Torna la forza relativa favorevole di Borsa italiana rispetto alle altre borse?

Con l'aria favorevole intorno alle prospettive dell'economia italiana possiamo vedere tra breve una forza relativa favorevole della nostra Borsa. Non succede da almeno 20 anni

Torna la forza relativa favorevole di Borsa italiana rispetto alle altre borse?

Quando sei in vista del massimo relativo precedente possono succedere 2 cose: la rottura del massimo precedente e allora ne vediamo delle belle oppure il ritracciamento (doppio massimo ?). La risposta a questa domanda non ce l'abbiamo e se ce l'avessimo saremmo già ricchi fin da ora. Però possiamo fare delle congetture: con l'aria favorevole che gira intorno alle prospettive dell'economia italiana possiamo vedere tra breve una forza relativa favorevole della nostra Borsa rispetto alle Borse internazionali. E sarebbe un evento che non succede da almeno 20 anni, e questo la dice lunga sulla straordinarietà di questo momento storico.

La nostra impostazione è potentemente rialzista: ormai ottobre è passato e tutti noi sappiamo che ottobre è il mese maledetto, quello in cui i prezzi di Borsa stornano e tutti noi ci chiediamo se questo che abbiamo visto è lo storno allora chissà che botto farà il rialzo.

Ma niente è per sempre. Lo diciamo in continuazione perché soprattutto quando si parla di Borsa e azioni è importante ricordare che tutto cambia, si evolve. I cicli finiscono. Una prova di questa verità ce la dà l'Independent Trend Index, che per la prima volta dopo tanto tempo ci mostra un ranking diverso dal solito.

Come vediamo dalla tabella, che potete trovare free cliccando qui >> , abbiamo sottolineato in rosso il titolo di cui parleremo oggi, azioni Seco, e in blu quelli che abbiamo trattato nelle settimane passate. In modo particolare vi segnaliamo azioni Ediliziacrobatica, adesso al quinto posto dopo mesi di primato assoluto nella classifica dell'ITI.

AZIONI SECO: Il gruppo, attivo nel campo dell'innovazione e dell'integrazione tecnologica, ha debuttato a Piazza Affari lo scorso 5 maggio con un prezzo di offerta delle azioni fissato a 3,7 euro. Parliamo quindi di un novellino della Borsa che vi segnaliamo per la sua rapidità. Dopo i primi mesi di stallo, infatti, a partire da agosto è iniziato un rialzo che sta portando i prezzi sempre più su; facendo segnalare già un +119,7% rispetto al lancio.

I risultati incoraggianti nel grafico, che ci portano a guardare con curiosità il nuovo arrivato, si rispecchiano perfettamente nelle notizie societarie. Seco ha infatti chiuso i primi sei mesi dell'anno con ricavi per 43,2 milioni di euro, in crescita del 13% rispetto alla stesso periodo dello scorso anno. Migliorato anche l'Ebitda adjusted, passato da 7,5 milioni a 9,3 milioni di euro. Il management del gruppo, sulla base dei risultati registrati, aveva previsto un terzo trimestre da record e, a quanto pare, così è stato: sulla base dei dati gestionali preliminari relativi al periodo, da luglio a settembre sembra che i ricavi siano stati di 25,2 milioni di euro, in crescita del 52% rispetto agli stessi mesi 2020.

Commenti