I "fortunati" di quota 100: chi può lasciare il lavoro subito

Quota 100 è alle porte. Da febbraio sarà superata definitivamente la legge Fornero. Ecco chi può dire subito addio al lavoro

Quota 100 è alle porte. Da febbraio sarà superata definitivamente la legge Fornero. Il debutto del nuovo sistema previdenziale di fatto renderà vicina la porta d'uscita dal lavoro a chi è nato nel 1957. Il motivo è abbastanza chiaro: con quota 100 bastano i 62 anni di età e il versamento di 38 anni di contributi. I nati nel 1957 che hanno cominciato a lavorare a 24 anni di fatto sono già pronti per usufruire di quota 100. Con l'addio alla Fornero per loro si apre la porta d'uscita dal lavoro con ben cinque anni di anticipo rispetto a quanto previsto dalla legge voluta dal ministro del governo Monti. Le cose cambiano invece per chi è nato nel 1959. I lavoratori classe '59 dovranno attendere il debutto di quota 41.

Un sistema che permette di lasciare il lavoro con 41-41,5 anni di contributi versati indipendentemente dall'età anagrafica. E in questa categoria rientrerebbero proprio i nati nel 1959 che hanno inziato a lavorare tra il 1977 e il 1978. Per quanto riguarda invece la classe 1961 dovrebbero esserci vantaggi sia per le donne che per gli uomini. Con la quota fissata a 38 anni di contributi ci saranno più uscite dal lavoro tra gli uomini. Ed è per questo motivo che potrebbe tornare sul campo una nuova opzione donna. In questo modo le donne potrebbero lasciare il lavoro a 58 o a 59 anni, come riporta ilGiorno, con 35 anni di contributi. In questo caso ci sarebbe una penalizzazione fino al 20% sull'assegno.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 17/10/2018 - 13:12

sono del 57, non ho 38 anni di contributi, ne ho 41 cosa mi aspetta?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 17/10/2018 - 13:52

ma in termini di pensione, chi va con la quota 100 ed è in regola con tutto, la pensione sarà al 100% di quello che percepisce il giorno prima oppure ci sono delle penalizzazioni? Ancora nessuno ne parla.

aleppiu

Mer, 17/10/2018 - 13:53

@lanzi ti spettano ancora 5 anni di lavoro

bongide

Mer, 17/10/2018 - 14:18

Caro Lanzi...Cosa ti aspetta?...Il meritato riposo. Senza sapere quale sia la sua occupazione credo che 41 anni siano sufficienti per esserlo meritato!

wrights

Mer, 17/10/2018 - 14:39

Se ho ben capito, fino ad ieri si alzava l'età pensionabile, per l'aumentare delle speranze di vita. Nessuno ha mai fatto notare che queste erano legate quasi solamente al mondo femminile. Ora adirittura si propone l'abbassamento dell'età pensionabile delle sole donne, anche se sono quelle che statisticamente vivono circa 5 anni di più.

gneo58

Mer, 17/10/2018 - 14:42

dall'articolo si evince che nel 1958 non e' nato nessuno ! perfetto.

gneo58

Mer, 17/10/2018 - 14:44

lanzi maurizio - io invece sono dell'inizio 58 e di contributi ne ho 40 - ma non se ne parla......mai.

Stormy

Mer, 17/10/2018 - 14:48

aleppiu lei sbaglia. Se Lanzi è del 57 ha 61 anni + 41 di contributi credo sia già pensionabile. Al massimo un altro anno al compimento dei 62.

strade-italiane

Mer, 17/10/2018 - 14:51

CMQ pensioni o reddito di cittadinanza.....sempre che quei 700.000 sui moli libici non riescano a raggiungere le nostre coste con l'aiuto dei sinistri e Ong..... allora il discorso cambia eeee se cambia!

Ritratto di faman

faman

Mer, 17/10/2018 - 15:08

tutti con oltre 40 anni di lavoro hanno diritto ad un meritato riposo. Il problema potrebbe essere quello della disponibilità finanziaria dell'INPS. Se i soldi non ci saranno cosa farà il governo? Alla faccia dell'EU stamperà moneta? E con l'inflazione alle stelle che potere d'acquisto avranno le nostre pensioni?

Ritratto di italiota

italiota

Mer, 17/10/2018 - 15:40

non si capisce più niente e, il bello, è che se vai all'INPS manco gli impiegati sanno risponderti

gneo58

Mer, 17/10/2018 - 15:49

faman - mettiamola cosi' - io i miei contributi me li sono strapagati se quelli se li sono, rubati, fumati o spesi altrimenti non e' un problema mio ma loro ! Che ci mettano del loro.

Ritratto di ichhatteinenKam.

ichhatteinenKam.

Mer, 17/10/2018 - 16:52

36 anni di lavoro e contributi x mantenere lo stipendio di BOERI E TUTTI I PARASSITI D'ITAGLIA E D'EUROPA COMINCIATE A STARMI SUL CAZ.....

Ritratto di bimbo

bimbo

Mer, 17/10/2018 - 17:34

Chissà come convinceranno gli euro-psicopatici ai migranti di lavorare oltre 25-30-35-40 anni. Per me faranno le rivolte e poi li bombarderanno..

Ritratto di faman

faman

Mer, 17/10/2018 - 18:46

gneo58-Mer, 17/10/2018 - 15:49 - allora anche io ti dico mettiamola così: quelli del loro non ci metteranno niente, e noi con i nostri contributi strapagati, dovremo arrangiarci con delle pensioni super svalutate.

cscest

Mer, 17/10/2018 - 19:46

La prima finestra utile di Febbraio si apre x i nati nel 1956 con minimo 38 anni di contribuzione.

vale.1958

Gio, 18/10/2018 - 07:57

@lanzi....62+ 38 ,tu ne hai addirittura di piu' di contributi, quindi appena compi 62 anni puoi andare in pensione.

vale.1958

Gio, 18/10/2018 - 08:00

@gneo58..... Le comdizioni vincolanti sono 62 anni e minimo 38 di contributi, quindi dovrai lavorare ancora un anno e mezzo.