Non avete questa mail? Arrivano le sanzioni

Sarà lo stesso Ordine a dover richiamare il professionista ed a sospenderlo fino all'adempimento dell'obbligo di dotazione. In caso contrario lo stesso Ordine potrebbe subire ripercussioni

Arrivano come un fulmine a ciel sereno all'interno del Decreto semplificazioni le nuove sanzioni previste per tutti quei professionisti non ancora dotati dell'indirizzo di Posta elettronica certificata (Pec).

Uno strumento nato circa dieci anni fa che si poteva scegliere se usare o meno, visto che non era prevista alcuna ripercussione per chi non volesse dotarsene, ma che da ora diviene d'obbligo per diverse categorie di professionisti. Alcuni di questi si erano già da tempo abituati ad utilizzare la Pec nel lavoro, in particolar modo, ad esempio, gli avvocati, mentre per altri (giornalisti, ingegneri o medici) il mezzo digitale non risultava strettamente necessario per le esigenze quotidiane. Le cose sono cambiate in particolar modo a causa delle sanzioni studiate dall'esecutivo nel Decreto semplificazioni, e che possono arrivare addirittura fino alla sospensione dall'albo. La scusa, così come per la lotta al contante, è la solita spinta verso l'innovazione digitale, la realtà tenere tutto sotto rigido controllo.

Si stimano all'incirca 2,3 milioni di lavoratori iscritti ad albi professionali in tutto il paese, e da oggi tutti costoro saranno costretti a sottoscrivere l'abbonamento con un gestore di caselle di posta elettronica certificata (Pec) per risultare in regola e quindi non perseguibili a termini di (nuova) legge, dato che il Decreto semplificazioni varato a luglio è stato convertito in legge proprio pochi giorni fa.

"Il professionista che non comunica il proprio domicilio digitale all'albo o elenco è obbligatoriamente soggetto a diffida ad adempiere, entro trenta giorni, da parte del Collegio o Ordine di appartenenza. In caso di mancata ottemperanza alla diffida, il Collegio o Ordine di appartenenza commina la sanzione della sospensione dal relativo albo o elenco fino alla comunicazione dello stesso domicilio", spiega la norma riportata da "Il Messaggero".

Lo stesso ordine avrà successivamente anche l'obbligo di rendere noti"in un elenco riservato, consultabile in via telematica esclusivamente dalle pubbliche amministrazioni, i dati identificativi degli iscritti e il relativo domicilio digitale". Alla faccia della privacy e in nome del progresso digitale tanto sbandierato dal governo Conte.

Se l'ordine non dovesse ottemperare a quest'obbligo, ciò potrebbe essere "motivo di scioglimento e di commissariamento del Collegio o dell'Ordine inadempiente ad opera del Ministero vigilante". Insomma tutto è stato studiato affinché, con sanzioni di una certa rilevanza, tutti gli elementi coinvolti in questo obbligo siano concordi a collaborare per evitare ripercussioni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Enne58

Sab, 19/09/2020 - 13:40

Altro che decreto semplificazioni, solo complicazioni, obblighi, e sanzioni. Decreto per far scappare imprenditori

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Sab, 19/09/2020 - 15:48

La Posta Elettronica Certificata, PEC per gli intimi, è uno strumento eccezionale, usato in Italia come metodo per impedire lo snellimento burocratico. Non esiste in EU, non esiste negli USA, pare che esista solo in un altro paese di nostro pari livello tecnologico, la Tanzania. Neppure le banche la richiedono, solo i solerti funzionari della Pubblica Amministrazione lo fanno, forse per avere un ricordo della vecchia raccomandata con ricevuta di ritorno; una sorta di coperta di Linus, insomma. Un'altra riga sotto la parola vergogna.

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 19/09/2020 - 16:40

Ho chiesto la PEC al mio fornitore di servizi, pagando 12€ all'anno. Il prossimo anno non la rinnovo...perché non serve a NULLA!

sarascemo

Sab, 19/09/2020 - 16:45

Tenetevi, gli ordini offrono la PEC gratuitamente. Le notifiche di Agenzia Entrate possono essere comunicate via PEC, con validità in caso di giacenza, questo è uno dei veri obiettivi, voluta dal cazzaro di Rignano. Personalmente non l' uso proprio, in quanto per avere validità giuridica deve essere inviata ad un indirizzo PEC.

baio57

Sab, 19/09/2020 - 16:59

Nel mio lavoro sono obbligato ad usarla ormai da anni , un labirinto di indicazioni e passaggi da seguire per uno strumento che può essere sostituito da una semplice Mail. Insomma, non semplifica una bella mazza,anzi !

sarascemo

Sab, 19/09/2020 - 17:08

theRedPill Sab, 19/09/2020 - 15:48 il resto del mondo comunica con un sistema di Certificati Digitali, la PEC è valida solo in Italia, neanche la Tanzania lo impiega.

cgf

Sab, 19/09/2020 - 17:43

La posta certifica NON è in uso solo in Italia, anche in Svizzera, Hong Kong e Germania dove in pratica è già in vigore dal 2011. Esiste una direttiva dell'Unione Europea, la 2006/123/CE conosciuta come Direttiva Bolkestein, che demandava le autorità degli Stati membri a dotarsi di strumenti di comunicazione elettronica legalmente vincolanti fra la parti.