Pronto lo scippo sulle pensioni. Chi rischia la grande "botta"

Le misure allo studio del governo prevedono penalizzazioni sugli assegni. E la stangata arriva già a gennaio. Tutti i calcoli

Comunque vada saranno tagli. Il governo giallorosso da qualche giorno ha avviato un dialogo con i sindacati per definire il nuovo panorama previdenziale che dovrebbe vedere la luce a partire dall'1 gennaio 2022. Mancano infatti 15 mesi all'esaurimento di Quota 100 che, come è noto, non sarà riconfermata. Ma dalle ceneri della riforma varata dal governo gialloverde che ha mandato in soffitta (per qualche tempo) la Fornero, nascerà una nuova strada previdenziale che potrebbe prevedere un'uscita anticipata a 64 anni di età con 38 anni di contributi. Ma con questa strada di fatto i pensionati che lasceranno il lavoro a gennaio 2022 perderanno almeno il il 3 per cento dello quota contributiva fino allo scoccare dei 67 anni, età d'uscita prevista dalla legge Fornero. Il piano previsto dall'esecutivo potrebbe essere conveniente solo per coloro che sono ormai prossimi all'uscita. Per questa tipologia di lavoratori verrà calcolato un assegno con sistema misto, tenendo conto del retributivo e del contributivo.

Chi rischia la batosta

Per gli altri si tratta invece di una batosta che potrebbe pesare sempre di più nei prossimi anni. Chi infatti andrà via con il sistema contributivo integrale rischia una vera botta sull'assegno. E la penalizzazione sarebbe ancora più forte per chi lascerebbe il lavoro con l'altra strada indicata dal governo: quota 102. In questo caso ci sarebbe un calcolo integralmente contributivo con due effetti: risparmi per le casse dello Stato che non dovrebbe calcolare assegni basandosi sul retributivo e tagli all'assegno per il lavoratore per ogni anni di anticipo rispetto alla quota Fornero.

Ma prima del 2022 c'è da tenere d'occhio l'anno che inizierà fra tre mesi. Il 2021 porterà già della penalizzazioni sull'assegno. I nuovi coefficienti di trasformazione saranno più bassi e con un ricalcolo dell'assegno, per chi lascia ci sarà un'altra stangata. Dal 2009 la perdita complessiva sull'assegno pensionistico si aggira intorno al 12 per cento. Il risultato? Chi andrà in pensione a gennaio prossimo, avrà un assegno più basso rispetto a chi (con la stessa mole di contributi versati) ha deciso di lasciare il lavoro negli anni precedenti.

Le differenze sugli assegni

E in questo quadro chiarisce l'idea un esempio pratico che ha proposto qualche giorno fa Italia Oggi. Un pensionato con un montante contributivo di 100mila euro e con un'uscita dal lavoro a 65 anni avrebbe riscontrato sostanziali differenze sull'assegno in base alla finestra utilizzata per lasciare l'attività lavorativa. Con un'uscita nel 2009 avrebbe percepito un assegno da 6.136 euro.

Nel 2012 sarebbe già sceso a 5.620 per arrivare ai 5.326 euro nel biennio 2016-2018. Negli ultimi due anni invece avrebbe perso altri 81 euro. In totale, più o meno, un pensionato che ha lasciato il lavoro a 65 anni tra il 2009 e il 2019, a parità di montante contributivo, avrebbe dovuto fare i conti con uno scarto di circa 800 euro. Ed è per questo motivo che bisogna fare molta attenzione alle scelte che sta per fare il governo giallorosso. I nuovi sistemi di uscita anticipata saranno quasi certamente penalizzanti. E a questo vanno aggiunte altre due spine nel fianco dei pensionati: il blocco delle rivalutazioni e il taglio (arbitrario) per 5 anni delle pensioni d'oro.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 17/09/2020 - 11:58

5000 euro sono pochi?

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 18/09/2020 - 16:18

Tetescone 11e58, guarda che i 5000 sono LORDI, togligli il 38% di IRPEF e un qualcosa dell'addizionale e poi fammi sapere!!! AUGH.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 18/09/2020 - 16:20

vi ricordate quel proverbio? ogni volta che al governo va la sinistra, solo due cose aumentano: le tasse e i poveri :-) ora abbiamo questo e quello! complimenti: obiettivo raggiunto!

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Ven, 18/09/2020 - 16:28

Ci portano via i soldi per darli ai clandestini e per dare il reddito di cittadinanza ai delinquenti: CONTE DIMETTITI!

MR12

Ven, 18/09/2020 - 16:28

@franco-a-trier_DE. Sono all'anno, non al mese. Pensa forse che avendo versato 100.000 di contributi (montante contributivo questo significa) le diano 5000 euro al mese ? Mi dica in che paese vive che mi ci trasferisco subito. Ma se il DE finale sta per deutschland, dubito che funzioni così.

flip

Ven, 18/09/2020 - 16:35

con questo atto, possono dire addio alla loro insulsa ed insificante esistenza politica!" si cercassero un lavoro.... (ma chi li vuole????

lomi

Ven, 18/09/2020 - 16:44

Mi pare che la parte contributiva risalga al governo Dini..difficilmente ascrivibile a sinistra...il resto è legge Fornero e anche qui mi pare non sia ascrivibile alla sola sinistra giacchè il governo era sostenuto da un esecutivo in cui c'era anche la Meloni....quindi...di quale scippo state parlando? Quello di Dini o quello del governo di Destra sinistra di Monti?

BEPPONE50

Ven, 18/09/2020 - 17:00

Ancora la memoria e' corta La rivalutazioni sulle pensioni NON E' STATA FATTA DAL GOVERNO DEL CAPITANO

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 18/09/2020 - 17:02

LOMI dini è di sinistra :-) ancora oggi fa parte della sinistra ! monti non è di destra, si è venduto alla sinistra, anzi, a napolitano. quindi ..... tutta farina della sinistra :-)

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Ven, 18/09/2020 - 17:07

MR12 per cui unendo i suoi calcoli a quelli della Volpe centro-americana il pensionato avrebbe a disposizione circa 175 euro al mese, un terzo della pesione sociale; perchè prima di postare sciocchezze non studiate??

xgerico

Ven, 18/09/2020 - 17:11

Ecchecavolo avaete anticipato a venerdì anzichè il lunedì mattina, l'articolo sulle riduzioni delle pensioni!? HAAAA ora ho capito domenica ci sono l'elezioni!

EliSerena

Ven, 18/09/2020 - 17:37

Tra poco per il giornale saranno pensionati che dovranno versare soldi all'IMPS. Ogni settimana una stangata, che essendoci domenica le elezioni il giornale ha pensato bene di anticipare al venerdì. Comunque per essere esatti il blocco delle pensioni altro che rivalutazione l'ha fatto un certo Berlusconi. Penosi e ridicoli

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 18/09/2020 - 17:42

E arrivato alle 17e07 lo "STUDIATO" Che calcola 5000 Euro LORDI di pensione all'annooo!! Cosa che neanche chi NON ha mai versato o quasi contributi comunque supera ormai in Italia col RDC!!!! SCARICA L'APP SQUOLA!!!jajajajajaja

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 18/09/2020 - 17:47

Eli serena carissima 17e37 si scrive INPS!!! Studia studia e scarica l'APP IMPARA!!!jajajajajaja

marco.savarino@...

Ven, 18/09/2020 - 17:52

ahaha ma è un lavoro buttare fango tutti i giorni sul governo ahahahah

lorenzovan

Ven, 18/09/2020 - 17:59

spero che la prendano e forte i miracolati dalle pensioni baby e tutti i miracolati della pensione retributiva ..magari basata sull'ultimo stipendio..dopo il solito salto di scalone due mesi prima del pensionamento..cosi' tanto per gradire

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 18/09/2020 - 18:01

Mortimermouse ha ragione,ma stanno parlando delle pensioni piccole,perchè le altre sono tutti diritti acquisiti.

lorenzovan

Ven, 18/09/2020 - 18:03

hernando...BALLE..io dopo 43 anni di contributi versati tra Italia Portogallo e Olanda ricevo 220 in Portogallo ..400 in Olanda e due versamenti semestrali di 210 euro dall'italia..Se non avessi fatto la formica ..ora magari dovrei andare a mangiare alla mensa dei poveri

