Limitare i contanti ​non batte l'evasione

Una ricerca smentisce la crociata della sinistra. E, visti i costi del conto corrente, le banconote risultano sempre più convenienti

L'evasione fiscale non è influenzata dalla soglia imposta dalla legge all'utilizzo del contante. Che, per inciso, in Italia è la più bassa d'Europa. Una analisi elaborata dall'ufficio studi della Cgia di Mestre evidenzia come la "passione" degli italiani per le banconote reali non sia stata intaccata dalla crescente disponibilità di pagamenti digitali.

Tra il 2000 e il 2012, a fronte di una soglia limite all’uso del denaro che è rimasta pressoché stabile fino al giugno 2008, l’evasione ha registrato un andamento altalenante fino al 2006 per poi scivolare progressivamente fino al 2010. Se tra il 2010 e l’anno successivo l'asticella del limite al contante si è ulteriormente abbassata passando da 5mila a mille euro, l'evasione invece è salita fino a sfiorare il 16% del pil per poi ridiscendere nel 2012 sotto quota 14%. Tra i principali membri dell’Unione europea, ben undici Paesi non prevedono alcun limite all’uso del contante. La Francia e il Belgio hanno una soglia di spesa con la cartamoneta di tremila euro, la Spagna di 2.500 euro e la Grecia di 1.500 euro. In Italia e in Portogallo, invece, i governi hanno imposto le regole più restrittiva: la soglia massima oltre il quale non si può più usare il contante è pari a mille euro.

"Il diffusissimo uso del contante è correlato al fatto che in Italia ci sono quasi 15 milioni di unbanked - dichiara il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi - ovvero di persone che non hanno un conto corrente presso una banca. Un record non riscontrabile in nessun altro paese d’Europa". Non avendo nessun rapporto con gli istituti di credito, milioni di italiani non utilizzano alcuna forma di pagamento tracciabile, come la carta di credito, il bancomat o il libretto degli assegni. Questa specificità tutta italiana, fa notare Bortolussi, va ricercata "nelle ragioni storiche e culturali ancora molto diffuse in alcune aree e fasce sociali del nostro Paese". "Non possiamo disconoscere - conclude Bortolussi - che molte persone di una certa età e con un livello di scolarizzazione molto basso preferiscono ancora adesso tenere i soldi in casa, anziché affidarli ad una banca". Del resto, i vantaggi economici non sono indifferenti, visto che i costi per la tenuta di un conto corrente sono in Italia i più elevati d’Europa.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Blueray

Sab, 28/02/2015 - 10:40

Proprio in considerazione che un italiano su 4 non ha un conto in banca, la limitazione all'uso del contante è un atto gravemente illiberale. Peggio ancora se dalle statistiche risulta che non è servita allo scopo per cui era stata decisa

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Sab, 28/02/2015 - 10:45

Ogni limitazione della libertà va in senso contrario sia alla democrazia che alla giustizia. L'ingiustizia, per ora, viene combattuta incruentemente e sottobanco... finché i comunisti non esagereranno un po' troppo!

Ritratto di Esigenteater

Esigenteater

Sab, 28/02/2015 - 10:53

Trovate un commerciante che rinuncia ad una vendita per l'insistenza del cliente a voler pagare un considerevole importo esclusivamente in contanti, e avrete la sicurezza di trovarvi di fronte ad un idiota. Postate il nome del cxxxxxo che ha imposto un limite all'uso del contante ed avrete la ennesima conferma della assoluta demenza della classe politica italiana.

Ritratto di giuliano lodola

giuliano lodola

Sab, 28/02/2015 - 11:24

Combattere l'evasione limitando l'uso del contante è come un medico che per curare un male inizia con il curare parti sane,il male continua a esistere e peggiora,l'evasione si combatte con la giustizia fiscale.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 28/02/2015 - 11:34

C'è il libretto postale,quando hanno bisogno passano allo sportello e ritirano il contante che necessita.L'evasione,quella vera,è fatta di scatole cinesi che di rimbalzo ritornano in Italia.La famiglia Agnelli e la De Benedetti potrebbero insegnare molto a chi,nei piani alti,non ne vuol sapere di imparare.E' POLITICAMENTE troppo pericoloso.

