Ubi «stringe» su Etruria & C A inizio dicembre il verdetto

Pesa il cortocircuito tra politica e Bce

Il braccio di ferro con la Bce per portare Banca Etruria, Banca Marche e CariChieti tra le braccia di Ubi è alla fase finale. L'acquisizione potrebbe essere annunciata a inizio dicembre, con il probabile intervento sia del Fondo Atlante, così da ripulire le tre good bank dalle sofferenze, sia del Fondo di tutela dei depositi (nella veste di nuovo azionista). Lo schema è comunque in fase di aggiustamento nei prossimi incontri programmati con la Vigilanza.

A poco meno di in anno dal salvataggio di sistema di Etruria & C tramite il Fondo di risoluzione, tutto resta insomma appeso a quanto spazio di manovra concederà l'Eurotower a Victor Massiah. L'ad di Ubi è infatti determinato a non compiere alcun passo che non crei valore per i soci, anche perché il riassetto dovrà passare da un'assemblea straordinaria dove sarà determinante il voto gli investitori istituzionali.

C'è quindi un evidente cortocircuito di intenti per quella parte della politica che prima ha spinto le grandi popolari a divenatare spa - Ubi è peraltro stata la prima a obbedire alla riforma Renzi - e ora sta aumentando il pressing perché Brescia rompa gli indugi. Non solo, il passaggio di Etruria & C ad Ubi comporterà, a meno di sorprese, una nuova «fattura» da 1,8 miliardi per il sistema bancario italiano, cioè l'intero prezzo di carico delle 4 good bank sul Fondo di risoluzione. Contraccolpo che le banche dovrebbero poter spalmare in cinque anni. CariFerrara sarà invece lasciata al Fondo di tutela.

MR

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

unosolo

Dom, 13/11/2016 - 15:06

ma ancora indagano su 30 direttori delle banche per aver giocato con i risparmiatori e chissà se poi arrivano ai CDA sostituiti e ai decreti che salvarono i genitori e le banche , visto mai mucinando e raggirando le carte le pulci escono fuori......