Quella "tassa" occulta sulle vacanze che penalizza il turismo

Altro che governo taglia tasse, l'esecutivo giallorosso ha complicato la vita dei contribuenti italiani. La tassa occulta sulle vacanze è un chiaro esempio

Il governo giallorosso ha più volte ripetuto di aver abbattuto le imposte. Eppure un buon numero di contribuenti italiani dovrà presto fare i conti con quella che può tranquillamente essere definita tassa occulta sulle vacanze.

Spieghiamo meglio cosa significa. Come sottolinea il quotidiano La Verità, nella recente manovra è stato confermato lo slittamento dei rimborsi fiscali per dipendenti e pensionati.

Il termine massimo per presentare la dichiarazione dei redditi è stato spostato da luglio a settembre, precisamente il 30. Questo fa sì che la restituzione delle imposte versate in più slitti a ottobre per i lavoratori dipendenti, addirittura a novembre per i pensionati.

Cosa succedeva prima? Il suddetto modello 730 per la dichiarazione dei redditi andava presentato entro il 23 luglio, così da poter intascare eventuali rimborsi per le tasse in eccesso attraverso la busta paga di luglio, al massimo con quella di agosto.

Da questo gruzzoletto, inoltre, molti italiani erano soliti attingere qualche spicciolo per concedersi un momento di meritato relax, approfittando della bella stagione offerta dal periodo estivo.

La tassa occulta sulle vacanze è la punta dell'iceberg

Adesso cambia tutto. Lo Stato restituirà quanto deve ma lo farà con tre mesi di ritardo rispetto al 2019 ma soprattutto non prima della pausa estiva. Tradotto: niente più tesoretto da spendere in vacanze per i contribuenti italiani e meno guadagni per gli operatori turistici.

Ma non è finita qui, perché il posticipo della scadenza per il 730 è solo la punta dell'iceberg. Ci sono infatti altre norme che limiteranno ulteriormente i consumi degli italiani. A partire dal primo luglio scatterà la mannaia della tassa sulla plastica, un'imposta che costringerà le aziende a pagare 50 centesimi di euro per ogni chilo di polietilene monouso o di materiale per imballaggi prodotti. La tassa finirà sulle spalle dei consumatori, con una spesa media stimata da Federconsumatori pari a 138 euro a famiglia. Non male per un governo "taglia tasse".

Molto presto ci sarà da fare i conti anche con la sugar tax. Ancora una volta, le aziende dovranno mettere mano al portafoglio, e in questo caso pagare 10 centesimi al litro per le bevande zuccherate già pronte all'uso e 25 centesimi al chilo per i prodotti da diluire. Il risultato è che numerose imprese, come ad esempio la Coca Cola, hanno dichiarato di fermare assunzioni e investimenti nel nostro Paese per un possibile calo delle vendite.

A luglio ci sarà poi la stangata sulle auto aziendali, poi, in ordine sparso, vale la pena citare la cedolare secca solo sulle abitazioni e non più per gli esercizi commerciali, le detrazioni valide solo se realizzate per via digitale, l'evaporazione della flat tax al 15% e il nuovo limite per l'uso del contante.

Tutte misure, quelle elencate, che contribuiscono a complicare la vita dei contribuenti e, in certi casi, ad alleggerire i loro portafogli.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

bernardo47

Ven, 03/01/2020 - 15:39

Lo spostamento dei rimborsi irpef a dipendenti e pensionati, di be tre mesi, è demenziale caro Gualtieri e soci! La avete fatto fuori dal vaso! Bischeri!

cir

Ven, 03/01/2020 - 15:46

Federico Giuliani .Complimenti un ragionamento piu' stupido non le riuscirebbe mai piu' !

gonggong

Ven, 03/01/2020 - 16:03

IL COMUNISMO E' IL MALE DELLA NOSTRA SOCIETA' ancora oggi basta andare nei paesi ex comunisti o ancora sotto il comunismo,per rendersi conto che il comunismo e' IL CANCRO DEI POPOLI

Ritratto di faman

faman

Ven, 03/01/2020 - 16:36

ma certo, tutti aspettiamo i rimborsi per andare in vacanza....ma per piacere

jaguar

Ven, 03/01/2020 - 16:44

I sostenitori del governo giallorosso saranno entusiasti delle nuove tasse.

