Arrivano le pensioni: ecco il calendario completo di luglio

Da quando si è diffuso il Covid in Italia, Poste italiane ha previsto misure di contingentamento per l’accesso ai suoi sportelli

Arrivano le pensioni: ecco il calendario completo di luglio

La protezione civile ha emanato una nuova ordinanza, la numero 778 del 18 maggio 2021, con la quale regola i pagamenti delle pensioni. Il provvedimento è stato reso necessario dalla pandemia da Covid-19, poiché è da quando si è diffuso il virus in Italia che Poste italiane ha previsto misure di contingentamento per l’accesso ai suoi sportelli, sia per favorire il rispetto delle misure di contenimento della diffusione del Coronavirus sia per assicurare le varie prestazioni a tutti coloro che ne hanno diritto, senza difficoltà. Ciò avviene grazie alla programmazione dell’accesso agli sportelli nell’arco dei giorni lavorativi precedenti al mese di competenza delle prestazioni.

Stabilito già il calendario di luglio, come riporta, per tutti i pensionati titolari di un conto BancoPosta o Postepay Evolution, oppure di un semplice libretto di risparmio. Si seguirà il criterio dell’ordine alfabetico. Le persone il cui cognome inizia con la A o con la B potranno riscuotere il giorno venerdì 25 giugno. A seguire, i pensionati le cui iniziali sono C – D ritireranno la pensione il giorno sabato 26 giugno; E – K lunedì 28 giugno; L – O martedì 29 giugno; P – R mercoledì 30 giugno; S – Z giovedì primo luglio.

Poste italiane ricorda l’obbligo di indossare la mascherina protettiva per entrare nell’ufficio postale solo all’uscita del cliente precedente e tenere la distanza di almeno un metro, sia in attesa all’esterno sia nelle sale aperte al pubblico. I pagamenti delle pensioni di luglio 2021 saranno anticipati per scaglionare l’ingresso presso gli uffici e limitare il rischio contagio; il pagamento in anticipo è sicuramente una misura utile per evitare gli assembramenti davanti alle Poste.

I cittadini di età pari o superiore a 75 anni, che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli uffici postali e che riscuotono normalmente la pensione in contanti, possono richiedere, delegando al ritiro i carabinieri, la consegna della pensione a domicilio.

Commenti

Grazie per il tuo commento