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 28/02/2015 - 12:07

Limitare il contante. Una "Sinistra porcata" e un grosso colpo alla democrazia e alle libertà.

flip

Sab, 28/02/2015 - 12:15

chissà se il traffico della droga, la prostituzione, le mazzette più o meno politiche, gli affari mafiosi, ecc., si pagano con carta di credito o bancomat. andassero a rompere i cosiddetti a loro e non ai poveracci che fanno una fatica enorme a cucire il pranzo con la cena. i dementi devono stare in manicomio (va bè che Montecitorio e co. sono manicomi ma gli utenti sono troppo liberi)

titina

Sab, 28/02/2015 - 12:17

Bisogna eliminarli completamente

unosolo

Sab, 28/02/2015 - 12:31

si val bene limitare il contanti ma aboliamo prima il portafogli dei ministri e delle spese dei palazzi , via i rimborsi di ogni tipo verso le istituzioni , è un lavoro che hanno scelto hanno stipendi alti e se vogliono un qualcosa di più se lo comprano da soli , lo spreco delle istituzioni è quello che ferma il PIL.

torodamonta

Sab, 28/02/2015 - 12:45

Ogni persona deve essere libera con i propri soldi di comprarsi qualsiasi cosa e pagare qualsiasi cifra anche in contanti senza alcun limite.

killkoms

Sab, 28/02/2015 - 12:57

l'imporre un limite al contante in un momento di crisi,vuol dire solo aggravarla(la crisi)!c'è gente che pur avendo soldi,non li spende per non passare per evasori!

giottin

Sab, 28/02/2015 - 13:23

Ha ragione titina, bisogna eliminare chi ha imposto la limitazione dell'uso del contante!

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Sab, 28/02/2015 - 13:34

In America si paga anche il caffè al bar con la carta di credito e si fanno 15 anni di galera per evasione fiscale. Ma l'Italia,uno dei paesi con maggior evasione fiscale e corruzione al mondo, deve ancora, tramite i media, ostacolare la giustizia. Ma visto che abbiamo avuto due presidenti del consiglio ,dal 1996, condannati per frode e per tangenti tutto rientra nella normalità italiana.

Mindfree

Sab, 28/02/2015 - 13:45

Francamente non capisco tutta l'avversione verso le forme di moneta elettronica che traspirano dai commenti a quest'articolo. Quando usiamo una carta, il prezzo di un articolo non cambia e sul mercato esistono molte carte di credito a canone annuo zero per l'intestatario. Limitare l'uso del contante poi, significa molte meno rapine ad esercizi come farmacie o benzinai ed il ricorrere meno ai furgoni portavalori per movimentare le banconote che, vengono presi d'assalto con operazioni di guerra dai criminali. IO,SPENDO TUTTO QUELLO CHE POSSO CON LA MONETA ELETTRONICA

Mindfree

Sab, 28/02/2015 - 13:45

Francamente non capisco tutta l'avversione verso le forme di moneta elettronica che traspirano dai commenti a quest'articolo. Quando usiamo una carta, il prezzo di un articolo non cambia e sul mercato esistono molte carte di credito a canone annuo zero per l'intestatario. Limitare l'uso del contante poi, significa molte meno rapine ad esercizi come farmacie o benzinai ed il ricorrere meno ai furgoni portavalori per movimentare le banconote che, vengono presi d'assalto con operazioni di guerra dai criminali. IO,SPENDO TUTTO QUELLO CHE POSSO CON LA MONETA ELETTRONICA

Atlantico

Sab, 28/02/2015 - 13:48

In effetti l'evasione fiscale e la corruzione non sono influenzate per nulla dall'uso del contante. Che lucidità mentale questo Rame !

Mindfree

Sab, 28/02/2015 - 13:51

L'uso della moneta elettronica (carte e bancomat) impedisce l'evasione fiscale di tanti commercianti disonesti che VOGLIONO VENDERTI UN ARTICOLO A PREZZO PIENO (MAGARI CON IVA AL 22%)SENZA RILASCIARE SCONTRINO E/O RICEVUTA...COSI'L'IVA L'INTASCANO LORO. POI MAGARI QUEI COMMERCIANTI GIRANO IN MERCEDES!!!

Mindfree

Sab, 28/02/2015 - 13:52

AVANTI CON LA GUERRA AL CONTANTE...VOGLIO PAGARE CON LA CARTA ANCHE IL CAFFE' AL BAR OD IL GIORNALE IN EDICOLA!!!

