Se l'Europa si accanisce sulle case degli italiani

Ogni volta che i governi provano a ridurre le imposte sulle abitazioni Bruxelles ci bacchetta. Confedilizia: "Così avvantaggiano la finanza"

Settembre 2013, l'Unione europea contro l'abolizione dell'Imu. Il commissario Olly Rehn spiega che va contro le raccomandazioni della Commissione all'Italia. Settembre 2015, altro esecutivo Ue e altro governo italiano (da Silvio Berlusconi a Matteo Renzi), ma la musica non cambia. Alle istituzioni di Bruxelles non va proprio che si taglino le imposte sugli immobili, questa volta la Tasi sulla prima casa, e il messaggio viene recapitato direttamente al Presidente del Consiglio.

La tesi trova sostenitori in patria. Ieri si è schierato con questa impostazione l'ex segretario Pd Pierluigi Bersani e il segretario della Fiom Maurizio Landini. Tutti d'accordo su una patrimoniale (immobiliare) per alleggerire il fisco sulla produzione e sul lavoro.

Quelo dell'Europa da un punto di vista formale è un richiamo ineccepibile. Nelle raccomandazioni specifiche per i paesi dell'Unione si dice che l'Italia deve «spostare il carico fiscale della tassazione dai fattori produttivi alla tassazione ricorrente sulla proprietà immobilire». Quanto questa raccomandazione sia pertinente è tutta un'altra storia.

Si ripete ininterrottametne da anni. In quelli d'oro per il mattone italiano, ma anche oggi. Un copia e incolla che è proseguito anche dopo la stangata sul mattone dei governi Monti e Letta e ha ignorato l'aumento del gettito da tasse sul patrimonio immobuiliare passato da nove miliardi a 25 miliardi.

Una sorta di «ossessione» contro il mattone, spiega il presidente di Confedilizia Giorgio Spaziani Testa, che ha delle ragioni specifiche. C'è sicuramente un errore di fondo, l'idea sbagliata che la casa non produca ricchezza. «Ma poi c'è anche un interesse preciso». Quello che vorrebbe «spostare gli investimenti dal mattone alla finanza, limitando quella forma di capitalismo popolare tipico dell'Italia», spiega il presidente dell'associazione dei proprietari immobiliari.

La giustificazione è, appunto, che investendo sul mattone non si produca reddito. In realtà «gli immobli muovono l'economia esattamente come altre forme di investimento. In Italia c'è sempre stata la tendenza a investire la liquidazione e i risparmi in un immobile da dare in affitto per integrare la pensione». Intorno alle compravendite immobiliari si muove un mondo. «C'è l'intermediazione, i servizi professionali, le ristrutturazioni e la manutenzione. Poi l'arredamento, per il quale non bastano gli incentivi. Servono occasioni di acquisto che si creano solo con gli scambi immobiliari». Poi «c'è l'effetto fiducia. Se il valore dell'immobile di proprietà tiene, c'è una maggiore propensione ai consumi. E l'economia italiana si basa per il 60% sui consumi».

Terzo errore, l'Europa si comporta «come se in questi anni non fosse successo niente». Le stangate sulla casa hanno provocato un crollo delle compravendite e una perdita di valore del patrimonio immobiliare che si avvicina ai 2.000 miliardi. Con danni per l'economia reale. «Proprio di fronte ai danni provocati italia da questo aumento, è impensabile riporre» una patirmoniale.

Valutazioni che sembrano non interessare chi ci raccomanda di tassare ancora la casa. E non è solo l'Ue. Dalla Germania arrivano periodicamente studi dai quali emerge che gli italiani sono più ricchi dei tedeschi e terminano con la raccomandazione ad applicare una patrimoniale. Sta ai governi non ascoltare questi consigli.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

swiller

Ven, 04/09/2015 - 08:55

Vogliamo uscire da questa mxxxa che è diventata l'europa.

Blueray

Ven, 04/09/2015 - 09:01

La sx è sempre stata equivoca. Fa annunci e proclami, dice e non dice. E' chiaro che togliere la Tasi oggi è pura utopia. Quindi se si dovesse fare sarebbe un alleggerimento mirato a certi redditi e non a tutti i cittadini. Ma la vera ragione di quanto Renzi, in crisi di consensi, va blaterando è insita proprio nel voler risollevare tutto l'indotto del mattone dato che compravendite, affittanze e ristrutturazioni sono completamente incartate. E questo non è sbagliato in linea di principio. Il guaio è che il PdC non dice da dove proverrebbe il gettito alternativo al buco che si produrrebbe. Ecco perché l'italiano medio fa gli scongiuri anche di fronte ad annunci apparentemente positivi

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 04/09/2015 - 09:12

L`Europa momentaneamente è diretta dai tedeschi, non c`è da meravigliarsi, perchè quasi tutti i tedeschi VORREBBERO UNA SECONDA CASA nel Belpaese, in Italia!!! COSA C`È DA MERAVIGLIARSI, PER PRIMA COSA SI ROVINA UN PAESE FINANZIARMENTE, PER POI IMPOSSESSARSI CON POCHI SOLDI DEI LORO AVERI E DELLE LORO MATERIE PRIME, INFINE SI FANNO INVADERE, COME STÀ SUCCEDENDO DA PAESI DI DUE CONTINENTI, ( una volta colonizzati da paesi che ora si fanno chiamare CIVILI)!!! TUTTO QUESTO È POSIBILE IN ITALIA, DOVE IL DIO SOLDO, FA GOLA SOPRATUTTO A MOLTI PARLAMENTARI!!!

