C'è la tassa sui conti correnti? Ecco chi si salva dal "prelievo"

È una delle tasse più odiate dagli italiani. È impossibile evaderla e pesa sul bilancio famigliare. L’Agenzia delle entrate chiarisce quando non è dovuta

Una delle tasse più odiate e impossibili da evadere: l’imposta di bollo sui conti correnti. Ecco quando non si paga. La prima esenzione viene riconosciuta per giacenze basse sul conto. Sotto i 5mila euro non è dovuta. Ma attenzione: se hai più conti e su ognuno di essi depositi meno di 5mila euro (ma il totale supera questa soglia) allora si dovrà pagare. In altre parole non basta distribuire i risparmi su più conti correnti per evitare di pagare l’imposta.

La seconda esenzione prevista, come scrive Investire Oggi, riguarda i conti correnti delle pubbliche amministrazioni. Non pagano l’imposta di bollo neppure i soggetti privati che hanno un Isee inferiore a 7.500 euro all’anno. Alcune esenzioni riguardano invece il tipo di conto. In particolare sono conti gratis. Conti correnti di base: riservati a fasce indigenti. E conto corrente presso un istituto di pagamento o ente bancario che emette moneta elettronica.

L’Agenzia delle entrate ha chiarito, con l’interpello n. 457 dell’8 ottobre 2020, che l’esenzione vale per "le note spese che vengono compilate dai dipendenti che, compiendo ad esempio trasferte, sostengono spese addebitabili al datore di lavoro e da rimborsare dal medesimo". Questo significa che non deve pagare la tassa sul conto corrente il dipendente che effettua operazioni per conto del datore di lavoro. Per lo stesso principio non si applica l’imposta di bollo sulle carte di credito aziendali collegate con quella principale dell’azienda.

Ma vediamo una rapida genesi di questa tassa. Si tratta di un balzello che colpisce tutti quei soggetti che possiedono un conto corrente bancario o postale, anche quando lo movimentano pochissimo. Per le persone fisiche l’imposta vale 34,20 euro all’anno, mentre per le aziende l’importo è di 100 euro. Risale al 1972. È stata poi modificata con il tempo più volte e mai abolita nonostante le proteste dei consumatori.

L’ultima volta che si è messo mano all’imposta di bollo risale al 2011. Parliamo dal famoso decreto Salva Italia emanato durante il governo Monti. L’Italia è al centro di una tempesta finanziaria, lo spread non fa dormire sonni tranquilli agli italiani. E così, i nostri governanti, hanno pensato bene di introdurre una nuova imposta. L’ennesima. Questa tassa, tanto odiata, viene applicata al momento dell’emissione dell’estratto conto o del rendiconto. Ed è relativa al periodo rendicontato anche in caso di apertura e chiusura in corso d’anno. Nel caso di assenza di rendiconto nell’anno, l’imposta è applicata al 31 dicembre di ciascun anno. Nel caso, invece, in cui lo stesso cliente intrattenga più rapporti di conto corrente e risulti intestatario di più libretti di risparmio, deve essere corrisposta per ciascun rapporto.

Il versamento non viene effettuato dal contribuente, bensì dalla banca, che trattiene direttamente la somma dal conto del cliente per poi versarla allo Stato (ecco perché è impossibile evaderla).

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 29/10/2020 - 10:07

Chi ha l'isee, chi ha l'isee, io sono stufo di sentire che chi ha l'isee bassa non debba pagare nulla. I servizi li usa ugualmente come tutti gli altri. Questi politici devono capirla una volta per tutte che la gente deve scegliersi la vita che vogliono avere e visto che dicono che siamo tutti uguali, paghino le tasse anche loro, vadano a lavorare come tutti gli altri onestamente ed in regola. Io mi alzavo le 5 del mattino, miei cari signori.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 29/10/2020 - 10:30

hanno messo l'ennesima tassa sui C/c degli italiani....è servita a qualcosa? le legge monti & C...come le pensioni,l'aumento delle benzina,le patrimoniali sulla casa... sono servite a qualcosa'> difatti...con l'avvento di queste tasse il debito pubblico è AUMENTATO!! capito professore del k°°°o??

flip

Gio, 29/10/2020 - 10:49

avremo modo di controllare anche i 'loro c!c...............

Ritratto di fergo01

fergo01

Gio, 29/10/2020 - 11:29

un suggerimento: fatevi una carta di debito con iban estera, ce ne sono diverse di ottime, basta cercare, basta volerlo e non solo fare chiacchiere da bar

Nes

Gio, 29/10/2020 - 11:52

Chi ha l'isee bassa ha tutte le agevolazioni possibili e chi c'è la un po più alto paga per tutti. Non vi é una vera e propria progressione nella ripartizione delle tasse. L'isee dovrebbe essere uguali per tutti in percentuale al loro guadagno. Chi guadagna meno pagherà meno chi guadagna di più pagherà di più e non chi si e chi no, vi é una vistosa disparità di trattamento.