LuPiFrance

Sab, 28/02/2015 - 14:08

e poi vorranno sostituire i contanti con i soldi di monopoli o con i vecchi rubli

puntopresa10

Sab, 28/02/2015 - 14:20

egregio rame,secondo lei il sig.bortolussi dove pensa investa il suo denaro e consigli agli altri dove investirlo,anche lei sig.rame dove investe i suoi soldi e ancora secondo lei è più credibile seguire i consigli di un professore in economia o del mister.buffett.La teoria che ci hanno propinato a scuola,studia trovati un lavoro e investi i tuoi risparmi in fondi comuni a lungo termine è una buona cosa,conviene risparmiare o investire,cos'è la federal reserve e la bce.attendo risposte.

bpierfranco

Sab, 28/02/2015 - 14:28

La limitazione del contante serve solo ad arricchire le banche! Basti pensare ai costi eccessivi del conto corrente, ai costi di avere un dispositivo Pos, al costo delle opeazioni bancarie in generale.

puntopresa10

Sab, 28/02/2015 - 14:30

hei lupifrance,a me il monopoli ha insegnato la vera economia e aumentato il mio QI finanziario,ti ricordi,il massimo era avere un albergo rosso piuttosto che tre case verdi.

puntopresa10

Sab, 28/02/2015 - 14:33

lupi,il monopoli ha insegnato molto di economia e aumentato il mio QI finanziario

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Sab, 28/02/2015 - 15:35

Il denaro contante è un sistema da sempre più praticoe soprattutto ECONOMICO. Ridurlo o eliminarlo significa costringere chiunque a passare sempre attraverso lo sportello (bancario) con "annessi e connessi" che ben conosciamo. In questo modo il cittadino verrebbe, fra l'altro, privato dell’unica forma di dissenso che può esercitare nei confronti del sistema bancario. Vediamo se il governo metterà una penale consistente per chi cambia banca.. Al contrario le banche, in una situazione del genere "festeggiano": "virtualizzato" il denaro, viene meno anche il pericolo che la popolazione possa chiedere la restituzione di ciò che in effetti è solo virtuale, che sostanzialmente non esiste. Possono anche chiudere le "zecche", giusto Draghi? Quanto a Bortolussi, il leviatan banche se ne "fo@@e" di chi non ha il conto corrente, visto che hanno i loro pupilli che eseguono a bacchetta le loro desiderata. E guai a controllare approfonditamente tutte quelle società che usano gli edge found

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Sab, 28/02/2015 - 15:38

Le banche plaudono al furetto che riempirà ancor più di denaro le loro tasche e potranno promuoverlo a giovane muratore in qualche ur lodge. E chi è che tocca il moloch bancario, neanche domineddio!!!

unosolo

Sab, 28/02/2015 - 16:56

in America ci pagano il caffè ok, facciamolo anche noi ma togliamo prima i " diritti dei parlamentari " il portafoglio dei ministri , le tessere aziendali RAI, togliamo prima lo spreco poi le tessere per tutti , entro due mesi non ci sarà un centesimo nelle casse dello Stato scapperebbero tutti i ministri e industriali. i ricchi sono gia scappati.

vincenzo1956

Sab, 28/02/2015 - 16:57

Gentile mindfree,sei libero di pagare anche il caffe' con carta di credito. Alcune domande: sai quanto costa il canone mensile un pos per un commerciante o artigiano ? Sai quanto costa un pos GSM per chi non ha la linea telefonica (se mi rispondi di farsi la linea telefonica ti chiedo se sai quanto costa solo il canone mensile di una linea uso affari)? Sai quanto costa,oltre il canone mensile,ogni singola operazione con bancomat all'esercente? Sai quanto costa ogni singola operazione con carta di credito ( all'esercente) Gradirei inoltre conoscere( vivi nel paese di bengodi) quali sono le carte a canone zero,senza conto corrente( che ha un costo)senza costi di ricarica ,senza costi di operazione e di estratto conto. La liberta' di una persona,ricorda,finisce dove inizia la liberta' di un'altra persona

flip

Sab, 28/02/2015 - 17:30

minfree.al di la di ogni più p meno valida considerazione sull' argomento, vuol mettere la soddisfazione di avere moneta frusciante in mano piuttosto che un pezzo di plastica anche se di considerevole valore? Certo chi si accontenta gode. Intendiamoci ciò che ho scritto è una battuta ma se qualche volta ha letto Topolino, Paperon de Paperoni si tuffava con voluttà nell' oro nelle monete, adesso si tufferà nelle moneta virtuale

arkkan

Sab, 28/02/2015 - 18:14

minfree - è una questione di libertà di scelta. Personalmente uso le carte di credito quando possibile, ma trovo ridicolo pagare il caffè con la carta! Se poi si vuole eliminare il contante per scelta ideologica, credo che una cura psichiatrica sia d'obbligo. Per chi ha posto la questione: sì, esistono carte a costo di gestione zero, salvo un 10 euro iniziale. Le hanno tutte le maggiori banche, c'è anche l'opzione di accesso tramite internet per il controllo dei movimenti, sempre a costo zero.