Stop a sanzioni per la Tari: nuove regole dal 2021

Per il 2020 non ci saranno sanzioni per chi non applica le nuove regole. Così, la nuova tassa sui rifiuti sarà sperimentale

Stop a sanzioni per la Tari: nuove regole dal 2021

Per quest'anno, la nuova Tari, la tassa sui rifiuti urbani, sarà probabilmente sperimentale. Nel 2020 la tassa avrebbe dovuto essere calcolata in base alle regole fissate dall'Arera, che vigila sui principali servizi. Ma, secondo quanto riporta il Sole24ore, è probabile che potrà essere applicata con le vecchie regole. La nuova Tari, quindi, slitterebbe al 2021.

L'Italia vorrebbe applicare il principio europeo che punisce chi inquina, prevedendo tariffe basate sulla quantità di rifiuti prodotti. Ma per il momento, tale modello non è ancora stato applicato, perché spesso la riforma che dovrebbe introdurlo è accompagnata da deroghe, che hanno permesso al vecchio metodo di sopravvivere, dal 1993.

Per mettere un po' d'ordine, nel 2018, la manovra aveva affidato ad Arera il compito di dar vita ad un nuovo sistema tariffario, come ricorda il Sole24ore. Dopo aver consultato esperti e amministratori, l'Authority ha permesso di adottare, a novembre, due delibere: il nuovo metodo tariffario e la trasparenza della bolletta. Le delibere sarebbero entrate in vigore il primo gennaio 2020, ma a pioggia sono arrivate anche le richieste di proroghe. Per questo, è stato fissato un nuovo calendario per l'introduzione delle delibere: quest'anno i Comuni avranno tempo fino al 30 aprile. Ma ora, la nuova tassa sui rifiuti potrebbe diventare sperimentale, fino al 2021.

La tassa viene fissata da un piano economico finanziario e le tariffe vengono approvate sulla base delle predisposizioni dell'"autorità competente". Secondo il nuovo metodo, questa autorità dovrebbe essere Arera ma, in attesa della decisione finale, dovrebbero essere applicati i prezzi dell'autorità territoriale competente. Ma spesso, l'autorità territoriale non esiste, perché la riforma che la prevede non è mai stata applicata, oppure esiste ma non è ancora operativa. In questa situazione, i ricorsi e i malintesi sono assicurati e l'applicazione della nuova tari potrebbe slittare.

Commenti