Espansione, l’energia a un prezzo competitivo

Permettere ai suoi clienti di massimizzare i vantaggi derivanti dalla liberalizzazione del mercato energetico, offrendo un prezzo competitivo. Un obiettivo che porta avanti rivolgendosi a piccole, medie e grandi imprese industriali, artigianali e commerciali, enti e comunità. Stiamo parlando di Espansione, società «grossista» fondata nel 2002 da Unione degli industriali della provincia di Varese, Confindustria Lecco, Confindustria Alto Milanese, Energy Advisors (come partner tecnico) e basata sull’esperienza maturata dai Consorzi di Lecco e Varese. Istituzioni che, già dal 1999, avevano raccolto la sfida della liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica come soggetti aggregatori di domanda. Negli anni successivi, alla compagine societaria di Espansione si sono aggiunti anche Confindustria Como ed Erg Power & Gas.
Espansione (che ha sede a Gallarate, nel Varesotto, e ha un sito all’indirizzo www.espansione-energia.it) è diventata in poco tempo una importante realtà del panorama energetico nazionale. Nel 2003 Espansione riforniva 400 siti produttivi triplicati già nel 2007, con un'operatività che oggi tocca Lombardia, Lazio, Veneto, Puglia, Emilia Romagna, Toscana e Liguria, solo per citare gli esempi più significativi. «Espansione - spiega Marino Vago, presidente della società - offre vantaggi alla clientela sia nelle tariffe, tra le più competitive sul mercato, soprattutto se ad essere riforniti sono i consorzi di imprese, sia in termini di servizio. Chi si rivolge a Espansione può essere certo che non avrà mai a che fare con un call center di migliaia di operatori che rimbalzano la tua richiesta. La nostra principale forza è il contatto diretto fornitore-cliente». Quello dell’energia è un mercato in continua evoluzione, che richiede ai suoi attori capacità di adattamento per sopravvivere e aumentare la propria competitività.
«Ci troviamo davanti - concorda Vago - a un mercato schizofrenico e difficilmente prevedibile. Ma la nostra flessibilità ci permetterà di cogliere qualsiasi evoluzione, anche quella più repentina. Grazie alla struttura snella, studiata sulle esigenze delle imprese, siamo in grado di cambiare velocemente, adattandoci a qualsiasi turbolenza». Recentemente Espansione ha deciso di rafforzarsi stringendo un accordo strategico e azionario con un grande operatore italiano del mercato dell’energia: Erg.
«L’operazione con Erg Power & Gas - osserva il presidente del “grossista” energetico - è stata studiata per permettere a Espansione di diventare un vero protagonista, non solo locale, dell’intera filiera energetica. La partnership con Erg ha rappresentato un passo avanti importante. Oltre alla commercializzazione dell’energia elettrica, ora Espansione può contare sulla partecipazione diretta di un produttore che opera sia attraverso le fonti tradizionali, sia attraverso l’utilizzo di fonti rinnovabili. Con l’obiettivo di garantire alle nostre imprese clienti risultati sempre più favorevoli. Quantitativamente il nostro obiettivo è di raggiungere una dimensione sufficientemente grande da avere un appeal sul mercato pari a quello dei grandi operatori, con un servizio che, qualitativamente, rimanga tarato sulle imprese clienti. Vogliamo essere una boutique low cost dell’energia: prezzi in linea con i migliori, con un servizio prossimo, agli utenti che le più grandi strutture non possono permettersi di garantire».
Quali novità si attende, o addirittura auspica, Espansione da parte dei legislatori e degli enti nazionali che si occupano di energia? «Innanzitutto - risponde Vago - speriamo che le misure adottate dal governo con il decreto anticrisi, per aumentare la concorrenza sul mercato energetico con l’istituzione di commissari ad acta per la realizzazione di grandi infrastrutture di rete, trovino presto attuazione. Dobbiamo recuperare velocemente il tempo perduto dal sistema paese che ha bisogno di investimenti decennali, in grado di sopperire alle non-decisioni del passato. La priorità non può che essere quella di velocizzare il processo di completa liberalizzazione, colmando finalmente quel divario di costi che vede le imprese italiane pagare la più alta bolletta energetica d’Europa».
Tra le ultime iniziative intraprese dalla società se ne conta una nel settore dell’educazione e della formazione: un accordo con l’Università Carlo Cattaneo-Liuc. Quali gli obiettivi? «Con la partecipazione di Espansione al Percorso di Eccellenza in Energy Management - spiega Vago - si incontrano sulla stessa strada i due più importanti e ambiziosi progetti portati avanti con successo dall’Unione degli industriali della provincia di Varese negli ultimi anni. Da una parte l’Università Carlo Cattaneo, dall’altra Espansione Srl. L’energia e una sua corretta gestione rappresentano uno dei più importanti fattori di competitività delle imprese. Su questo fronte Espansione ha acquisito in questi anni un livello di competenza elevato. Vogliamo affrontare anche la sfida della formazione per dimostrare nelle aule universitarie ciò che abbiamo appreso sul campo. Intendiamo mettere a disposizione dei manager del futuro la cultura dei fatti. Sicuri che il mercato del lavoro, soprattutto quello a cui danno vita le Pmi, avrà sempre più bisogno di professionisti in grado di affrontare le sfide del mercato energetico».