Cleveland, il racconto delle rapite: cinque figli partoriti in prigionia

Sequestrate per dieci anni, le tre donne liberate ieri avrebbero messo al mondo almeno cinque figli. Nessuno è sopravvissuto

Cleveland, il racconto delle rapite: cinque figli partoriti in prigionia

Il giorno dopo la liberazione delle tre donne rapite e tenute per dieci anni rinchiuse in una casa a Cleveland, gli investigatori cominciano a scavare alla ricerca della verità. E dalle testimonianze di Amanda Barry (27 anni), Gina Dejesus (23 anni) e Michelle Knight (32 anni) emergono i primi dettagli del lunghissimo sequestro.

Durante il periodo trascorso in prigionia le donne avrebbero messo al mondo almeno tre figli. Nessuno è sopravvisuto, per cause che ancora non si conoscono. Newschannel 5 - che cita fonti investigative - parla di tre aborti dovuti alla malnutrizione. Altre fonti - riportate dalla tv Wkyc - addebitano invece i decessi ai pestaggi a cui i sequestratori sottoponevano le donne quando rimanevano incinte. Al momento della liberazione, ieri, con le tre donne rapite si trovava una bambina di sei anni, figlia di Amanda Barry.

Oggi il Federal Bureau interrogherà i tre uomini sospettati per il sequestro. Uno di loro, Ariel Castro, ha avuto in passato problemi per violenze domestiche, ma nessuna condanna. Gli inquirenti indagano a fondo anche sui fratelli, Onil (50 anni) e Pedro (54 anni).

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento