Rcs firma oggi la nuova intesa sul debito Ok dei creditori

Il nuovo accordo tra Rcs e gli istituti creditori per il rifinanziamento del debito sarà firmato oggi, probabilmente poco prima del cda convocato per le 17 allo scopo di fornire un aggiornamento su piano industriale e ricapitalizzazione. Il rimborso abbassato a 150 milioni, lo sconto sullo spread di 250 punti e il tetto più basso per il successo dell'operazione (da 400 a 380 milioni) dovrebbero consentire un lieve miglioramento anche dei termini dell'offerta delle nuove azioni.
L'ottimismo che si respira negli ambienti bancari dovrà però confrontarsi con i numeri dell'assise di domani. Fonti vicine a Giuseppe Rotelli (16,5%) hanno fatto sapere che una decisione definitiva sarà presa nell'imminenza dell'assemblea cercando, in pratica, di smontare l'ipotesi da più parti ventilata di un voto favorevole. Un ok è atteso anche dai Pesenti (7,4%) e dai Merloni (2,1%) anche se i primi probabilmente non aderiranno pro quota e i secondi non dovrebbero seguire affatto l'aumento da 400 milioni. Se le previsioni della vigilia fossero confermate, all'opposizione dovrebbe restare il solo Diego Della Valle (8,8%), forse affiancato dai Benetton (4,7%) che tuttavia non ha mai espresso un orientamento definito sul voto pur preannunciando l'intenzione di non aderire. È ovvio che, dopo lo sforzo per la rinegoziazione del contratto di finanziamento da 575 milioni, gli istituti di credito (capeggiati da Intesa, Ubi e Unicredit) si aspettino un esito favorevole. La bocciatura assembleare, oltre al commissariamento, aprirebbe la lunga via del contenzioso. In Borsa Rcs ha ceduto il 3,2% chiudendo a 0,71 euro. Dopo una settimana di rialzi hanno prevalso le prese di beneficio il cui effetto è stato amplificato dall'esiguità del flottante. Sul fronte cessioni, intanto, si registra la conferma dell'offerta di Visibilia (concessionaria pubblicitaria del Giornale; ndr) di Daniela Santanché «entro pochi giorni». La manifestazione di interesse riguarderà Astra, BravaCasa, Novella 2000, Visto e il polo dell'enigmistica.

Commenti