guido.blarzino

Ven, 03/01/2020 - 16:57

Il 31.07.2019 l'INPS ha comunicato che le 14me programmate per il pagamento erano 3.150.000. Vedo commenti non pertinenti e quindi non infornati.

bernardo47

Ven, 03/01/2020 - 17:15

gonggong.....ma cosa ci entra il comunismo? .....ma ancora sta li' lei? suvvia.Hanno fatto una sciocchezza, che grava su dipendenti e pensionati sopratutto, che in genere sono proprio i contribuenti onesti! tutto qua!

cgf

Ven, 03/01/2020 - 17:41

l'abolizione del contante è una delle cose più stupide, ma efficaci, per far arricchire chi è già ricco. Col contante io pago 100 e chi incassa ha 100 da spendere, senza contante io pago 100 e chi incassa rimane 95-96 (se non meno), indovinate dove va quella "tassa"? Ergo che chi mi vende a 100, per continuare a stare dentro ai suoi conti, più cautelarsi perché ci sono altri costi inerenti a non uso del contante, più imprevisti, aumento per aumento arrivo a 110 e senza paura perché TUTTI DOVRANNO fare così. Chi renderà ancora più ricche gli istituti finanziari? gia! Lotta all'evasione? beh… negli USA puoi comprare un appartamento in contanti, ma hanno altri sistemi per scovare gli evasori, i nostri non hanno idee.

caren

Ven, 03/01/2020 - 17:46

E meno male che avevano promesso che i rimborsi IRPEF non sarebbero stati procrastinati, sempre che non li aboliscano. Il governo del qui lo dico e qui lo nego. faman, il giornalista ha ipotizzato un qualcosa di concreto, vacanze o non vacanze. Pensi un po' quanta gente, quei rimborsi li aveva messi in conto spese per poter pagare almeno una bolletta.

tiromancino

Ven, 03/01/2020 - 17:48

È il governo del rinvio, basta ascoltare ciò che dicono e se ne vantano purè! Miserabili

bernardo47

Ven, 03/01/2020 - 17:53

avere spostato il diritto ai rimborsi irpef a pensionati e dipendenti di ben tre mesi, caro Gualtieri e soci, e' cosa molto sbagliata, perche' le persone fanno affidamento su quei loro quattrini, alle scadenze previste e non a quelle che fanno comodo a te! La hai fatto di fuori alla grandissima caro topo! scrivitelo!

titina

Ven, 03/01/2020 - 17:56

Anno nuovo vita nuova: niente più bevande zuccherate e niente prodotti in tetraplack. Mi dispiace solo che le bottiglie dell'acqua sono in plastica e non posso fare a meno di berla

bruco52

Ven, 03/01/2020 - 18:01

le facce di bronzo dei sinistri appaiono in tutti i tg e affermano che hanno abbassato le tasse e dato alle famiglie....che grandissimi imbroglioni, ma comunque gli Italiani non hanno la sveglia al collo e presto o tardi, speriamo presto, presenteranno il conto a questi ladri di soldi, democrazia e libertà ....

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 03/01/2020 - 22:27

Non sanno più che tasse inventarsi. Dopo la tassa sull'ombra ai commercianti, hanno superato ogni limite.

Ritratto di faman

faman

Sab, 04/01/2020 - 11:28

bruco52-Ven, 03/01/2020 - 18:01: e il faccione di Salvini non è forse sempre presente ovunque?

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Sab, 04/01/2020 - 20:47

@gonggong Ma il comunismo dove lo vede? Un ramo della mia famiglia ci ha vissuto sotto il "socialismo reale", un'esperienza per molti versi spiacevolissima. Ma non c'era disoccupazione, patria e bandiera erano sacre e il governo non genocidava l'intera popolazione impendendole di figliare con tasse esose e importando africani. I problemi erano altri. L'odierno regime è liberale e liberista. Ogni secolo ha i suoi mali, ma i popoli sottomessi al comunismo almeno chiamavano il loro male con il nome giusto. A noi non riesce nemmeno quello. Si tolga le lenti bicolori da sopravvissuto alla guerra fredda e apra gli occhi.