Angiolo5924

Gio, 29/10/2020 - 11:52

Per quello che ne so io l'imposta di bollo è dovuta nel caso di una giacenza media superiore a 5.000 euro nel periodo di riferimento dell'estratto conto. Questo considerando il totale di tutti i conti eventualmente accesi da un soggetto presso una banca e deve essere corrisposta per ogni conto. Se poi presso banche non facenti parte dello stesso gruppo si hanno altri conti con una giacenza totale inferiore, lì non si paga imposta. Tanto per essere chiari.

Ritratto di fergo01

fergo01

Gio, 29/10/2020 - 12:17

ANGIOLO5924 a quanto ho capito, la nuova normativa prevederebbe il pagamento del bollo considerando il totale tra tutti gli istituti e non solo tra più conti nello stesso istituto

Angiolo5924

Gio, 29/10/2020 - 12:36

fergo01. Allora vuol dire che mi sono perso. Io ho letto l'articolo e non ci ho trovato alcun accenno ad una nuova regolamentazione. Se ora cambiano, c'è poco da fare.

Ritratto di fergo01

fergo01

Gio, 29/10/2020 - 13:02

ANGIOLO5924 secondo capoverso, così almeno l'ho capita

cabass

Gio, 29/10/2020 - 14:05

Stiamo parlando di 34 euro all'anno... Le ladrate sono ben altre (vedi IMU sugli immobili invendibili e/o inutilizzabili).

audionova

Gio, 29/10/2020 - 14:29

i governi mettono le tasse e i cittadini cercano di evaderle,non se ne esce.e' certo che la sanita' va pagata e tutti i servizi che lo stato da al cittadino.l'isee ci vuole poco a contraffarlo tanto non cntrolla nessuno.poi quando devi ottenere degli ausili per es. per gli anziani fai prima a comprarli da solo,perche' ci mettono un tempo indefinito a darteli(perlomeno quando i miei genitori ne avevano bisogno),io ho comprato tutto ed e' tutta roba che costa un casino.poi ti rompi le scatole e decidi di andartene dal bel paese,continuando a pagare le tasse in italia senza avere diritto a nulla,ma il gioco vale la candela,importante e' stare lontano da queste sanguisughe che sono le tasse e i cittadini che evadono o si accaparrano di cio' che non hai diritto,se mai esiste un diritto e se mai tutti sono uguali davanti allo stato ma,ho visto che qualcuno e' piu' uguale degli altri.

vocepopolare

Gio, 29/10/2020 - 14:54

le tasse..... il sig. ministro ha detto che dopo il covid il paese vivrà una vera rinascita economica. C'è da credergli solo per il fatto che dopo ogni guerra si è sempre verificata una grande e veloce ripresa dell'economia e quella del covid è più di una guerra; ma attenti, qui bisogna tirare in ballo il discorso "tasse"; con questa tassazione sicuramente nessuno sarà invogliato ad investire ed la tanto sospirata ripresa svanirà. Occorre quindi prima di tutto dare fiducia agli investitori proponendo un governo forte ed un sindacato senza bandiere rosse e poi decidere per quella tanto declamata flat tax che diventerebbe il cavallo di traino di una nuova economia.

vocepopolare

Gio, 29/10/2020 - 15:04

l'isee è solo un compendio di ingiustizia sociale , favorisce spudoratamente l'evasione fiscale e condanna oltre ogni logica un piccolo proprietario che ,pur non avendo alcun reddito da proprietà improduttive, è costretto a pagare cifre inadeguate al suo reale debito, tipo le tasse universitarie per i figli. L'isee non contempla l'improduttività di tante proprietà , calcola solo i parametri catastali del tutto fuori logica, e neppure contempla che chi ne è in possesso li venderebbe se non ci fosse la materiale impossibilità .

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 29/10/2020 - 16:07

@cabass - a me sembra di pagare molto di più. La parola tassa è sempre una voragine. Per mantenere poi parassiti e stranieri, oltre la beffa, monta la rabbia.

Angiolo5924

Gio, 29/10/2020 - 16:34

fergo01 Quella l'avevo letta ma secondo me è soltanto l'estensore dell'articolo che si è espresso male. Io in questi giorni non ho mai sentito ventilare questa ipotesi. Che comunque ci starebbe, visto che questi non sanno più dove prendere i soldi (sempreché non si tratti del MES, perché quello proprio non lo vogliono cascasse il mondo).