Telecom Sms meno cari da settembre

Da settembre Telecom ha deciso di portare il costo base degli sms su tutte le nuove Tim Card che verranno attivate da 15 a 10 centesimi. In pratica la società telefonica ha deciso, prima di incorrere in eventuali indagini da parte di Authority e Antitrust, di fare tesoro dell’indagine effettuata dal garante dei prezzi che indicava gli short message spediti dagli utenti italiani come i più cari d’Europa. L’indagine è stata ovviamente subito «sposata» da Adusbef e Federconsumatori ma in parte smentita da Stefano Parisi, amministratore delegato di Fastweb e presidente di Asstel, ossia l’associazione delle società telefoniche, che metteva in risalto la possibilità data agli utenti di effettuare abbonamenti particolarmente convenienti per spedire sms. Il risultato finale, secondo Parisi (e naturalmente le società interessate) è che agli utenti gli sms costano non certo i 15 centesimi della tariffa piena ma una media di circa 3 centesimi l’uno. Per le società di tlc circa l’80% degli utenti si avvale di offerte convenienti per gli sms ma le associazioni dei consumatori non desistono: «Se il costo pagato dagli utenti è di 3 centesimi di euro per gli sms, vuol dire comunque che alcuni utenti che non sono in grado di accedere alle offerte più basse e pagano quindi 15 centesimi ad invio, i costi più elevati in assoluto d’Europa dove la media è di 6/7 centesimi, potrebbero essere autorizzati a richiedere la differenza di 12 centesimi».

Commenti