BEFFA PER GLI ITALIANI Il rischio di un conflitto fa volare la benzina

L'effetto-Siria fa salire il prezzo dei carburanti con la verde che ha sfiorato 1,90 euro al litro nel fine settimana. È quanto emerge dalle rivelazioni di Quotidiano energia e Staffetta quotidiana. Le medie nazionali della benzina e del diesel sono rispettivamente di 1,847 e 1,750. Questo mentre i prezzi internazionali del petrolio sui mercati asiatici sono in calo dopo che il presidente Usa Barack Obama ha rinviato l'attacco alla Siria. Il Codacons pubblica però le foto di alcuni distributori dove davvero si esagera: per la verde la maglia nera spetta ad un distributore di Milano, dove un litro di benzina sfonda quota 2 euro e viene venduto a 2,009 euro al litro. Per il gasolio, invece, il prezzo più elevato si raggiunge presso Rovereto (Tn), dove un litro di diesel viene venduto a 1,907, per la benzina 1,994 euro al litro».
L'Unione petrolifera parla di «allarme infondato»: Il prezzo medio nazionale stimato sulla base dei dati rilevati dal Ministero dello Sviluppo Economico «è infatti attualmente intorno a 1,780 euro/litro per la benzina e 1,670 euro/litro per il gasolio».

Commenti

Grazie per il tuo commento