Tuthankamon

Ven, 04/09/2015 - 09:15

Non c'è dubbio che Bruxelles difende certi interessi e che ha certe intenzioni nei confronti dell'Italia! Purtroppo siamo vittime anche della nostra politica è debole, Questa si esprime con un'affermazione di Renzi che con dice tutto ovvero ... se veramente toglie IMU e TASI, dove si sposta il prelievo??? Io penso che con o senza UE, avremo brutte notizie!

Ritratto di manganellomonello

manganellomonello

Ven, 04/09/2015 - 09:15

Parliamo di edilizia? Bene, tiriamo su tutti i muri possibili, reali e fiscali. Proteggiamoci dagli sciacalli europeisti e dai cercaco...ni afro-asiatici. Sarà un un nuovo Medioevo hi-tech?

Ritratto di fabiobonari

fabiobonari

Ven, 04/09/2015 - 09:41

L'IMU, o simil tasse sulla proprietà di Casa, capannoni, fondi commerciali e terreni agricoli, sonoincostituzionali. Art. 47. La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l'esercizio del credito. Favorisce l'accesso del risparmio popolare alla proprietà dell'abitazione, alla proprietà diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese.

01Claude45

Ven, 04/09/2015 - 09:48

Se l'edilizia "tira" l'economia risale. La UE NON VUOLE CHE L'ITALIA sia economicamente solida e stabile. Tutte le "raccomandazioni" puntano SEMPRE al depauperamento degli Italiani e a "frenare" lo sviluppo. I clandestini che la UE ci lascia hanno prodotto una spesa di 3÷4 mld. Sono ricchezze che frenano il ns. sviluppo. Le multe di 10.000,00 € per clandestino respinto? Sono ricchezze che frenano il ns. sviluppo. E così via. GOVERNO DI COGLIONAZZI, SVEGLIATEVI O arriverà il momento che GLI ITALIANI Vi faranno un CxxO COME UNA VERZA (E NON CREDO SIA LONTANO).

blackbird

Ven, 04/09/2015 - 10:03

Che le strutture della UE (Commissioe, Consiglio, Corti, Parlamentari political correct, ecc. ecc.) fossero agli ordini della finanza lo scopre solo adesso questo? Se voleva una prova bastava guardare a quello che ha fatto lo sgoverno Monti. Un tecnocrate alle dipendenze ideologiche dei finanzieri!

Noidi

Ven, 04/09/2015 - 10:16

@swiller: Pensi che ci sono parecchi paesi europei che pensano: Vogliamo far uscire dall'Europa questa mxxxa che è diventata l'Italia?

Noidi

Ven, 04/09/2015 - 10:25

@01Claude45: Certamente, tutta l'Italia si basa solo ed esclusivamente sull'edilizia. Non ci sono altri campi/settori con cui l'Italia potrebbe rinascere???? La mia domanda è: o siete tutti costruttori o parlate in malafede, ben sapendo che moltissime case/appartamenti sono sfitti o vuoti. Non per altro siamo il paese più disastrato a livello idrogeologico, proprio per colpa di costruttori ben "agganciati" ai politici e ai quali è permesso costruire dove in altri paesi ti arresterebbero subito. Eh già, all'Italia servono proprio altri milioni di metri cubi di cemento, magari nel letto di qualche bel torrente.

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Ven, 04/09/2015 - 11:07

Certo, le raccomandazioni della UE sono tutte per avvantaggiare economicamente Germania ed altri, ammazzando, ovviamente, anche l'Italia. Ma quale il migliore metodo per uccidere un'economia, che già funziona male, che bloccare il mercato immobiliare? Deficienti coloro che abboccano, se non lo capiscono! E se lo capiscono e collaborano allo sfacelo...

Giorgio Rubiu

Ven, 04/09/2015 - 11:09

Quando ci decideremo a ribellarci alla UE e ricominceremo a comportarci come ci pare e piace.La UE ci impone le dimensioni delle zucchine e le Quote Latte; ma,fino a quando essi non hanno cominciato a bussare alle loro porte,se ne sono fregati altamente dei problema creati dalla immigrazione selvaggia lasciando la patata bollente nelle mani di Grecia ed Italia.

buri

Ven, 04/09/2015 - 11:49

quepp'europa è una disgrazia da quale non riusciremo a liberarci, non abbiamp governanti com gli attributi per farlo

swiller

Sab, 05/09/2015 - 08:47

Morte all'europa.