessibilità che, specie in questa fase così critica a causa degli effetti economici della pandemia Covid, sono fondamentali per far fronte ai pagamenti di utenze o altri adempimenti, come gli stipendi e i contributi previdenziali, le rate di finanziamenti e mutui", commenta il vicepresidente di Unimpresa, Salvo Politino, secondo il quale "c'è il rischio di una fortissima stretta al credito, conseguenza inevitabile delle segnalazioni alla centrale rischi e della riclassificazione degli affidamenti della clientela in caso di piccoli arretrati". Insomma con questo nuovo sistema si mette a rischio in modo serio la liquidità per le piccole e medie imprese piegate dal Covid, ma si mette anche a rischio la tenuta del bilancio familiare di chi si è trovato in difficoltà proprio a causa della pandemia. Questo nuovo regolamento infatti non solo mette in pericolo le casse della aziende ma anche quelle dei nuclei familiari. E di conseguenza su questo fronte bisognerà registrare anche una stretta sull'erogazione del credito.

Con le segnalazioni da parte degli istituti di credito di fatto potrebbe scattare la chiusura totale dei rubinetti per i finanziamenti. La procedura prevede infatti l'immediata sospensione del Rid (la disposizione automatica di pagamento) qualora venga accertata la mancanza di fondi per eseguire il pagamento. Immediatamente il correntista diventa "moroso" e da qui parte la segnalazione che può definitivamente rovinare il conto corrente.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 12/12/2020 - 14:44

io lo trovo giusto i conti correnti devono essere sempre coperti, altrienti chiudete il conto.Sicuramente ci sono i furbetti che non vogliono pagare te lasse.

Mariottoilritorno

Sab, 12/12/2020 - 16:24

bravi come sempre bel tempismo..con tutta la gente indebitata e in rosso a causa delle chiusure del lockdown

Maura S.

Sab, 12/12/2020 - 16:26

Possibile che questo franco-dei-krukki ci rompa i cosiddetti con dei commenti altamente demenziali?

Popi46

Sab, 12/12/2020 - 16:27

Ora tocca ai cc dei piccoli singoli (sfori di 100€?), domani toccherà alle Banche piene di crediti inesigibili (vero MPS, bancomat in rosso di quegli onest’uomini del PCI-PDS-DS-PD e figli vari?), infine toccherà allo Stato, impossibilitato a ripianare la montagna di debito pubblico accumulato non per creare ricchezza, ma per distribuire povera assistenza in cambio di voti.

Ritratto di Smax

Smax

Sab, 12/12/2020 - 16:29

Puoi vendere azioni allo scoperto, ma non finire in rosso di 100 euro. Bella roba la ue.

baio57

Sab, 12/12/2020 - 16:30

@ franco da Treviri Come fai ad essere così superficialmente ottuso ?

IlCazzaroNero4949

Sab, 12/12/2020 - 16:40

FRANCO O FRANCOOO se non sai nemmeno di quello che parli...non romperci più gli zebedei

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Sab, 12/12/2020 - 16:57

Per i "furbi" non dovranno certo pagare le persone oneste, però c'è tanta gente indebitata che non riesce a pagare, perchè il lavoro latita per certe decisioni governative. Anche questo va tenuto nel novero. Nel dubbio, anche se ho sempre onorato i miei pagamenti, terrò al minimo vitale il mio conto corrente. Meglio essere prudenti..

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 12/12/2020 - 17:02

franco-a-trier_DE Sab, 12/12/2020 - 14:44 Evidentemente lei è un privilegiato e non ha difficoltà ad arrivare a fine mese.Per una volta, si metta nei panni di chi è stato costretto a chiudere da marzo,con coercizione,da parte del governo senza entrate economiche e solo tasse rimandate. Per una volta dimostri empatia,non si mostri freddo e teutonico come è abituato a fare.

Renee59

Sab, 12/12/2020 - 17:04

Il massacro grazie ai governi compiacenti, è iniziato.

Jon

Sab, 12/12/2020 - 17:10

Terrorismo inutile..!! Se sei andato sotto, la Banca non ti paga piu' nulla..DA ALMENO 20 ANNI..!! Ma dove vivete?? Poi puo' essere causato da valute non calcolate, ma prima che vi chiudano il conto ne passa di tempo.. Un errore puo' capitare, MA CHI STACCA ASSEGNI SCOPERTI? Oggi sono tutte disposizioni on-line o con carte e li non si sgarra! Su qualsiasi assegno chiedono il bene fondi immediato, col blocco del denaro.

BEPPONE50

Sab, 12/12/2020 - 17:17

Ritengo una cosa giusta il problema sara' per i piccoli commercianti e piccoli artigiani

necken

Sab, 12/12/2020 - 17:18

non dimentichiamoci che in Svizzera esiste un certificazione di buon pagatore (puoi essere denunciato dai creditori) necessaria per intraprendere qualsiasi attivita commerciale o prendere un appartamento in affitto, nonchè Paesi dove debito e colpa sono la stessa cosa e che noi Italiani ammiriamo molto come esempi vituosi

Savoiardo

Sab, 12/12/2020 - 17:37

Tutti schiavi dei nuovi feudatari.peggio del regme staliniano.W Bil Clinton e la sinistra politicamente corretta.

