La crisi fa paura, Borse europee in rossoLe ricadute economiche

I venti di guerra tra Russia e Ucraina tengono in ostaggio i mercati. Borse e spread sono sotto pressione e anche Piazza Affari finisce in rosso nonostante i segnali di ottimismo sull'Italia elargiti da Fitch.
L'agenzia di rating ha confermato il rating italiano a «BBB+» e ha migliorato l'outlook da «negativo» a «stabile» spiegando che la recessione è ormai alle spalle e i rischi legati alle banche si sono ridotti.
Ma a Piazza Affari l'effetto Fitch non c'è stato, «bruciato» dalle notizie delle azioni di guerriglia tra Kiev e Mosca.
Milano ha aperto in ribasso frazionale e, al pari delle altre piazze europee, ha ampliato le perdite per poi chiudere a -1,73% seguita da Francoforte a -1,54%, Parigi -0,80%, Londra -0,26% e Madrid -1,49%.
L'escalation della tensione tra Russia e Ucraina, mentre si fa più aspro il braccio di ferro fra il blocco Usa-Europa e il Cremlino tra minacce di ulteriori sanzioni e ritorsioni, ha spinto Standard & Poor's a tagliare il rating della Russia (da «BBB» a «BBB-» con outlook negativo) portandolo all'ultimo gradino prima di junk, ossia spazzatura. Il rublo si è deprezzato ancora e neanche la mossa di Mosca di alzare il tasso di interesse dal 7 al 7,5% è riuscita ad arginare la discesa della moneta russa.

Commenti