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 18/09/2020 - 18:12

Come ringraziamento possiamo anticipare il taglio ... dei Parlamentari ... ormai "il dado è tratto" e non resta che sorbirsi la sbobba sempre più insipida se non indigesta.

sarascemo

Ven, 18/09/2020 - 18:14

L' articolo un delirio, le proposte di governo oscene, i commenti poi da panico! Il calcolo retributivo è sul sito INPS ed è quasi banale, reddito imponibile annuo da lavoro dipendente, diviso tre, il 5% del risultato. Se in un anno guadagno 21.000 € lordi, sono circa 350 € di reddito da pensione, lordo ad anno, con 43 anni di contributi sono circa 15.000 € lordi di pensione annua. In ogni caso prima di puntarvi la pistola alla tempia verificate sul sito INPS accedendo all' area riservata con SPID.

onurb

Ven, 18/09/2020 - 18:23

lorenzovan. Fa' come me, che continuo a lavorare.

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Ven, 18/09/2020 - 18:34

hernando45 vivere in paesi comunisti ti annebbia il cerebro, se fossi tu capace di intendre avresti notato che mi riferivo al commento di un tuo sodale,studia,pensionato a sbafo...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 18/09/2020 - 19:30

@BEPPONE50 - perchè voi comunisti cosa avete fatto finora? Più che tasse. Siete faziosi fino a lmidollo. Vi hanno coercizzato bene. Solo i polli...

lorenzovan

Ven, 18/09/2020 - 21:13

onurb..vedremo se darai gli stessi consigli quando arriverai a 80 anni...lolololol

MR12

Sab, 19/09/2020 - 10:16

@WjnnEx: mi sa che chi deve studiare è lei. Applicando il coeficiente di trasformazione fissato per chi va in pensione a 60 anni (coeficiente che è 5,163) al montante di 100k, si avrebbero 5163 euro di pensione annuale, non lontana da quella indicata nell'articolo. Usi anche semplicemente la testa: secondo lei è possibile che un istituto di previdenza resituisca in un anno e mezzo tutto quanto è stato versato ? E poi vorrei capire come fa ad arrivare alla cifra di 176 euro partendo da 5000 annuali: se applica una qualche forma di trattenuta su un importo di 5000 euro annuali, dimostra tutta la sua ignoranza in materia. Rifletta e non faccia il leone da tastiera senza avere alcuna competenza.

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Sab, 19/09/2020 - 11:00

MR12 veramente le capre da tastiera siete voi sodali destrorsi,legga il commento del legaiolo di monza: "Tetescone 11e58, guarda che i 5000 sono LORDI, togligli il 38% di IRPEF e un qualcosa dell'addizionale e poi fammi sapere!!! AUGH." Per cui nel commentare sciocchezze,perlomeno mettetevi d'accordo e studiate,capre!

flip

Sab, 19/09/2020 - 11:16

il sistema pensionistico inps, deve essere gestito solo dAI PENSIONATI E DAI SINDACATI E NON DAI BECERI PSEUDO POLITUCOLI da strapazzo.......

MR12

Sab, 19/09/2020 - 11:31

@WjnnEx: lei è la dimostrazione che l'ignoranza spesso si accompagna con l'arroganza. Saluti e a mai più risposte ai suoi commenti perché sarebbe abbassarsi a un livello di ignoranza che non mi si attaglia. Se lei è di sinistra, mi spiace per la sinistra.

flip

Sab, 19/09/2020 - 11:38

la pensione e' un diritto del lavoratori istituido tanti,tanti nni fà da chisapeva e conosceva lafatica degli uomini,,,, Oggi concetto completamente stravolto e volutamente ignorato....Forse, sono cambiati i tempi. sifa meno fatica e si lavora meno. Pertano.... pensione??? addio

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Sab, 19/09/2020 - 11:58

MR12 Classico delle capre da tastiera, appena si scopre la vostra prosopopea fuggite,conigli!

onurb

Lun, 21/09/2020 - 10:22

lorenzovan. Ne ho 75 e tra un mese festeggio 55 anni di lavoro ininterrotto.