Vogliono smontare Quota 100: ecco cosa potrebbe cambiare

Quota 100 è stata confermata fino al 31 dicembre 2021 ma in vista del futuro sono già arrivate le prime proposte per superare la misura

Il governo giallorosso ha confermato Quota 100 fino al 31 dicembre 2021 per non creare esodati. La misura, sperimentale e introdotta dal precedente esecutivo guidato da M5s e Lega, prevede l'anticipo pensionistico a 62 anni e 38 di contributi.

Tuttavia, come sottolinea il quotidiano La Repubblica, tra nove mesi la prossima manovra avrà il cruciale compito di decidere il da farsi. L'obiettivo principale sarà quello di evitare lo scalone che si formerà tra il 2021 e il 2022. A causa di piccole differenze anagrafiche, infatti, il rischio è che alcune persone siano costrette a lavorare anche fino a 7 anni in più rispetto alla media.

In attesa del momento topico, sul tavolo della politica iniziano già ad arrivare varie proposte. La più gettonata – che è anche quella che raccoglie un consenso bipartisan – è quella che prevede la riforma delle pensioni applicando, una volta per tutte, adeguati correttivi alla legge Fornero.

Le idee per cambiare Quota 100

Da questo punto di vista un'idea potrebbe essere quella di consentire un'uscita flessibile a 64 anni, con 36 o 38 anni di versamenti anziché 67 anni per la vecchiaia o 42 anni e 10 mesi con l'anticipata. In tal caso si dovrà però accettare il ricalcolo contributivo dell'assegno pensionistico che sarà più basso.

C'è chi propone il superamento di Quota 100 tornando a parlare di pensione contributiva di garanzia per i giovani e di far rinascere la commissione sui lavori gravosi. E chi pensa sia utile fissare un'uscita a 64 anni di età e 38 di contributi - ma con ricalcolo contributivo - e una pensione di vecchiaia a 67 anni per tutti adeguata all'aspettativa di vita, oltre a un'anticipata per anzianità contributiva bloccata a 42 anni e 10 mesi. Infine troviamo anche chi focalizza l'attenzione sulla tipologia di occupazione, così da garantire un'uscita flessibile considerando le differenti mansioni, compresi i lavori gravosi.

In ogni caso nel 2019 sono pervenute un totale di 393.300 domande per sfruttare l'uscita anticipata, 217mila delle quali relative a Quota 100 (di queste ultime ne sono state accolte 175mila, cioè l'80%).

Ricordiamo inoltre che il governo gialloverde ha stanziato 48 miliardi di euro dal 2019 al 2028 per Quota 100, il blocco dell'aspettativa di vita e il rinnovo di Opzione donna e Ape sociale. L'Inps ha stimato che la spesa per la misura, nel 2019, sarà più bassa per le minori richieste. Si parla di 3,1 miliardi invece di 4,6 miliardi stanziati dal decreto 4 del governo M5s-Lega.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

edo1969

Gio, 02/01/2020 - 20:14

a me non interessa io voglio morire al lavoro nel mio ufficio come molièr, soccoroso dalla mia collega più carina, non farò nomi se no mi deununcia per violazione della privasy

bernardo47

Gio, 02/01/2020 - 20:21

se non la smontano quella ciuccata di quota cento, che ci costa pure un occhio,assieme a nullafacenza a sbafo, ......quelli che vengono dopo, trovano uno scalone di sette(7!) anni.....leghisti, da salvini e maroni, solo scaloni! CIALTRONI!

maurizio-macold

Gio, 02/01/2020 - 20:45

Speriamo che questa legge assurda venga non solo smontata ma cancellata per sempre.

necken

Gio, 02/01/2020 - 20:47

Quota 100 è stata una legge elettorale come altre in Italia (vedi RDC) è giusto che venga superata e con i soldi eventualmente accantonati utilizzarli per altre misure come il taglio del cuneo fiscale che renderebbe più competitive le ns aziende oppure ivestirli nella protezione del territorio da frane ed altre catastrofi naturali e manutenzione stra di cui c'è parecchio bisogno creando nel contempo posti li lavoro veri.

jaguar

Gio, 02/01/2020 - 21:03

Riguardo i lavori gravosi, come al solito si accontenta qualche categoria e si scontentano altre. Per esempio nella lista dei lavori gravosi e usuranti non esistono i metalmeccanici e sapete perchè? Perchè sono troppi. Chi ha stilato l'elenco provi a lavorare più di 40 anni in fabbrica

Massimocubo53

Gio, 02/01/2020 - 21:04

Io sono andato in pensione nel 2015 a 62anni con 42,5anni di contribuzione perchè ho riscattato i 5anni dell'Università , ho fatto 1anno1/2 del Servizio Militare ed ho lavorato per 36anni . Mandare in pensione con QUOTA 100 è una idiozia enorme dato che la vita media di coloro che arrivano a 62anni è di oltre 83anni per gli uomini e quasi 88 per le donne . Quasi tutti coloro che vanno in pensione a 62anni continuano a lavorare perchè "GIOVANI" .

trasparente

Gio, 02/01/2020 - 21:08

è normale la politica dei sinistroidi consiste nel smontare, distruggere, diffamare, imbrogliare, mentire ecc. Ma è tutto normale se lo fanno loro...

Cesare007

Gio, 02/01/2020 - 21:15

In un paese con così alta disoccupazione tenere le persone al lavoro fino a 67 anni è un suicidio. Bisogna mandarli in pensione per lasciare posto ai giovani.

MAURINO1933

Ven, 03/01/2020 - 11:36

Vedo scatenata la guerra dei poveri, a nessuno interessa che paghiamo pensioni doppie e triple a politici che non hanno lavorato ci scanniamo per quota 100 o altre misure che permettono l'uscita anticipata. un popolo in mano a giornalisti venduti e affaristi della politica.