Quel flop del cashback: niente lotta all'evasione e "tanti soldi regalati"

Il presidente del Centro studi e ricerche itinerari previdenziali spiega perché la lotteria degli scontrini ed il cashback non disincentiverebbero l'evasione fiscale

Cashback come forma di contrasto all'evasione fiscale? Pare proprio non essere così, almeno secondo il presidente del Centro studi e ricerche itinerari previdenziali Alberto Brambilla. Il nostro paese avrebbe un'economia sommersa annuale pari a 190,9 miliardi di euro, che si concentrerebbero soprattutto in attività connesse alla fornitura diretta di servizi alle famiglie, sulle quali gravano pesanti imposte, sia dirette che indirette.

Dall'analisi dei dati 2018 emerge che il 74% dei contribuenti versa aliquote basse: di questi il 43,88% dichiara redditi negativi o a zero, versando il 2,42% di tutta l'Irpef ed il 13,84% contribuisce al 6,56% del medesimo totale. Ciò significa che il 57,72% dei dichiaranti versa 15,4 miliardi di euro sul totale annuale Irpef di 170. A dichiarare redditi oltre i 35mila euro lordi annuali è invece poco più del 13% di contribuenti, i quali versano il 60% delle imposte totali.

La risposta per disincentivare l'evasione fiscale non può essere tuttavia, secondo Brambilla, la lotteria degli scontrini già applicata in Brasile e Portogallo ("non proprio fari di scienza delle finanze", dice il presidente come riportato da "Il Messaggero") o il cashback di Stato. Scorretto inoltre limitare l'uso del contante facendo finta di non considerare i costi aggiuntivi legati all'uso della moneta elettronica: con l'infima soglia di 999 euro il prossimo anno saremo la maglia nera d'Europa.

Nel cashback "nostrano", ricorda Brambilla, sono necessarie almeno 50 operazioni in un semestre per raggiungere il massimale di 150 euro di rimborso (dunque tuttalpiù si possono toccare i 300 euro annuali con 100 operazioni). Tuttavia, spiega il presidente, più della metà delle operazioni coperte dal cashback erano già effettuate con moneta elettronica, quindi"oltre la metà dei soldi sono regalati". Tra l'altro se i fondi stanziati da Giuseppi non basteranno per coprire le richieste (cosa assai probabile) allora i rimborsi verranno proporzionalmente mozzati. Uno spreco di denaro pubblico, quindi, dato che il governo giallorosso ha stanziato per il cashback 1,75 miliardi di euro per il 2021 e 3 miliardi di euro per il 2022.

Ma è davvero un sistema così vantaggioso per combattere l'evasione? Anche no. Brambilla cita l'esempio di un lavoratore che guadagna 1400 euro al mese e che necessita di lavori in casa. Con un intervento che costa 1220 euro con fattura, poi ridotto a 900 senza, il risparmio immediato per il cliente sarebbe di 320 euro, un vantaggio subito tangibile. Il fornitore eviterebbe invece di pagare tasse, Iva e contributi. Ebbene, spiega Brambilla, "Per questa operazione il cashback consentirebbe di beneficiare di 15 euro (contro 320 o più)".

Il presidente propone quindi come soluzione quella del "contrasto di interessi", almeno per un periodo sperimentale di 3 anni. In detrazione delle imposte dell'anno, "tutte le famiglie possono portare il 50% delle spese effettuate con regolare fattura elettronica (incrocio dei codici fiscali) nel limite di 5.000 euro annui per una famiglia di 3 componenti che aumenta di 500 euro per ogni ulteriore componente. Nel caso di incapienza sono previste misure compensative (quota asili nido, mense...)". Tra i lavori detraibili quelli di manutenzione della casa, di auto e mezzi di trasporto in genere, gli aiuti domestici. Così facendo ogni nucleo potrebbe risparmiare fino a 2500 di Irpef (sarebbe come pagare i lavori, al netto dell'Iva, con un risparmio del 50%), si disincentiverebbero gli irregolari e lo Stato potrebbe incassare almeno il 10%-15% di entrate fiscali/contributive (che sui 190 miliardi valutati in precedenza significano almeno 19 miliardi). "Il contrasto di interessi e la reintroduzione dei voucher lavoro per la lotta al micro sommerso, sono l’unica soluzione seria possibile: perché non sperimentarle?", si domanda Brambilla.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Dom, 10/01/2021 - 14:22

sicuramente no visto che quello che rimborsano, pardon FORSE rimborseranno, non è nemmeno l'IVA; ma "loro" regalano a pioggia convinti come sono che basta prenderne ancora.

amedeov

Dom, 10/01/2021 - 15:06

Invece di questa pagliacciata,non era più semplice comportarsi al pari dello scontrino della farmacia che viene registrato direttamente all'agenzia delle entrate?Ma la colpa non è del conte tacchia ma degli italiani fessacchiotti che hanno abboccato

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 10/01/2021 - 15:09

Tutto annunciato e previsto...

