Via ai bonus per le auto: la guida modello per modello

Si attende ancora il completamento della piattaforma che dovrebbe gestire le prenotazioni, attesa per il prossimo 25 maggio

Via ai bonus per le auto: la guida modello per modello

Come ampiamente preannunciato, da lunedì 16 maggio è possibile accedere agli incentivi auto. Il bonus consentirà di usufruire di uno sconto compreso tra i 2mila euro (nel caso in cui si effettui l'acquisto di veicoli con motori tradizionali a basso impatto ambientale) e i 5mila (per la compravendita di auto elettriche ma solo qualora sia inclusa la rottamazione di un mezzo di classe inferiore a Euro 5).

Manca ancora l'attivazione della piattaforma che dovrebbe gestire tutte le prenotazioni, attesa per il prossimo 25 maggio, ma il via libera all'incentivo, studiato per rianimare un settore in forte crisi economica, è stato comunque anticipato al 16.

Per le vetture con emissioni di CO2 comprese tra 0-20 gr/km (elettriche pure e ibride plug-in più efficienti) di costo inferiore ai 35mila euro Iva esclusa, è previsto un bonus di 3mila euro, che sale fino a 5mila in caso di rottamazione di un'auto di classe inferiore a Euro 5. Per le vetture con emissioni di CO2 comprese tra 21-60 gr/km (le sole ibride plug-in) di costo inferiore ai 45mila euro è previsto un bonus di 2mila euro, che può aumentare fino a 4mila in caso di rottamazione. Per le auto con emissioni di CO2 comprese tra 61-135 gr/km (veicoli con motori tradizionali e alcuni modelli di mild hybrid e full hybrid) di costo inferiore ai 35mila euro è previsto invece un bonus di 2mila euro, ma solo nel caso in cui si effettui anche la rottamazione.

I modelli

Peugeot 3008 BlueHDi, ad esempio, il modello di diesel più venduto lo scorso mese, costa 36mila euro ed emette 104 g/km di CO2. Per le sue caratteristiche è quindi previsto uno sconto di 2mila euro con rottamazione di un mezzo di classe inferiore a Euro 5. Nella medesima categoria di incentivo rientrano anche la seconda e la terza auto con motore tradizionale più vendute ad aprile. Si tratta rispettivamente della Fiat 500X 1.6 TD (dal costo di 26.400 euro e con emissioni pari a 121 g/km di CO2) e della Jeep Compass Longitude (32.900 euro per 135 g/km di emissioni di CO2).

Avranno diritto allo sconto di 2mila euro anche le ibride benzina Mhev o Hev. La più venduta ad aprile è stata la Fiat Panda 1.0 FireFly 70Cv (13.850 euro con emissioni di CO2 pari a 111-109 g/km), seguita dalla Toyota Yaris Hybrid (24.950 euro, 115 g/km di CO2) e dalla Lancia Ypsilon (14.000 euro, 110/112 g/km di CO2).

Nella categoria intermedia (sconti fino a 4mila euro con rottamazione) rientrano ad esempio la Jeep Compass 4xe Phev (45.890 euro è il prezzo di listino), la Jeep Renegade 4xe Phev (38.550 euro) e la Bmw X1 Phev (46.499 euro).

Per quanto concerne la tipologia interamente elettrica (sconto massimo di 5mila euro in caso di rottamazione di un mezzo di categoria inferiore a Euro 5), i modelli più venduti ad aprile sono stati la Nuova 500 Elettrica (27.300 euro il prezzo di listino), la Smart Eq Fortwo (25.026 euro) e la Dacia Spring EV (22.103 euro).

Commenti