Iliad, bene i ricavi ma pareggio lontano

Abbonati a 6,8 milioni con concorrenza sempre più agguerrita

Continua la crescita di Iliad in Italia. Il quarto operatore mobile che, al suo approdo nel mercato italiano nel 2019, ha gettato lo scompiglio tra i concorrenti obbligandoli a rivedere le tariffe e sopratutto il pacchetto di giga incluso nel forfait mensile. E se adesso i pacchetti variano da 50 a 100 giga, ossia praticamente illimitati per gli utenti che fanno un uso normale dello smartphone, una buona parte del merito va a Xavier Niel, l'imprenditore francese che ha inventato la formula Iliad. Semplice ed efficace visto che il successo si deve alla tariffa facile e senza fronzoli: minuti e sms illimitati e 50 Gb a 7,99 euro al mese. Che però non è più la più bassa del mercato dato che Tim e Vodafone hanno prodotto dei sottomarchi che offrono tariffe ancora più convenienti sopratutto se si è clienti di Iliad o di altri operatori virtuali. Ma anche se la concorrenza si è fatta più agguerrita, in Italia Iliad ha visto nel terzo trimestre una crescita del fatturato del 56,3% a 171 milioni di euro con 6,8 milioni di abbonati. Che vuol dire 500 mila utenti in più rispetto alla fine di giugno. La società conta di superare la soglia di 7 milioni di clienti entro la fine dell'anno e di lanciare a breve anche la sua offerta per la telefonia fissa. Nonostante tutto però l'ad del gruppo francese Thomas Reynaud ha detto che «è ancora presto per indicare quando sarà raggiunto in Italia il pareggio dei conti». Specificando che la perdita operativa sarà però inferiore «ai 253 milioni dello scorso anno».

A livello di gruppo Iliad ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 6,3% da 1,34 miliardi di euro del pari periodo dell'anno scorso a 1,42 miliardi proprio grazie alla performance in Italia ma ovviamente anche in Francia, suo mercato di riferimento dove i ricavi sono saliti dell' 1,9% a 1,25 miliardi di euro. In Borsa a Parigi il titolo è sceso dell'1,84%.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.