Vittime salva-banche: "Trasferiamo i conti in altri istituti"

Le vittime del Salva-Banche, "truffate dal decreto 180/2015, stanno trasferendo in altri istituti, o altrove, quello che rimane dei propri risparmi, trasferendo i loro conti correnti siti presso la Nuova Banca Popolare di Etruria e del Lazio, la Nuova Banca Marche, la Nuova Banca Carife e la Nuova Carichieti"

Le vittime del Salva-Banche, "truffate dal decreto 180/2015, stanno trasferendo in altri istituti, o altrove, quello che rimane dei propri risparmi, trasferendo i loro conti correnti siti presso la Nuova Banca Popolare di Etruria e del Lazio, la Nuova Banca Marche, la Nuova Banca Carife e la Nuova Carichieti". Lo annuncia una nota del gruppo «Vittime del Salva Banche» precisando che tutti erano correntisti delle 4 banche salvate e che "sono stati spinti, in maniera obbligata ed inconsapevole,a d acquistare obbligazioni subordinate".

Le obbligazioni subordinate erano "vendute dagli stessi dipendenti delle 4 banche, come titoli sicuri e con tassi di interesse bassi, quindi che non presupponevano alcun speculazione e rischio. Per questo i correntisti stanno già procedendo al trasferimento dei propri conti correnti in altri Istituti che non siano collegati alla dirigenza delle 4 vecchie e nuove banche e ai probabili Istituti che a gennaio acquisteranno le nuove banche. Per la maggior parte, ricorrerà ad Istituti che godono di una vigilanza più attenta rispetto a quella che è stata in grado di fornire Bankitalia. A breve il gruppo delle Vittime del Salva Banche darà informazioni riguardo alle cause di frode, mancata vigilanza, dichiarazioni false al mercato e notizia sulle azioni che intraprenderanno contro tutti le istituzioni e i protagonisti coinvolti, con la coordinazione di Adusbef e Federconsumatori. Le vittime del Salva Banche informa, inoltre, che non accetterà alcun contentino e si batterà per questa causa fino a quando non verranno risarciti agli obbligazionisti il capitale e gli interessi o titoli comparabili dalla nuova banca e agli azionisti un warrant "sintetico" 1:1 ratio, in grado di permettere la sottoscrizione di percentuale di sconto definita, nel caso di quotazione in borsa della nuova entità.
Uno degli obiettivi del gruppo è quello di portare alla luce ed informare quante più persone possibili, dell’accaduto e delle sue ripercussioni. Delle conseguenze che ogni risparmiatore italiano potrebbe ingiustamente subire con l’entrata in vigore del Bail-in, al fine che ogni cliente di tutte le banche possa tutelare i suoi risparmi e proteggersi. Le Vittime del Salva Banche "ringraziano per la collaborazione Adusbef e Federconsumatori, rispettivamente nella persona del Prof. e On. Lannutti e il Dott. Trefiletti per il loro appoggio e la loro collaborazione. Il Movimento 5 Stelle per aver depositato il subemendamento a tutela dei risparmiatori, raccolto e trasmesso le nostre testimonianze in Commissione, durante la manifestazione del 6 dicembre a Montecitorio".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

giovauriem

Lun, 07/12/2015 - 15:15

trasferiscono i conti in altre banche ? in italia ci sono solo due gruppi bancari che accorpano anche le banche in questione , i due gruppi fanno cartello contro i risparmiatori cittadini .

glasnost

Lun, 07/12/2015 - 15:54

Bisogna mettere i soldi nelle banche che non sono della sinistra. Io conosco solo Mediolanum, ma magari ne esiste qualcun'altra. Ritengo siano le sole ad essere oneste perlomeno perché con esse la Magistratura non chiuderebbe mai un occhio, come fa con le altre. MPS docet.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 07/12/2015 - 16:43

Oh, mi raccomando, adesso portate i soldi in un altra banca in area Pd. Fessi, e li votavano pure.

beale

Lun, 07/12/2015 - 17:02

quando i buoi sono scappati. è da oltre 10 anni (questo blog è testimone) che esorto a ribellarsi al conto corrente obbligatorio cambiando banca continuamente.

Ritratto di ermetere

ermetere

Lun, 07/12/2015 - 17:12

Una o due banche serie a San Marino (verificare la loro solidità). Conto corrente postale a Lugano o Chiasso (svizzero e di Stato), al limite Bancoposta Italiano, almeno fino a quando la percentuale pubblica non scende sotto il 50%, poi elimini pure quello. E solo per il minimo indispensabile, pensionati, aziende, altrimenti, meglio materasso e oro da investimento, pur con alti e bassi, alla fine premia.

vince50_19

Lun, 07/12/2015 - 18:16

In bamca bisogna tenere il minimo indispensabile: è l'unico modo per farle crepare senza che mangino i nostri risparmi. Il resto è meglio investirlo fuori dall'area bancaria, altrimenti è ugualmente fuffa.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 07/12/2015 - 18:57

non c'è nessuna banca sicura. Provate a ritirare tutti quanti quello che avete (sempre chè, potete) e vedrete vanno tutte in bancarotta. Visto che li avete in mano i risparmi, nascondetevele in casa. Non c'è niente di sicuro, guardate quelli che hanno preferito l'oro quando costava 1800 euro ora ne costa 1100, chi ha acquistati la casa 10 anni fa ora costa il 20% in meno, tieni banconote in euro e se fanno cadere l'euro? Non vi danno tempo di cambiarle in Franchi svizzeri o dollari che si saranno svalutate del 50%. Comprate terreni ed arriva una bella tassa che dissangua i proprietari dei terreni. Ormai siamo nel comunismo, tutto ma proprio tutto va espropriato, non avete chance.

Ritratto di ermetere

ermetere

Lun, 07/12/2015 - 20:26

@ vince50_19: Poco ma sicuro. Ci sono migliaia di piccole imprese solide che vorrebbero investire, ma non ricevono credito alcuno, od a tassi assurdi pure per l'ordinaria amministrazione. Hai i soldi? Verifica con un promotore serio (a trovarli), la possibilità di investire in tali imprese, commerciali e industriali. Obbligazioni, Warrant, Azioni o Quote... ecco che i soldi arrivano. Pochi, magari, ma arrivano. Ed il valore delle imprese sane, sale solo, non cala mai, non essendo fuffa finanziaria...

marco999

Lun, 07/12/2015 - 21:45

la magistratura deve cercare i VERI colpevoli: il 29/5/2014 Vicenza offre 1 euro per azione, il Cda di Etruria non accetta, ma non convoca l' assemblea, non da spiegazioni o informazioni sulla trattativa Ora è chiaro che Vicenza non aveva il denaro per l' opa, ma probabilmente ha usato questo Bluff per convincere i propri azionisti a fare un ADC a prezzi gonfiati, SOLO con quello ha superato gli stress test B.P.VICENZA è uno dei soggetti che ha tratto un enorme vantaggio dal BLUFF dell' opa. (ora si trova sotto indagine della GDF per aggiotaggio) http://www.arezzonotizie.it/cronaca/banca-popolare-di-vicenza-propose-lacquisto-di-banca-etruria-oggi-accuse-di-aggiotaggio/ http://www.codacons.it/articoli/banca_popolare_di_vicenza_indagati_il_presidente_e_lex_ad_per_quel_buco_da_1_miliardo_scoperto_solo_dalla_bce__280424.html leggete anche alcuni articoli 2014 da pag4-5: http://www.quotidiano.net/ricerca?q=bpel&a=search&pageNumber=4

ziobeppe1951

Mar, 08/12/2015 - 01:07

Neanche Breznev metteva i suoi capitali nelle banche komuniste

Ritratto di SAXO

SAXO

Mar, 08/12/2015 - 11:18

DO-UT-DES D ACCORDO CON IL TUO COMMENTO.

beale

Mar, 08/12/2015 - 11:36

se ogni giorno 50 correntisti di ciascuna banca chiede di trasferire il conto si blocca il sistema.tra carte di credito e debito da estinguere e quelle da emettere con eventuali conto titoli, mutui, utenze ecc. si dimostrerebbe che non siamo pecore.

michetta

Mer, 09/12/2015 - 09:44

....ma soprattutto, non spargete la voce! Far sapere tutto quanto riguardi le nostre sostanze, aprira' maggiormente le porte a tanti ladri dell'est europeo e nordafricani, che sia Prodi, che Renzi, hanno voluto quì da noi, con il beneplacido del Papa Bergoglio, tanto disponibile a distribuire.....le nostre sostanze! ED ATTENZIONE AI PORTAFOGLI!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 10/12/2015 - 10:46

ermete meglio metterli in banca estera e dichiararli allo Stato italiano almeno si è sicuri che non fallisce e non li rubano.