Basta_Tasse

Dom, 10/01/2021 - 15:24

Si sa che il problema dell'italia è l'evasione dell'idraulico. Le tasse al 2% nei paesi "amici" delle società che fatturano miliardate di euro, no, quello va benissimo. E poi,voi, quante volte avete l'idraulico per casa ? A me succede raramente Non è che chi ha la fissa dell'idraulico ha qualche problema familiare ?

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 10/01/2021 - 15:26

Personalmente penso che chi ha sempre pagato con moneta elettronica, continuerà a farlo e sono quei 5 e passa milioni di italiani registrati su Io. Chi ha sempre evaso,continuerà a farlo,dato che ci guadagna più del 10%. In soldoni,non si ridurrà l'evasione fiscale,ma saranno solo gli onesti che ci avranno guadagnato qualche centinaio di euro. Quindi,a parte questo,un flop.

Enne58

Dom, 10/01/2021 - 15:39

Cercare al sud sia evasori che beneficiari di inutilmente regalie

schiacciarayban

Dom, 10/01/2021 - 15:58

Uno dei tanti modi in cui il governo butta nel cesso i soldi.

Basta_Tasse

Dom, 10/01/2021 - 16:30

@amedeov Guarda che la registrazione della farmacia non costituisce automaticamente uno sconto delle tasse. Devi comunque fare "richiesta" dei crediti e se sbagli sono multe.... Ci sono ancora toppi soldi che girano e la "gente normale" ancora non si rende conto di come girano le cose.

Basta_Tasse

Dom, 10/01/2021 - 16:34

@mbferno Ecco, eliminiamo il contante e poi quando la plastica magica non va.... digiuniamo. Magari è "un problema tecnico della banca" Magari manca la luce Magari il grande fratello ha deciso che "è meglio che sparisci" Magari Conte ha deciso che domani i tuoi soldi sono i suoi soldi.... Viva la plastica !!

giovanni235

Dom, 10/01/2021 - 17:15

Da quando si sono inventato questa cretinata all'italiana ho usato il bancomat solo per prelevare denaro e non più per qualsivoglia spesa (acquisto viveri,medicinali,stecche di sigarette,benzina ecc.ecc).Notare che avevo pressoché eliminato il contante usando solo il bancomat.Non capiscono che se non la smettono di prendere per il sedere ottengono esattamente l'effetto contrario.

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 10/01/2021 - 17:41

@Basta-tasse...se vogliamo parlare della moneta di plastica,in credo 30 anni che esiste,l'ho sostuita solo una volta,per scadenza e una volta per smagnetizzazione. Non credo sia un dramma,anzi sono più le volte che è il bancomat fuori servizio che non la carta. Dulcis in fundo,ora come ora,sono sempre di più le banche che offrono il servizio "cardless" ossia il prelievo senza carta,con lo smartphone. Io ne ho due! Non rischio certo il digiuno per questo. Se lei ha paura che il conte Tacchia stabilisca che i tuoi soldi diventano suoi,può solo metterli sotto il materasso e lasciarli,magari alla mercé di qualche ladro,ma la carta non c'entra...

ilcapitano1954

Dom, 10/01/2021 - 17:47

Nella città dove vivo, eccetto i negozianti che avevano già il pos (negozi nei centri commerciali e supermercati) successivamente all'entrata del cashback nessuno si e' fornito di pos, nessun macellaio, fruttivendolo, salumeria, barbiere, medico di famiglia, pescivendolo, partite iva , commercianti vari, falegnami, idraulici, fabbro ecc. Come si può combattere l'evasione in questo modo?

Ritratto di Fabious76

Fabious76

Dom, 10/01/2021 - 18:00

Enne58 Dom, 10/01/2021 - 15:39 Io la porterei in giro per un giorno con me, così le farei vedere con i suoi occhi in quanti evadono pure qua al nord! Ma sicuramente pure lei lo sa, però è più facile sparare a zero sul sud invece di ammettere che purtroppo evadere fa parte del dna di molti nostri connazionali.