Mariottoilritorno

Sab, 12/12/2020 - 17:37

necken sì ma sono i soliti paragoni senza senso, uno svizzero "medio" non ha generalmente motivo di essere un cattivo pagatore, perché il sistema è talmente organizzato che devi proprio metterti d'impegno per arrivare fino a quel punto

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 12/12/2020 - 17:42

necken però in Svizzera se hai 50 franchi da prendere dallo stato li prendi subito.A questo punto dovrebbero bloccare subito lo stato italiano vista la tendenza a pagare quando vuole.

CICERONE24

Sab, 12/12/2020 - 17:55

"franco-a-trier_DE" - Sicuramente sei un impiegato pubblico e sicuramente hai il cervello bacato.... oppure non sai proprio niente di conti bancari.

necken

Sab, 12/12/2020 - 17:57

Mariottoilritorno: noi dovremmo prendere esempio dai virtuosi ed uno stimolo per migliorare il ns sistema Paese, altrimenti rassegnamoci alle ns mediocrità e divententeremo sempre più un Paese di serie B senza ambizione ed orgoglio per la ns Storia

MaDaiCheLoSai

Sab, 12/12/2020 - 17:59

Esattamente, sono d accordo con il Signor Verde, ( per non restarci però ) scherzo ! Battuta facile ? Troppo ? Eddai è fine settimana ! Però ha pienamente ragione in quello he scrive. L amministrazione dello Stato ITALIA, dovrebbe, anche se rimane sempre una Utopia, mettersi alla pari di altri stati dove si amministra correttamente, nel dare e nel ricevere, senza tante scuse assurde. È mai possibile che nella industria o artigianato, chi produce si aggiorni e applichi le tecnologie al meglio per rimanere competitivo ed invece la "makkena" statale non sappia fare lo stesso ????? L Italia e chi ci vive nel "Bel Paese" fanno sempre riferimento alla Germania, alla Svezia, e chi ancora ? Ma allora prendete questi modelli amministrativi e provateli, cosa ci vuole ? Finite di fantasticare nei secchi vuoti ! Auguri a tutti !

necken

Sab, 12/12/2020 - 17:59

gianniverde: certo i pessimmi esempi in Italia sono a 360 gradi ma cambiare dipende da noi: volere è potere

flip

Sab, 12/12/2020 - 19:06

cominciate a sbatttre fupri dalle banche i pessimi correntisti e pignoratene i beni. LE BANCHE DEVONO ESSERE PIU OCULATE....IL DENARO CHE "IMPRESTANO" è QUELLO DEI CORRWHNTISTI E NE RICAVANO asnche UTILI..... QUINDI NON è TANTO IL cAttivo pagatore la pietra dello scandalo ma anche le banche e bqanchette...che gestiscono(sic) denaro di altri.....ricavandone utili (per loro) A questo punto il sistema bancario deve essere rivistO sia da mparte dei correntisti sia da PARTE DEL SISTEMA........CHE GARANZIE (SCRITTE E SOTTOSCRITTE DAL BANCHIERE) SOLIDE E REALI HA UN DEPOSITANTE DI DENARO IN BANCA????

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 13/12/2020 - 10:44

Lo Stato chiede sempre soldi? Inizi a risparmiare con la Rai. Girano troppi soldi . Non riesco a capire perchè una trasmissione che potrebbe benissimo condurla solo un conduttore, debba essercene due. Come per esempio se per ogni cassa del supermercato siano in due a prezzare la stessa spesa. Una volta c'era solo Lubrano nella trasmissione Mi manda Lubrano, ora ce ne sono 2 o 3 a spiegare. Ma anche in tutte le altre, sempre duplicati o triplicati, senza contare dei lauti stipendi. Però, i soldi li vengono a cercare da noi. E poi che dire dei troppi canali. Nessuno più vuole abbassarsi per lavorare la terra, e già li abbiamo fatti studiare tutti.

TIRATARDI

Dom, 13/12/2020 - 11:09

Ma la procedura vale anche se a mandarti il conto in rosso sono i ritardi dei pagamenti delle forniture allo stato? Chiedo per un amico.

flip

Lun, 14/12/2020 - 10:43

E' tempo di estratti conto trimestrali..... confrontate se le spese bancarie che la banca vi addebita TRIMESTRALMENTE sono adeguate alla giacenza media del vostro capitale che garantite alla bamca. Non esiste un preciso parametro è solo una vostra considerazione di calcolo che comnuncue deve essere fatta (almeno annualmente) Non posso dirvi come fare altrimenti le banche e banchette possono cambiare il sistema di calcolo degli interessi......rIPETO: e' una vostra èersonale logica considerazione (di calcolo e convewnienza.

flip

Lun, 14/12/2020 - 10:55

TIRATARDI LE BAMCHE NON GUARDANO IN FACCIA A NESSUNO.........PENSANO SOLO AI LORO INTERESSI PERSONALI...........